scienza

Terremoto in Emilia, l'estrazione di petrolio tra le possibili cause

La relazione della commissione del Ministero anticipata dal "Science": non escluso un nesso tra il sisma e le attività estrattive nella Bassa modenese

Terremoto in Emilia, l'estrazione di petrolio tra le possibili cause
Ricevi gratis le news
5


ROMA, 11 APR – Tra le cause dei terremoti che hanno colpito l’Emilia Romagna il 20 e il 29 maggio 2012, uccidendo 27 persone e causando centinaia di feriti, non si può escludere l'estrazione petrolifera in zona. Sarebbero le conclusioni attese e non ancora pubblicate del rapporto realizzato dalla commissione Ichese, anticipate dalla rivista Science.
La commissione è stata istituita dal Commissario per il terremoto, d’intesa col Dipartimento della Protezione Civile per valutare le possibili relazioni tra esplorazione ed estrazione di idrocarburi in Emilia Romagna e i due terremoti, rispettivamente di magnitudo 5.9 e 5.8. Science cita fonti che conoscono lo studio, secondo le quali «il rapporto sarebbe stato presentato alla Regione Emilia-Romagna, almeno un mese fa». Secondo le stesse fonti «i politici sia a livello regionale sia nazionale sarebbero preoccupati per gli effetti e starebbero ritardando la pubblicazione».
Il rapporto, spiega Science, esclude che il deposito di gas naturale sopra la faglia geologica attiva nei pressi di Rivara nella valle del Po possa aver causato i terremoti perchè le trivellazioni dovevano ancora iniziare quando questi si sono verificati. Invece, secondo la rivista, il rapporto «punterebbe l'indice su un altro sito: il giacimento di petrolio di Cavone, gestito da Gas Plus». Science sostiene di aver visto le conclusioni del rapporto, nelle quali ci sarebbe scritto che «non può essere escluso che le attività di estrazione nel sito potrebbero aver innescato il terremoto del 20 maggio, il cui epicentro è a 20 chilometri di distanza».
Una nota congiunta di Commissario per il terremoto, Dipartimento della Protezione Civile e Ministero dello Sviluppo Economico rileva invece che «il rapporto, consegnato a metà febbraio, sottolinea come sia necessario, per escludere o confermare l’ipotesi di un legame causale tra le estrazioni di idrocarburi nella località Cavone e i fenomeni di sismicità dell’area, approfondire gli studi». Sempre oggi il capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli, ha annunciato che «ci sarà la pubblicazione integrale di tutto il lavoro fatto in modo che nessuno possa dire che su questa come su altre vicende delicatissime si voglia nascondere qualcosa».
Science sottolinea che le variazioni di stress e pressione nella crosta terrestre causate dall’estrazione del petrolio e dall’iniezione di fluidi per migliorare il flusso non sono sufficienti da sole a innescare un forte terremoto. Tuttavia, prosegue la rivista, non si può esclude che i cambiamenti indotti nella crosta da queste attività, «potrebbero aver 'risvegliatò una faglia attiva che ha causato il terremoto del 20 maggio che a sua volta, alterando ulteriormente lo stress della crosta, potrebbe aver innescato l’evento 29 maggio». L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), contattato dall’ANSA, ha detto di non avere alcun elemento per poter rilasciare commenti in merito al rapporto, in quanto questo «non è stato pubblicato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • salamandra

    13 Aprile @ 16.05

    @old Sailor, non ho letto l'articolo ma immagino che in realtà sotto accusa non siano le semplici trivellazioni ma la fratturazione idraulica (fraking) che è una tecnica differente e gia' sospettata altrove di essere causa di terremoti,.

    Rispondi

  • federicot

    12 Aprile @ 20.44

    federicot

    Ah scusate....parola torna indietro. avete ragione.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    12 Aprile @ 20.04

    MAH , QUESTA NOTIZIA E' MOLTO INTERESSANTE , però forse sarebbe meglio aspettare di leggere l' articolo su "Science" prima di sbilanciarsi . Dalle indiscrezioni frammentarie che si sono sentite , pare che le conclusioni della Commissione diano un colpo al cerchio ed un colpo alla botte. Le trivellazioni non sarebbero la causa diretta del terremoto , però potrebbero aver contribuito ad attivare una vicina faglia , ed avere quindi favorito il terremoto in via indiretta. Chissà che notte dai lunghi coltelli si scatenerà dietro la pubblicazione di quel lavoro ! Meno male che "Science" è una delle più prestigiose Riviste Scientifiche Internazionali , e , per di più , Anglosassone........Sono ossi duri da condizionare.....Aspettiamo di leggere l' articolo..........................

    Rispondi

  • federicot

    12 Aprile @ 14.08

    federicot

    Il titolo é sostanzialmente diverso da quanto affermato nell'articolo dalla commissione. potete correggerlo? REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Il titolo ci sembra corrispondere a quanto affermato nell'articolo dalla commissione, quindi la risposta à- fino a prova contraria - è no.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Colorno, arriva la piena. "Via dai piani bassi delle case". Piazza allagata Video

emergenza

Colorno, arriva la piena. "Via dai piani bassi delle case". Piazza allagata Video 1-2

La sindaca: "State lontani dagli argini"

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

ospedale

Arresto cardiaco durante l’ora di ginnastica: 15enne salvato al Maggiore

1commento

maltempo

Emergenza elettricità: tante frazioni isolate nel parmense

1commento

ferrovia

Enza esondato: chiuse le linee Parma-Brescia e Parma-Suzzara

1commento

PIENA

Enza, a Casaltone il peggio è passato. "Ma restate lontano dagli argini" Foto

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

4commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

17commenti

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

AVEVA 46 ANNI

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

La storia

«Il mio viaggio da incubo sull'Intercitynotte»

San Prospero

«I lupi? Ci fanno più paura i ladri nelle case»

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

austria

Esplosione impianto di gas: interrotto il flusso tra Russia e Italia. Calenda: "Oggi stato d'emergenza"

sudafrica

Rissa in carcere, ferito Pistorius

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

fidenza

Coduro, 25 mici a rischio sfratto

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole