-3°

14°

chiesa

Morto il card. Biffi. Disse: Emilia sazia e disperata

Morto il card. Biffi. Disse: Emilia sazia e disperata
Ricevi gratis le news
2

E’ morto nella notte a Bologna il cardinale Giacomo Biffi, arcivescovo di Bologna dal 1984 al 2003. Ne dà notizia la diocesi bolognese.
Biffi aveva 87 anni è da tempo era ricoverato in una clinica bolognese dove, attorno alle tre, è morto

....................................................

Chi era: quella frase su Bologna e l'Emilia -  Giacomo Biffi fu vescovo, teologo pungente e ironico, uomo di Chiesa che preferiva posizioni nette, «la certezza della fede» a sfumature e compromessi.
La sua storia è quella di un passaggio: dalla scuola di Sant'Ambrogio alla cattedra di San Petronio. Biffi prese le pure radici milanesi e per obbedienza a Wojtyla le trapiantò in quella Bologna forse «sazia e disperata» ma che finì per sentire come sua. Ma lui direbbe con orgoglio che la sua è anche la vicenda di un «italiano cardinale». Premettendo la parola "italiano», perchè «l'identità nazionale ha preceduto di molti anni l’ingresso nel Sacro Collegio», spiega nelle imponenti memorie.
La porpora gli fu conferita da Giovanni Paolo II il 25 maggio 1985, poco meno di un anno dopo l’ingresso nell’arcidiocesi emiliana. Era nato a Milano 57 anni prima, il 13 giugno 1928 e cresciuto in via Paolo Fusi, in una famiglia popolare. Nel 1942, durante la guerra, entrò nel seminario di Venegono. Fu ordinato prete a ridosso del Natale 1950, dal cardinal Ildefonso Schuster. Questi, con l’arcivescovo Giovanni Colombo - che consacrò Biffi ausiliare nella diocesi più grande del mondo nel 1976 - furono i punti di riferimento. Prima era stato parroco a Legnano, 15 anni; quindi a Sant'Andrea in Milano.
Per convincerlo ad 'emigrare', lui stesso racconta che il pontefice polacco dovette invitarlo a cena nel Palazzo apostolico. Fu così che un vescovo milanese approdò sotto le Due Torri, il 2 giugno 1984 e iniziò una seconda vita che durò quasi 20 anni.
Diceva di essere del «partito della Chiesa» e a Bologna trovò le amministrazioni di sinistra. Di posizioni non certo progressiste, ricorda di aver sempre mantenuto rapporti cordiali, pur non lesinando critiche salaci. Ma ne ebbe anche per Berlusconi nel '94: «I milanesi non ci sanno fare con la politica, brutto segno se smettono di fare gli imprenditori», e per Prodi, nel '98: «dopo l’Ulivo mi porta via anche l'asinello, di questo passo non mi resta più niente». Quindi definì «un miracolo» l’elezione a sindaco di Guazzaloca nel '99.
Fu scrittore inesauribile (celebre, la rilettura teologica di Pinocchio). Ma anche pastore di voce forte, e dalle espressioni fortunate. Come «sazia e disperata», aggettivi che, pronunciati nel 1988, quasi lo perseguitarono, anche se non si stancò di precisare che erano stati mal riportati e riferiti all’Emilia-Romagna e non alla città. Così come un certo scalpore fece quando le donne divennero «squallide e raffinate». Polemiche ci furono anche per le posizioni - «non esiste il diritto di invasione» - sull'immigrazione di popolazioni islamiche.
Tra le personalità con cui si confrontò a Bologna, ci fu Giuseppe Dossetti, monaco e sacerdote. Un rapporto complesso: al padre costituente, al netto di visioni diverse su Chiesa e Vaticano II, il cardinale attribuiva un peccato originale, di essere «teologicamente autodidatta». Ne presiedette i funerali nel '96 e lo descrisse come «autentico uomo di Dio». Ma anche dopo la morte, non mancò di tornare sulle divergenze.
Punto chiave del mandato, il congresso eucaristico del 1997; il concerto con Bob Dylan sul palco del Caab, insieme a Giovanni Paolo II, raccolse 400 mila persone. Tra le ultime funzioni presiedute, i funerali di Marco Biagi. Poi, congedatosi a inizio 2003, fece in tempo a partecipare al conclave che elesse Ratzinger nel 2005. Per i restanti anni, vissuti a villa San Giacomo, alla Ponticella, ha scelto il silenzio. Un mese fa, informato della sua malattia, gli inviò un augurio papa Francesco, assicurandogli «la mia preghiera perchè Ella possa fiduciosamente aderire alla volontà del Signore e offrire i suoi patimenti per il bene della Chiesa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    11 Luglio @ 18.30

    Se S.E. Biffi fosse stato vescovo di Parma in tempi recenti, sarebbe stato tacciato di razzismo,fascismo e xenofobia anti-islamica e sarebbe stato duramente attaccato ed assediato in Vescovado, da Sovescio, ArtLab, KatiaTorri &/Co, perché si era espresso nettamente, nel 2000, a favore dell'ospitalità preferenziale di immigrati cristiani, piuttosto che non musulmani. Inoltre, si era rifiutato di obbedire al diktat del talebano islamico Adel Smith, di rimuovere o coprire il dipinto, in S. Petronio, raffigurante Muhammad all'Inferno, dove lo aveva collocato il gran padre Dante.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

William calvo taglia capelli a zero, stampa infierisce

Gran Bretagna

Il principe William si taglia i capelli a zero: la stampa infierisce

C'è tanto ritmo al Jamaica

FESTE PGN

C'è tanto ritmo al Jamaica Foto

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

TELEVISIONE

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto Rosso

VELLUTO ROSSO

Da Luca Zingaretti ad Anna Mazzamauro: settimana ricca a teatro Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Forze di polizia sotto organico: Pizzarotti chiede un incontro al ministro dell'Interno

POLIZIA

Parma, mancano agenti: Pizzarotti chiede un incontro al ministro dell'Interno

Nella lettera, il sindaco sottolinea che Parma è penalizzata rispetto ad altre città dell'Emilia-Romagna

2commenti

Traversetolo

In fiamme autocarro che trasportava fieno a Vignale Foto

Sono intervenuti i vigili del fuoco

1commento

FURTO

Collecchio, va a fare la spesa e le svaligiano la villa

Casa a soqquadro. La proprietaria: «Conoscevano le nostre abitudini»

1commento

SCUOLA

Albertelli, saranno trasferite le elementari ma non le prime

Mistero

Busseto, chiuse due strade nella notte: è giallo

Traversetolo

Un cartello alla porta: «I vostri colleghi ladri sono già passati»

1commento

Tar di Bologna

Velo in tribunale: il giudice è un parmigiano

Inchiesta

Polizia stradale, a Parma 403 patenti ritirate in un anno

sabato

In treno (e pullman) a Cremona: quando la trasferta (e la rivalità) è vintage Tutte le info

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

1commento

FIDENZA

Chirurgia senza bisturi per rimuovere tumori gastrointestinali: nuove tecniche a Vaio

Già eseguiti due interventi, perfettamente riusciti

Dopo la sentenza

Troppi genitori pubblicano le foto dei figli in rete: quale regola?

1commento

TRIBUNALE

Cocaina, patteggiano due «fornitori» di Langhirano

ECONOMIA

Bonatti, Ghirelli: «Valutiamo tutte le opzioni per crescere»

mercato

Parma, ultimo colpo: preso il centrocampista Anastasio

"crociata al contrario"

Striscia torna a Parma, i musulmani: "Si alle Luigine, basta non si imponga la fede cattolica"

GAZZAREPORTER

L'inverno a Parma... visto dal ponte Caprazucca

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I richiami dell'Europa e le condizioni italiane

di Domenico Cacopardo

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

maltempo

L'uragano flagella il Nord Europa: 10 morti Video impressionante

CHIESA

Reggio Emilia, ex sacerdote fa outing su Facebook: "Amo un uomo"

SPORT

tennis

Griglia di partenza rovente: al via domani i regionali di Tennis a squadre indoor Fotogallery

sci

Goggia ancora super: vince la discesa a Cortina

SOCIETA'

FUORIPROGRAMMA

Il Papa sposa in volo una hostess e uno steward cileni

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

1commento

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

moto

Yamaha MT-09 SP: la prova