15°

29°

il caso

Tutino: "Inceneritore, non è Parma a decidere i flussi ma la Regione"

Ambiente

L'inceneritore di Parma

Ricevi gratis le news
2

Botta e risposta, sull'asse Parma-Reggio, andata e ritorno. Toni polemici. E non si parla di derby calcistico ma, nuovamente, dell'inceneritore.  L'ultimo capitolo è la replica dell'assessore all’Ambiente del Comune di Reggio Emilia, Mirko Tutino, al suo collega parmigiano Gabriele Folli. Oggetto, nello specifico, della querelle è la capacità dell’impianto di Ugozzolo. L'assessore reggiano puntualizza: "L’impianto di Parma non è di Parma, ma della Regione e prima ci mettiamo in testa tutti che non esistono più impianti che rispettano i confini provinciali, meglio è”. Quindi: "E' la Regione a decidere i flussi, non Parma”.  L'accordo tra Iren, Regione e enti locali parmensi, aveva fissato ad un massimo di 130.000 tonnellate all’anno. Tetto che, secondo una "denuncia" di Folli, la Regione potrebbe ora aumentare a 149mila tonnellate per il 2016 e a 165mila nel 2017 (leggi). Causa dell'aumento sarebbe la crescita di produzione di rifiuti  a Reggio Emilia.  L'assessore parmigiano aveva chiosato: "Secondo gli accordi presi, la nostra posizione non è modificabile. E' importante stabilire delle responsabilità per i territori. Parma ha già raggiunto gli obiettivi previsti dal piano regionale, mentre altri territori sono deresponsabilizzati e non si stanno attivando”. Era intervenuta anche Patrizia Ageno, ex M5S e ora confluita nel neonato "Effetto Parma": “Oggi a causa dei mancati progressi degli altri territori emiliano-romagnoli, Reggio Emilia in primis che non ha impianti ed ha chiuso con il placet della Regione la discarica di Poiatica, i parmigiani dovranno sopportare l'ennesimo tradimento di quel patto tra enti locali, Iren e territorio che fu alla base della costruzione del forno. Noi non ci stiamo e chiediamo che tutti coloro i quali ritengano sia stato tradito il patto con i parmigiani, si mobilitino e chiedano conto a tutti i rappresentanti eletti di Parma e Provincia della loro posizione”. 

La replica di Tutino, affidata all'agenzia Dire, prosegue: “Non sono d’accordo con l’affermazione che Reggio sia indietro con la raccolta differenziata perchè dal 2011, quando erano coinvolti in città 60.000 cittadini, si passerà ai 263.000 del nuovo piano che presentiamo oggi” L’assessore, membro del Consiglio di Atersir (Agenzia territoriale dell'Emilia-Romagna per i servizi idrici e rifiuti), "Se gli impianti rispettassero i confini provinciali, infatti, ci sarebbero nove inceneritori, uno per provincia”. Tutino poi entra nei numeri, in sintesi, se a Reggio continuassero a produrre il livello attuale di rifiuti, circa 145 chilogrammi all’anno per abitante, si produrrebbero 75.000 tonnellate, "troppo poche per qualunque inceneritore". E proprio sulle 130.000 tonnellate fissate per Parma, Tutino aggiunge: “Non è una novità che si parli di un aumento. Ho sempre sostenuto che tale quantità non era sostenibile”. Infine la stoccata: "Se a livello provinciale Parma ha raggiunto il 73% di raccolta differenziata (leggi), a Reggio siamo al 67% e a Piacenza al 61%. Tutti stanno facendo la loro parte. Chi ha promesso che l’inceneritore non sarebbe stato acceso e poi che avrebbe ricevuto i rifiuti solo di Parma ne risponderà ai suoi cittadini. Noi abbiamo solo promesso che avremmo aumentato la raccolta differenziata e su questa strada ci stiamo muovendo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Andrea

    13 Ottobre @ 20.09

    "....le emissioni dichiarate sono entro le norme di legge ....." lo erano anche in altri luoghi, impianti ecc. e poi si scoprì che i conti non tornavano ..... io non mi fido più di nessuno ...e nemmeno della verità ... la raccolta differenziata? Per me non è un problema è indice di civiltà....però ci dovrebbe essere un premio = riduzione della tassa per chi è virtuoso ...

    Rispondi

  • Davide

    13 Ottobre @ 19.11

    Dov'è il problema? intanto che l'inceneritore c'è ed è funzionante vale la pena farlo rendere al massimo, se per far questo occorrono i rifiuti della regione o di altre regioni ben vengano. Le emissioni dichiarate sono entro le norme di legge quindi di che ci si preoccupa? Ricordo che sino a poco tempo fa il rudo lo portavamo a Reggio Emilia ora è il nostro turno a fare da pattumiera della regione una volta tocca a me e l'altra volta tocca a te...l'unica cosa è la scocciatura della raccolta differenziata dato che c'è l'inceneritore la ridurrei notevolmente creando meno disagi ai cittadini.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

1commento

meteo

Da giovedì ancora caldo torrido: arriva Polifemo Video

1commento

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

Anteprima gazzetta

Traversetolese eroe salva la vita ad un uomo che stava annegando

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

12commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

3commenti

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

calcio

Parma, oltre 7.200 abbonamenti. In attesa del colpaccio

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti