12°

23°

Montagna

Se viene tassato anche il Soccorso Alpino...

Se viene tassato anche il Soccorso Alpino...
Ricevi gratis le news
18

Che gli italiani si lamentino delle tasse non è certo una novità. Ma quando la tassa tocca il Soccorso alpino, qualche perplessità è davvero legittima. Ecco il testo del comunicato inviato dall'Ufficio stampa del Soccorso Alpino e Speleologico Emilia Romagna:

Qualche settimana fa il premier Matteo Renzi si congratulava per l'opera dei soccorritori del Cnsas “decisivi per le operazioni di salvataggio in Alta Baviera di uno speleologo tedesco … di cui il governo italiano è fiero” e in questi giorni la burocrazia ha aggiunto una tassa sui rimborsi per il mancato reddito dei volontari CNSAS che sono lavoratori autonomi

Quando impegnati a salvare vite umane, la legge 18 febbraio 1992, n. 162, riconosce ai tecnici del Soccorso alpino e speleologico del CNSAS che siano lavoratori autonomi il diritto a un rimborso per non perdere la giornata di lavoro. Il rimborso è tassato alla fonte con una ritenuta del 20%, a cui si aggiungevano 2,00 euro a titolo di imposta di bollo. I volontari lavoratori dipendenti hanno diritto di astenersi dal lavoro mantenendo intatto lo stipendio. Sin qui tutto bene.

In questi giorni abbiamo appreso che alcuni Uffici territoriali del Ministero del lavoro e delle politiche sociali hanno interpellato l'Agenzia delle entrate (Interpello 954-83/2014 presentata il 17 febbraio 2014) per sapere se debba essere applicata l’imposta di bollo e in quale misura. Il 13 giugno scorso l'Agenzia della Entrate (Direzione Centrale normativa, Settore imposte indirette, Ufficio registro e altri tributi indiretti) ha risposto che sulle “istanze, petizioni, ricorsi e relative memorie dirette agli uffici e agli organi (…) dell’amministrazione dello Stato (…) tendenti ad ottenere l’emanazione di un provvedimento amministrativo o il rilascio di certificati, estratti, copie e simili” vanno apposte due marche da bollo da 16 euro – per un totale di 32 pari al 44% del rimborso. Questa pesante tassa grava su ciascuna richiesta presentata all'Ufficio del lavoro e della Massima Occupazione per ottenere il rimborso.

Per quanto appaia sempre incredibile il genius loci che ispira una parte di burocrazia cieca e capace di dialogare solo con se stessa è purtroppo ancora una volta riuscito a confermare la separazione tra il paese reale, che si sente parte attiva di questo Stato, e una parte dell'apparato burocratico del nostro Paese. Non si tratta di sdegno contro la burocrazia in quanto tale, ma solo nei confronti di quella che non vuole o non riesce a dialogare con i cittadini e ad essi si rende
ostile.

In questi anni di crisi economica essere volontari è ogni giorno più difficile, e solo un grande spirito di solidarietà e di coscienza civica aiuta a restare saldi e a continuare nell'opera, pur nel timore di ripercussioni negative sul lavoro che in questa situazione economica è ogni giorno a rischio. Non si può chiedere a un soccorritore di pagare una tassa su una richiesta di rimborso per un'attività svolta a favore della cittadinanza.

Il CNSAS, che con oltre 8000 interventi l'anno assicura ogni giorno in tutta Italia il soccorso in montagna, sia alla popolazione che ai turisti, dice no all'interpretazione della norma dell'Agenzia dell'entrate che - lo ribadiamo - spreme soldi dai volontari tassando un'indennità che solo in parte compensa un mancato reddito.

Chiediamo pertanto che si ponga immediatamente rimedio a questa stortura che sbeffeggia e lede la nostra dignità di soccorritori, di cittadini e di contribuenti. Ci auguriamo che gli oltre 7000 tecnici del CNSAS, tra cui tanti montanari lavoratori autonomi e artigiani, di fronte a una richiesta di soccorso e con davanti un intervento che potrebbe durare anche diversi giorni non siano costretti a pensare per un solo momento di dover scegliere tra mancato reddito per la propria famiglia e il salvataggio di una vita umana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Medioman

    12 Luglio @ 16.13

    Purtroppo, se il problema fosse solo di un impiegato troppo burocrate, sarebbe facilmente e velocemente risolvibile, ma non è così. Chi ha la mia età, ricorda bene quanti e quali erano i "balzelli" (aboliti dal buon Berlusca, pace alla carriera politica sua) che costavano allo Stato molto più di quanto veniva incassato; però, c'erano tanti "impiegati burocrati" che tenevano famiglia, e ci voleva una buona scusa per pagargli lo stipendio...

    Rispondi

  • aun20

    12 Luglio @ 15.58

    In questi casi io vedo sempre un povero (soprattutto di spirito) impiegato burocrate che sa solo applicare alla lettera e magari senza chiedere lumi più in alto per dirimere le questioni. Si auguri quel burocrate a non essere lui quello per i cui i soccorritori dovranno scegliere tra la sua vita e la loro famiglia.

    Rispondi

  • Medioman

    11 Luglio @ 14.41

    @Tio Hector: duemila anni fa, un tizio fece un codice composto da soli 10 Comandamenti; non ci fu bisogno di emendamenti, "bicameralismo perfetto", eccetera. Le mie osservazioni non sono sul "fatto tecnico" delle marche da bollo, ma sul meccanismo perverso che ci sta' dietro: a chi dice "facciamo pagare a chi non indossa le cinture in auto", io potrei rispondere: e perché non facciamo pagare TUTTI quelli che vanno in auto? se andavano a piedi, non succedeva! E se poi uno prende una storta? Beh, facciamolo pagare, se stava in casa non gli capitava nulla.... L'importante, è che il cittadino suddito paghi, perché qualcuno, con queste tasse, ci deve campare.

    Rispondi

  • Bastet

    11 Luglio @ 10.55

    xD far pagare le tasse a dei soccorritori volontari? ma...spero con tutto il cuore che colui che ha partorito questa idea (partorita per altro ad minchiam) abbia forte necessità del loro intervento....e che loro intervengano dopo 10 h!!!!! ma che gente ,oh!!!!!

    Rispondi

  • Medioman

    11 Luglio @ 10.37

    @Pedro: hai mai sentito parlare di "Servizio Sanitario Nazionale"? Io pago fior di quattrini per essere "soccorso e curato" in caso di necessità, indipendentemente dal fatto che io abbia fatto "una coglionata", o sia un fumatore accanito. La logica dei cittadini "colpevoli" di aver fatto lavorare qualche "povero dipendente pubblico" (stipendiato o volontario) è quella che ha fatto crollare il sistema dei Paesi comunisti, ma evidentemente in Italia c'è qualcuno che ne ha nostalgia: "non hai fatto quello che ti ho detto? C....i tuoi, l'importante e che tu paghi tasse, perché io devo prendere lo stipendio!".

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Multe impugnabili se la strada è senza banchina

AUTOVELOX

Multe impugnabili se la strada è senza banchina

Lealtrenotizie

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

Trasporto pubblico

Autobus: accolto dal Tar il ricorso Tep

Inchiesta

I ragazzi a scuola da soli? tutti d'accordo

Lutto

Neviano piange il sarto Daniele Mazza: vestì tutto il paese

Fidenza

I ladri si ripresentano alla Pinko

Dramma

Tragica maratona, muore 49enne di Polignano Video

L'esperto: "Non sottovalutare i campanelli di allarme" (Video)

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Solomon incapace di intendere e di volere

1commento

Tg Parma

Via Langhirano: 16enne a piedi travolta da un'auto, è al Maggiore Video

Parco Bizzozero

Donna presa a pugni dai tifosi pescaresi

5commenti

sicurezza idrica

Ecco come funziona la "diga" sulla Parma

A "lezione" dai tecnici dell'Aipo

Regione

Chiusura centri vaccini di Colorno, Salso, Fidenza e Busseto, protesta FdI-An

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

NOSTRE INIZIATIVE

Con la Gazzetta lo speciale Salute e benessere

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

1commento

ITALIA/MONDO

Catalogna

Due leader indipendentisti arrestati per sedizione

BUSTO ARSIZIO

La ventenne scomparsa si chiama Dafne Di Scipio. Aperto un fascicolo

SPORT

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SERIE B

Parma, bisogna cambiare rotta

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel