EDITORIALE

La strana democrazia delle parlamentarie

La strana democrazia delle parlamentarie
Ricevi gratis le news
1

Volano gli stracci in casa del Movimento 5 Stelle. Lo spettacolo che il «non partito» grillino sta dando di sé all'indomani del caotico esito delle parlamentarie è tutt'altro che edificante per chi simpatizza per quella parte e offre un formidabile assist per chi la osteggia. L'idea di aprire a chiunque le candidature per Camera e Senato, in significativa contrapposizione con gli indicibili mercanteggiamenti che si consumano nelle segreterie dei partiti, offriva in partenza un non trascurabile vantaggio al movimento di Grillo, che poteva spendere quella carta per vantare la trasparenza e la democraticità nella composizione delle proprie liste. Ma questo iniziale e teorico patrimonio di credibilità è stato ben presto dilapidato alla luce dello sconfortante scenario che si è presentato a parlamentarie chiuse.
La miriade di contestazioni, recriminazioni e denunce da parte di tanti esclusi ha determinato un vociare confuso e astioso, che più che la nobile delusione politica per non poter avere l'onore di rappresentare la nazione, sembrerebbe denotare il risentimento per non essere riusciti a infilarsi nella lista magica di quelli che (dato il prevedibile corposo bottino di seggi del M5S) aspirano a sistemarsi per cinque anni a Montecitorio o a Palazzo Madama. Già si parla di ricorsi a raffica per far valere quello che ciascuno degli scontenti rivendica come un proprio sacrosanto diritto a essere candidato. Mettiamo pure che alcuni di questi ricorsi possano essere accolti e che chi li vince poi risulti effettivamente eletto in Parlamento: quale spirito di collaborazione potrà mai albergare in un gruppo parlamentare che prima ancora di nascere ha visto i propri futuri membri azzuffarsi a suon di carte bollate pur di accaparrarsi l'agognato strapuntino?
Quando cinque anni fa un considerevole esercito di neo parlamentari pentastellati si ritrovò catapultato nei palazzi romani dopo che molti di loro avevano vinto le parlamentarie con una manciata di voti (allo stesso Di Maio per partecipare alle elezioni politiche ne bastarono 189), i maligni parlarono di «miracolati», di parecchia gente che grazie a quello scranno poté assicurarsi uno stipendio che fino ad allora non si era neanche sognato, avendo per lo più alle spalle impieghi precari quando non del tutto assenti. Ora la gazzarra scatenata dai tanti esclusi rischia di alimentare ulteriormente il sospetto che tutto questo sgomitare abbia talora finalità non propriamente alte e nobili.
E comunque tutto questo, sia ben chiaro, non necessariamente implica che i protestatari non abbiano una qualche valida ragione per contestare il vertice. In effetti, a fronte della trasparenza di una procedura che consente a chiunque di candidarsi, non si può non constatare l'opacità del criterio di selezione dei candidabili, con un ineffabile e quasi orwelliano «staff» che stabilisce senza possibilità di appello chi può correre e chi no e con il sospetto che in non pochi casi le esclusioni siano state decise in modo a dir poco arbitrario. E allora – viene da chiedersi – alla fine dov'è la tanto decantata differenza rispetto ai partiti tradizionali? Nei quali, quantomeno, a fare le liste (sia pur nelle segrete stanze) sono quasi sempre organismi democraticamente eletti. A cosa servono le meraviglie della democrazia digitale, se poi c'è sempre un padrone (Grillo, Di Maio, lo staff, la Casaleggio associati) che ha l'ultima parola su tutto?
fbandini@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Greg

    21 Gennaio @ 10.12

    Ho il sospetto e non da ora che il movimento sia un esperimento inventato da un dottor Stranamore per capire fino a che punto le masse possano essere manipolabili. La finalità non è governare( dove lo hanno fatto è stato un disastro), bensì quella di aprire la strada a un regime che di democratico non avrà niente. Non a caso le destre storiche del Paese si rafforzano sull'onda del populismo pentastellato, ma stanno risorgendo destre estreme che si pensavano sepolte per sempre. Insomma, sta avvenendo esattamente l'opposto di ciò di cui si vanta Grillo: un argine contro gli estremismi. L'indignazione senza una visione del mondo alternativa, partorisce solo rabbia, paura e istintualità incontrollabili che caratterizzano la rinascita di un fascismo neppure troppo strisciante.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

cinema

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Mago Gigo

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

1commento

Lealtrenotizie

Viale Bottego, fiamme in studio dentistico: evacuazione in corso di tutto il palazzo

incendio

Viale Bottego, fiamme in studio dentistico: evacuazione in corso di tutto il palazzo

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

3commenti

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

IL CASO

Colf estorce 3.000 euro all'ex datore di lavoro. E patteggia 3 anni

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

DI NOTTE

Maiatico, razzia dei ladri nelle case

METEO

Ondata di gelo: il Burian siberiano verso l'Italia

CURIOSITA'

Il colore del cartello è sbagliato: Langhirano diventa... provincia (o regione) Foto

Allarme

In dieci anni 166 medici in pensione

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

8commenti

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

1commento

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

3commenti

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

1commento

SPORT

sport

La discesa d'Oro di una favolosa Sofia Goggia Foto

baseball

Un mancino per il Parma Clima: Escalona rinforza il monte

SOCIETA'

gusto

La ricetta light - Brodo vegetale allo zenzero

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day