23°

32°

Montagna

Se viene tassato anche il Soccorso Alpino...

Se viene tassato anche il Soccorso Alpino...
Ricevi gratis le news
18

Che gli italiani si lamentino delle tasse non è certo una novità. Ma quando la tassa tocca il Soccorso alpino, qualche perplessità è davvero legittima. Ecco il testo del comunicato inviato dall'Ufficio stampa del Soccorso Alpino e Speleologico Emilia Romagna:

Qualche settimana fa il premier Matteo Renzi si congratulava per l'opera dei soccorritori del Cnsas “decisivi per le operazioni di salvataggio in Alta Baviera di uno speleologo tedesco … di cui il governo italiano è fiero” e in questi giorni la burocrazia ha aggiunto una tassa sui rimborsi per il mancato reddito dei volontari CNSAS che sono lavoratori autonomi

Quando impegnati a salvare vite umane, la legge 18 febbraio 1992, n. 162, riconosce ai tecnici del Soccorso alpino e speleologico del CNSAS che siano lavoratori autonomi il diritto a un rimborso per non perdere la giornata di lavoro. Il rimborso è tassato alla fonte con una ritenuta del 20%, a cui si aggiungevano 2,00 euro a titolo di imposta di bollo. I volontari lavoratori dipendenti hanno diritto di astenersi dal lavoro mantenendo intatto lo stipendio. Sin qui tutto bene.

In questi giorni abbiamo appreso che alcuni Uffici territoriali del Ministero del lavoro e delle politiche sociali hanno interpellato l'Agenzia delle entrate (Interpello 954-83/2014 presentata il 17 febbraio 2014) per sapere se debba essere applicata l’imposta di bollo e in quale misura. Il 13 giugno scorso l'Agenzia della Entrate (Direzione Centrale normativa, Settore imposte indirette, Ufficio registro e altri tributi indiretti) ha risposto che sulle “istanze, petizioni, ricorsi e relative memorie dirette agli uffici e agli organi (…) dell’amministrazione dello Stato (…) tendenti ad ottenere l’emanazione di un provvedimento amministrativo o il rilascio di certificati, estratti, copie e simili” vanno apposte due marche da bollo da 16 euro – per un totale di 32 pari al 44% del rimborso. Questa pesante tassa grava su ciascuna richiesta presentata all'Ufficio del lavoro e della Massima Occupazione per ottenere il rimborso.

Per quanto appaia sempre incredibile il genius loci che ispira una parte di burocrazia cieca e capace di dialogare solo con se stessa è purtroppo ancora una volta riuscito a confermare la separazione tra il paese reale, che si sente parte attiva di questo Stato, e una parte dell'apparato burocratico del nostro Paese. Non si tratta di sdegno contro la burocrazia in quanto tale, ma solo nei confronti di quella che non vuole o non riesce a dialogare con i cittadini e ad essi si rende
ostile.

In questi anni di crisi economica essere volontari è ogni giorno più difficile, e solo un grande spirito di solidarietà e di coscienza civica aiuta a restare saldi e a continuare nell'opera, pur nel timore di ripercussioni negative sul lavoro che in questa situazione economica è ogni giorno a rischio. Non si può chiedere a un soccorritore di pagare una tassa su una richiesta di rimborso per un'attività svolta a favore della cittadinanza.

Il CNSAS, che con oltre 8000 interventi l'anno assicura ogni giorno in tutta Italia il soccorso in montagna, sia alla popolazione che ai turisti, dice no all'interpretazione della norma dell'Agenzia dell'entrate che - lo ribadiamo - spreme soldi dai volontari tassando un'indennità che solo in parte compensa un mancato reddito.

Chiediamo pertanto che si ponga immediatamente rimedio a questa stortura che sbeffeggia e lede la nostra dignità di soccorritori, di cittadini e di contribuenti. Ci auguriamo che gli oltre 7000 tecnici del CNSAS, tra cui tanti montanari lavoratori autonomi e artigiani, di fronte a una richiesta di soccorso e con davanti un intervento che potrebbe durare anche diversi giorni non siano costretti a pensare per un solo momento di dover scegliere tra mancato reddito per la propria famiglia e il salvataggio di una vita umana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Medioman

    12 Luglio @ 16.13

    Purtroppo, se il problema fosse solo di un impiegato troppo burocrate, sarebbe facilmente e velocemente risolvibile, ma non è così. Chi ha la mia età, ricorda bene quanti e quali erano i "balzelli" (aboliti dal buon Berlusca, pace alla carriera politica sua) che costavano allo Stato molto più di quanto veniva incassato; però, c'erano tanti "impiegati burocrati" che tenevano famiglia, e ci voleva una buona scusa per pagargli lo stipendio...

    Rispondi

  • aun20

    12 Luglio @ 15.58

    In questi casi io vedo sempre un povero (soprattutto di spirito) impiegato burocrate che sa solo applicare alla lettera e magari senza chiedere lumi più in alto per dirimere le questioni. Si auguri quel burocrate a non essere lui quello per i cui i soccorritori dovranno scegliere tra la sua vita e la loro famiglia.

    Rispondi

  • Medioman

    11 Luglio @ 14.41

    @Tio Hector: duemila anni fa, un tizio fece un codice composto da soli 10 Comandamenti; non ci fu bisogno di emendamenti, "bicameralismo perfetto", eccetera. Le mie osservazioni non sono sul "fatto tecnico" delle marche da bollo, ma sul meccanismo perverso che ci sta' dietro: a chi dice "facciamo pagare a chi non indossa le cinture in auto", io potrei rispondere: e perché non facciamo pagare TUTTI quelli che vanno in auto? se andavano a piedi, non succedeva! E se poi uno prende una storta? Beh, facciamolo pagare, se stava in casa non gli capitava nulla.... L'importante, è che il cittadino suddito paghi, perché qualcuno, con queste tasse, ci deve campare.

    Rispondi

  • Bastet

    11 Luglio @ 10.55

    xD far pagare le tasse a dei soccorritori volontari? ma...spero con tutto il cuore che colui che ha partorito questa idea (partorita per altro ad minchiam) abbia forte necessità del loro intervento....e che loro intervengano dopo 10 h!!!!! ma che gente ,oh!!!!!

    Rispondi

  • Medioman

    11 Luglio @ 10.37

    @Pedro: hai mai sentito parlare di "Servizio Sanitario Nazionale"? Io pago fior di quattrini per essere "soccorso e curato" in caso di necessità, indipendentemente dal fatto che io abbia fatto "una coglionata", o sia un fumatore accanito. La logica dei cittadini "colpevoli" di aver fatto lavorare qualche "povero dipendente pubblico" (stipendiato o volontario) è quella che ha fatto crollare il sistema dei Paesi comunisti, ma evidentemente in Italia c'è qualcuno che ne ha nostalgia: "non hai fatto quello che ti ho detto? C....i tuoi, l'importante e che tu paghi tasse, perché io devo prendere lo stipendio!".

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

2commenti

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

spagna

Barcellona, la polizia: "Cellula smantellata". La Catalogna smentisce

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti