-2°

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
1

Nel febbraio del 1992, e poi a cascata nei mesi e negli anni seguenti, le indagini della magistratura alzarono il velo sul sistema di finanziamento illegale che aveva contagiato praticamente tutti i partiti della Prima Repubblica. Quando videro scattare le manette, gli italiani non si stupirono. Che gran parte dei politici fossero corrotti, lo sapevano da un pezzo; e i politici stessi non facevano un granché per nasconderlo. Le tangenti per le casse dei partiti erano giustificate come una necessità; e perfino certi arricchimenti personali erano esibiti, ostentati con birbante spavalderia.
Quelle inchieste delle varie Procure italiane furono quindi benedette. La convinzione di essere impuniti e impunibili aveva tolto ogni remora ai protagonisti di un sistema che era giunto al capolinea. I magistrati diedero dunque il la; poi, furono gli elettori a incaricarsi di sbriciolare i vecchi partiti. Fu dunque, quella stagione detta all'inizio di "Mani Pulite", un momento positivo e probabilmente provvidenziale.
Quello che però sfuggì allora ai più (solo poche voci critiche si alzarono, e furono silenziate come collaborazioniste) fu l'effetto negativo che avrebbe prodotto negli anni la furia iconoclasta che si impadronì di gran parte del popolo italiano. Ci si convinse - anche perché faceva comodo convincersene - che "tutti" i politici sono corrotti; che "tutti" i poteri sono marci; che "tutte" le colpe di quel che va male in Italia è da attribuire alla classe dirigente, e solo a quella. Nelle fiaccolate pro-giudici, nei gruppi di lanciatori di monetine, in tanti articoli di giornali e ultimamente nella coscienza di un popolo scattò purtroppo un meccanismo di auto-assoluzione che impedì di cogliere la sostanza della questione: e cioè che se è vero che la classe dirigente ha le responsabilità maggiori, è anche vero che la situazione di un Paese non dipende solo da chi governa, ma anche dallo spirito di appartenenza, dal senso civico e perfino dall'onestà nelle piccole cose di ciascun governato.
È in quei giorni, in quel tempo in cui la morale si confuse con il moralismo, l'origine della grande, collettiva sfiducia degli italiani nei confronti della classe politica. La quale classe politica di colpe non solo ne aveva allora, ma ha continuato e continua ad averne anche ai giorni nostri. Però non è composta tutta da mascalzoni come una cupa propaganda vorrebbe far credere.
Ma purtroppo i contenuti di questa cupa propaganda sono diventati, se non l'opinione comune, l'opinione più comune. Si è creato un clima di sfiducia, peggio ancora di disfattismo, che vorrebbe indurci a credere che questo è un Paese finito. Ecco perché per ben due volte nell'arco di due settimane il Presidente della Repubblica ha rivolto un appello agli italiani affinché vadano alle urne il prossimo 4 marzo. Quello degli astensionisti è, ormai da tempo, il partito di maggioranza relativa: ora rischia di diventare quello di maggioranza assoluta. Sommato, magari, ai voti raccolti da chi si candida a guidare il Paese con un solo programma, quello di urlare che "gli altri" fanno schifo.
La sfiducia incondizionata e indistinta è una reazione di pancia che non permette di cogliere la realtà. Andare a votare, fosse pure per il meno peggio, è invece necessario per evitare non solo un errore, ma un suicidio.

michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • federicot

    21 Gennaio @ 17.17

    federicot

    Ecco bravo e in questo bel quadro , il 4 marzo mi sa indicare chi votare? Io non ne trovo manco uno degno e purtroppo questo è il meglio che sanno esprimere gli italiani. E' quello che ci meritiamo , TUTTI. Io a sto giro penso proprio che non ce la farò a votare, sono quasi 30 anni che voto e ho tutti i timbri sulla scheda ( una già fatta fuori) , ma stavolta proprio non si può fare. L'unica speranza è che, altri italiani si astengano, in massa per farmi sentire meno solo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

1commento

TV PARMA

Parma calcio, stasera a Bar Sport parla la società: in studio Malmesi

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

2commenti

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

parma

Lucarelli non molla: "Per la A ci proveremo fino alla fine"

1commento

PARMA

Il centro muore? Lettori uniti: "Servono incentivi e sicurezza"

Continua il dibattito fra i parmigiani

1commento

Iren

Parma-Venezia al Tardini, esposizione contenitori rifiuti sabato entro le 9: le vie coinvolte

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

PARMA

Cinquanta ragazzi di Baganzola a scuola... di golf Foto

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

1commento

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

SOCIETA'

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

GAZZAFUN

Tutti 18enni: ecco un nuovo quiz della patente

MOTORI

MOTORI

Mazda CX-5 subito amici: il Suv dal feeling immediato

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto