EDITORIALE

Perché l'atomica torna a fare paura

Perché l'atomica torna a fare paura
Ricevi gratis le news
3

La paura di una guerra nucleare sembrava un sentimento non più di moda, una cosa da secolo scorso, da archiviare assieme ai bunker anti-atomici, agli opuscoli su cosa fare in caso di attacco nucleare, alle discussioni sulla dislocazione dei missili americani in Europa in risposta alla minaccia dell'Unione Sovietica. Una paura, appunto, morta con l'Unione Sovietica, l'«impero del male» di reaganiana memoria.

E in effetti, dopo l'implosione del potere sovietico la strada sembrava tracciata. La certezza della «mutual assured destruction» - in acronimo «Mad», che in inglese vuol dire «pazzo» -, cioè la certezza che l'Unione Sovietica, gli Stati Uniti e il mondo più in generale, non sarebbero sopravvissuti a un conflitto nucleare era riuscita a mantenere l'equilibrio del terrore, e, in sostanza, a farci rimanere vivi. Ora con un chiaro vincitore - gli Stati Uniti - non c'era più bisogno di quella montagna di armi nucleari che le due superpotenze avevano accumulato. E in effetti, per anni, la diminuzione concordata dei due arsenali nucleari principali (quello russo e quello americano) è andata avanti in modo soddisfacente. Sembrava quindi che l'epoca del terrore atomico fosse sul punto di finire. Altre paure avevano preso il suo posto: la minaccia dell'estremismo islamico, per esempio, la preoccupazione per il riscaldamento climatico o per gli squilibri dell'economia mondiale.

In questi giorni, però, tutto d'un tratto, ci troviamo di fronte a un nuovo ritorno delle vecchie paure. Papa Francesco proprio ieri lo ha ricordato: «Si, - ha detto il Pontefice in viaggio verso il Cile - ho davvero paura. Siamo al limite. Basta un incidente per innescare la guerra. Di questo passo la situazione rischia di precipitare. Quindi bisogna distruggere le armi, adoperarci per il disarmo nucleare». Sabato scorso, poi, alle Hawaii un impiegato federale, schiacciando il bottone sbagliato, ha diffuso per errore un'allerta attacco missilistico e ha provocato il panico nello stato americano più vicino alla Corea del Nord. Nelle attuali condizioni, infatti, è una minaccia credibile.

E questo ci avvicina al cuore dell'attuale incarnazione del problema. E' venuto meno lo scontro titanico tra le superpotenze, ma i conflitti regionali sono rimasti e, se possibile, sono diventati più sanguinosi. Allo stesso tempo molte nazioni (Israele, Pakistan, India e Corea del Nord) in modo esplicito o implicito (Tel Aviv non ha mai confermato la propria capacità nucleare) hanno armi atomiche. E' probabile che anche l'Iran, nonostante gli sforzi internazionali e le azioni di disturbo da parte di Israele e Stati Uniti, nei prossimi anni possa entrare nel club. La tensione dell'area è, infatti, altissima e in queste condizioni è difficile far funzionare i trattati appena firmati e già in procinto di essere smantellati.

A questo si aggiunge un atteggiamento molto più aggressivo riguardo all'uso delle armi nucleari da parte di Russia e Stati Uniti. Nei prossimi mesi la Casa Bianca dovrà pubblicare la nuova «Nuclear Posture Review», il documento che spiega la politica nucleare statunitense. Le bozze che - attraverso una «soffiata» - sono arrivate alla stampa parlano dello sviluppo di nuove armi nucleari «leggere» e della possibilità di una risposta nucleare da parte Usa a un massiccio attacco non-atomico. Si tratta, appunto, di bozze e i documenti ufficiali saranno più sfumati. Ma l'orologio dell'Olocausto atomico si è rimesso in moto. E di questo dovremmo essere tutti preoccupati. Non solo il Papa.

pferrandi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ingeniere

    17 Gennaio @ 08.11

    la paura sicuramente c'è ma perché al mondo ci sono due teste come l'americano e il coreano che sembrano due bambini

    Rispondi

  • gigiprimo

    16 Gennaio @ 20.53

    vignolipierluigi@alice.it

    Mi preoccupo si! Ma non per le grandi potenze ma per quei piccoli stati che nulla hanno da perdere, Pakistan Corea del nord ( che se dovesse unirsi con quella del sud non so dove arriverebbero), Iran e forse altri. Non dimentico la Cina, ma quella va a braccetto coi primi due.

    Rispondi

  • la rivolta di atlante

    16 Gennaio @ 19.42

    la rivolta di atlante

    NON ERO PREOCCUPATO CON L' URSS FIGURATI CON PUTIN E TRUMP.... SI METTONO D' ACCORDO IN UN NANOSECONDO... SENZA NEMMENO TELEFONARSI... NON SONO DEI CLINTON-OBAMA.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"La Buca dei diavoli"

CHICHIBIO

"La Buca dei diavoli": non solo pizza secondo tradizione

Lealtrenotizie

Notturni in Musica. I successi del jazz e del musical

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

3commenti

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

COMITATO

Manifesto per San Leonardo chiede più sicurezza: "Non installate le telecamere promesse"

Lettera aperta alla giunta comunale: "Bene essere capitale della cultura ma vorremmo che Parma fosse città sicura 2018"

2commenti

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat