14°

FERRARESE

Vincono le barricate: niente profughi a Gorino

Vincono le barricate: niente profughi a Gorino
Ricevi gratis le news
14

«L'ipotesi di ospitare dei profughi a Gorino non è più in agenda. Ha prevalso la tranquillità dell’ordine pubblico, non potevamo certo manganellare le persone. Questo fenomeno o si gestisce insieme con buonsenso oppure non si gestisce». Lo ha detto Michele Tortora, prefetto di Ferrara, dopo le barricate antiprofughi, fatte dai residenti, che ieri sera hanno impedito l’arrivo di 12 donne profughe a Gorino, nel Ferrarese.

La mediazione Le 12 profughe (una incinta) il cui arrivo in un ostello di Gorino requisito dal Prefetto per l’accoglienza in emergenza era stato accolto da barricate erette in tre punti d’accesso alla cittadina del Delta del Po, sono state sistemate a Comacchio (4), Fiscaglia (4) e Ferrara. La decisione è venuta da una mediazione tra forze dell’ordine e manifestanti e l’intervento del sindaco di Ferrara Tiziano Tagliani e dei colleghi del territorio.

"Non è una vittoria" La decisione di abbandonare l'ipotesi di accogliere i profughi a Gorino, nel Ferrarese, dopo le proteste dei residenti, è una sconfitta dello Stato? «Certo non è una vittoria». Ha risposto così Michele Tortora, prefetto di Ferrara, rispondendo ai giornalisti nella conferenza stampa convocata in prefettura dopo le barricate antiprofughi.
«La gestione di questi problemi - ha detto il prefetto - va affrontata con buon senso e spirito di collaborazione da parte di tutti. Per questo rinnovo l’appello a istituzioni, enti locali, persone e associazioni ad aiutarci».
Di fronte a chi gli chiedeva se la decisione di cedere alla protesta sia stata condivisa con il Viminale il prefetto ha risposto: «chiedetelo al Viminale».

Era un modello «A Gorino abitano circa 700 persone, ieri sera mezzo paese era in strada. E malgrado i tentativi di mediazione non ci sono state possibilità di trovare una soluzione». Michele Tortora, prefetto di Ferrara, in una conferenza stampa ha ricostruito così l’episodio di ieri sera, quando in un paese del Delta del Po sono state alzate le barricate in strada per impedire l’arrivo di un pullman con dodici donne, di cui una incinta. «Fino a un paio di mesi fa - ha detto Tortora - Ferrara era una sorta di piccolo modello di accoglienza diffusa, non c'erano state manifestazioni di intolleranza. Sabato dall’hub di Bologna ci è arrivata una richiesta per accogliere un nuovo contingente e che non era possibile un differimento, perchè in queste ore sono in arrivo altri 450 profughi e gli sbarchi stanno continuando. Visto che le strutture attuali non potevano ospitare nuovi profughi ho adottato il provvedimento di requisizione dell’ostello di Gorino. Primo perchè Goro (Gorino è una frazione, ndr) è uno degli otto comuni che non accoglie nessuno, poi nella presunzione che in ottobre non ci fosse un grande traffico di turismo».
Da quel momento è partito il tam tam che ha alimentato la protesta. «Ho firmato il provvedimento alle 12.55 - ha detto - il titolare dell’ostello ha dato la notizia in paese e si è rapidamente diffusa, peraltro in maniera non corretta, perchè giravano voci su 50 persone in arrivo che avrebbero occupato tutto il paese. Abbiamo preso atto della situazione e, col coinvolgimento di sindaci vicini, abbiamo trovato soluzioni alloggiative per queste 12 donne e chiuso la vicenda verso le 11 di sera».

La Regione «L'episodio di Goro e Gorino è molto grave e molto triste. E’ la prima volta che capita in Emilia-Romagna, regione la cui storia e tradizione, oltre che il presente, sono fatte di accoglienza e integrazione. E’ assurdo arrivare a tanto, ad alzare barriere. E trovo tragico e incomprensibile che lo si faccia contro 12 donne e i loro figli in un paese in cui a oggi non vi sono profughi. Così come è del tutto inaccettabile che alcune forze politiche tendano a strumentalizzare e cavalcare queste manifestazioni di intolleranza alimentando paure, timori e ulteriori divisioni».
La vicepresidente della Giunta regionale Emilia-Romagna, Elisabetta Gualmini, interviene sulle barricate nel paese del Ferrerese.
«Sia chiaro - prosegue - che nè a Goro nè in Sicilia riusciremo a fermare flussi di immigrazione globale che continueranno per i prossimi 30-50 anni. Chi pensa il contrario vende illusioni e utopie. L’unica soluzione, dunque, al di là delle divisioni politiche, è gestire al meglio questi fenomeni, come chi occupa posizioni di governo prova a fare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • falco

    26 Ottobre @ 14.27

    @indiana: ...quindi rispedire a casa 1%. La cosa più preoccupante di tutta sta faccenda, a mio parere, sta nelle dichiarazioni del questore che si è lamentato giustamente del comportamento dei cittadini di quel paesello.... grandi parole di profonda morale umana e di solidarietà..... poi però la realtà è che ha ceduto al volere di quel gruppetto di cittadini e ha fatto spostare quelle povere 12 persone. Ecco creato il precedente. Che bel doppio-gioco ha fatto il questore, invece di imporre la legge come dovrebbe fare. Complimenti. Per i commenti dei soliti qui dentro non dico nulla, si qualificano da soli.

    Rispondi

  • Indiana

    25 Ottobre @ 21.19

    Indiana

    Le barricate bisogna farle in mare per non farli partire! E rispedire a casa tutti quelli che non scappano da guerre

    Rispondi

  • rradamess

    25 Ottobre @ 19.59

    la mia solidarietà ai cittadini di Gorino. Spero sia solo l' inizio. Terribile sapere che la vice presidente del consiglio regionale, tal Gualmini è pronta a subire supinamente questa invasione per i possimi 30-50 anni

    Rispondi

  • la camola

    25 Ottobre @ 19.54

    Roma li vuole ? ebbene vanno mandati lì e lì devono rimanere!!!

    Rispondi

  • filippo

    25 Ottobre @ 17.37

    La cosa scandalosa sono le dichiarazioni del prefetto napoletano, Morcone, che ha invitato i ferraresi ad andare in Ungheria....i cittadini che pagano il suo stipendio

    Rispondi

    • 25 Ottobre @ 18.08

      (dalla redazione) Immaginiamo che, per lei, l'essere nato a Napoli renda il comportamento di Morcone ancora più esecrabile.

      Rispondi

      • filippo

        25 Ottobre @ 23.44

        dico che s vuole esportare il modello Napoli a nord dico no grazie, e poi come si permette un dipendente pubblic di insultare i cittadini che pagano il suo stipendio?

        Rispondi

      • jeffroy

        25 Ottobre @ 20.23

        siete vergognosi Voi che approfittate di tutte le occasioni per fare la vostra demagogia unta e bisunta che in concorso con tutti gli altri poteri si occupa solo di rovinare questa società. Rispondetemi se avete non solo il coraggio di fare della trita dietrologia... solo per il fatto che uno ha criticato uno dei poteri che fanno la bella vita alle spalle di chi lavora veramente !!!

        Rispondi

        • 25 Ottobre @ 21.38

          Demagogia unta e bisunta da parte nostra? Abbiamo solo riportato i fatti

          Rispondi

      • Vercingetorige

        25 Ottobre @ 19.00

        Napoletano o non napoletano , è comunque evidente che non ha la misura di quanto si sia passato il segno e di quanto gli Italiani ne abbiano abbastanza di questa imponente invasione di sbandati senz' arte né parte, che , poi , non si capisce neanche bene cosa pretendano , se non di vivere a sbafo a nostre spese ( nella migliore delle ipotesi) . C'è il rischio che Gorino sia solo l' inizio. Le corde troppo tirate si spezzano ! O , forse , il prefetto Morcone lo ha capito , ed è per questo che si accalora tanto . Ha paura ?

        Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

C'è tanto ritmo al Jamaica

FESTE PGN

C'è tanto ritmo al Jamaica Foto

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

TELEVISIONE

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

Foto con Romina, Lecciso lascia Al Bano, lo rivela 'Oggi'

gossip

La Lecciso lascia Al Bano. Colpa di Romina

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto Rosso

VELLUTO ROSSO

Da Luca Zingaretti ad Anna Mazzamauro: settimana ricca a teatro Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Striscia torna a Parma,  i musulmani:  "Si alle Luigine, basta non si imponga la fede cattolica"

"crociata al contrario"

Striscia torna a Parma, i musulmani: "Si alle Luigine, basta non si imponga la fede cattolica"

i nuovi arrivati

Faggiano: "Mercato per fare il salto: ora solo uscite" Il videocommento di Piovani - Ciciretti, i gol (video)

mercato

Parma, ultimo colpo: preso il centrocampista Anastasio

sabato

In treno (e pullman) a Cremona: quando la trasferta (e la rivalità) è vintage Tutte le info

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

anteprima gazzetta

Smartphone alla guida: incivile e...pericoloso Video

1commento

politica

Elezioni, domenica sera la lista dei partiti in lizza per il Parlamento Video

CARABINIERI

In casa con l'arsenale: arrestato

In manette un tunisino 48enne

1commento

SORBOLO

Auto fuori strada a Enzano: un ferito

gazzareporter

Via Doberdò, dove la segnaletica stradale viene ignorata: pericolo e poca disciplina Gallery

5commenti

lutto

Addio Bruno, spirito guerriero e animo gentile: aveva 49 anni

L'INCHIESTA

Alluvione, il pm: «Pizzarotti non lanciò mai l'allarme, nemmeno dopo il crollo del ponte della Navetta»

2commenti

MEDICINA

Uno spray imita lo smog e porta i farmaci al cuore: scoperta (anche) parmigiana

5 STELLE

Parlamentarie: la rabbia degli esclusi di Parma Video

3commenti

PARMA

Tabaccaio prende una mazza e mette in fuga il rapinatore 

TECNOLOGIA

Custom, fatturato oltre 130 milioni

Acquisito il 52% di power2Retail

UNIVERSITÀ

Andrei: «Nuovo corso di laurea dedicato al food»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I richiami dell'Europa e le condizioni italiane

di Domenico Cacopardo

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

milano

Torna casa il "caracat" sequestrato dai carabinieri

FUORIPROGRAMMA

Il Papa sposa in volo una hostess e uno steward cileni

SPORT

SERIE B

Anticipi e posticipi: "ritocchi" anche al calendario del Parma in febbraio

FORMULA 1

La Ferrari e... il fattore ex. Perché ha vinto Hamilton

SOCIETA'

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

1commento

GAZZAFUN

Occhio al trabocchetto, è un quiz per secchioni

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Subaru XV, il Suv delle Pleiadi svelato in 5 mosse

moto

Yamaha MT-09 SP: la prova