10°

22°

Felino

Il sindaco: «Nessun inceneritore nell'area produttiva di Pilastro»

In consiglio Bertani ha risposto all'interrogazione presentata da Lusuardi della minoranza. «La zona sarà ecosostenibile dal punto di vista energetico e paesaggistico»

Il sindaco: «Nessun inceneritore nell'area produttiva di Pilastro»
Ricevi gratis le news
2

Con l’ultimo consiglio comunale a Felino si è tornati a parlare di ambiente e dell’Apea, l’area produttiva ecologicamente attrezzata che, prevista nel piano territoriale di coordinamento provinciale approvato dalla Provincia di Parma e recepito dal Comune, sarà in futuro realizzata tra Pilastro e San Michele Tiorre.
Salita alla ribalta delle cronache prima delle elezioni con un articolo comparso su questo giornale nel quale il Comitato ambientale Felino, San Michele Tiorre, Calicella, Pilastro e Langhirano denunciava che nell’area sarebbero potuti sorgere nuovi inceneritori, tesi poi ampiamente smentita dall’amministrazione comunale, la discussione è stata risollevata da Angelo Lusuardi, capogruppo della lista di minoranza «Felino Cambia», grazie ad una interrogazione.
Lusuardi in sostanza ha chiesto all’amministrazione di: «Indicare in maniera puntuale la tipologia degli impianti di trattamento rifiuti e simili che si possono realizzare nell’area e quali, viceversa, saranno esclusi».
L’area prevede poi la presenza di una piattaforma energetica per la realizzazione di impianti volti alla creazione di energia e, anche in questo caso, Lusuardi ha chiesto di «indicare la tipologia di impianti che si possono inserire e non nella piattaforma energetica da fonti rinnovabili prevista nell’area».
In risposta il sindaco Maurizio Bertani ha spiegato che «non esiste, ad oggi, un progetto specifico delle funzioni e delle attività che l’area andrà ad accogliere. Trattandosi di un’area produttiva ecologicamente attrezzata, secondo la normativa regionale, deve avere i requisiti di virtuosità. L’area dovrà infatti essere ecosostenibile dal punto di vista energetico, ambientale e paesaggistico».
«Per questo – ha continuato il sindaco Bertani – è ammessa la presenza di piattaforme energetiche da fonti rinnovabili come, ad esempio, il fotovoltaico. L’area è nata anche attraverso il coinvolgimento delle categorie produttive per valorizzare le produzioni tipiche e sostenere i settori produttivi locali. Non sono previsti quindi impianti di incenerimento che risulterebbero contrari alle finalità e ai requisiti dell’area. Al fine di chiarire ogni dubbio, si è comunque chiesto un parere in merito all’ente competente e cioè la Provincia di Parma».
Durante i lavori consiliari sono poi state composte le commissioni di assessorato e sono stati nominati i rappresentati del Comune di Felino nel consiglio dell’Unione Pedemontana Parmense. Per l’ente, oltre al primo cittadino, l’amministrazione sarà rappresentata, per la maggioranza, dal capogruppo Enrico Depietri e dal consigliere Davide Del Bono e per la minoranza, dal capogruppo di «Felino Cambia», Lusuardi.
Infine, sono stati nominati anche i rappresentati dell’amministrazione per la consulta dell’associazionismo. Oltre al sindaco Bertani, la maggioranza sarà rappresentata dal consigliere Maurizio Faccini mentre, per la minoranza, l’incarico è stato affidato al consigliere Giacomo Baiocchi, della lista «Felino Cambia», e da Luigi Fereoli, consigliere della lista «Vivere il Cambiamento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Umberto

    08 Luglio @ 11.51

    Lo strano caso del_dottor Jekyll e del signor Hyde in salsa felinese. Maurizio Bertani oggi sindaco con un passato recentissimo da assessore con smanie da incenerimento nella passata legislatura ha iniziato una nuova vita politica da ecologista convinto? Lo danno per scontato i suoi sostenitori. Ne dubitano altri. Quali le ragioni della diffidenza? Gli incerti si chiedono se quella di Pilastro/San Michele Tiorre sarà un'area eco sostenibile come dichiarato alla prima riunione del consiglio comunale o una piccola città dei fuochi come quella del Poggio di Sant'Ilario? Al Poggio (infatti) lo stesso Comune di Felino ha consentito alla multinazionale dei salumi Citterio la creazione di impianti di cogenerazione e di rendering da scarti di produzione di carni animali. In sostanza un bell'inceneritore. No inceneritore a Pilastro e allora perché si al Poggio? Anche a volerci credere A quale dei due Bertani credere?

    Rispondi

  • Umberto

    08 Luglio @ 11.30

    Prima questione: in una affollata assemblea pubblica Nicola Dall'Oglio a nome del Pd di Parma affermò che impianti come quello della Citterio del Poggio di sant'Ilario, pure questo in Comune di Felino, che brucia grassi animali non sono inceneritori. Da qui il legittimo dubbio: dicendo che nell'area non sono al momento previsti inceneritori significa che impianti come quello della Citterio sono ammessi? Altre questioni in base alla eventuale risposta o in mancanza di questa.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

55 offerte di lavoro

LAVORO

55 nuove offerte

Lealtrenotizie

Via libera della Giunta al progetto esecutivo di valorizzazione e recupero del limite Nord-Est del Parco Ducale. Sarà demolito il muro su viale Piacenza. Stanziati 1.281.000 euro

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

2commenti

Regione

Bagarre sulla chiusura dei punti nascita

carabinieri

Colpo in villa sventato a Langhirano grazie ad un vicino: ladri in fuga

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

5commenti

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

ricoverato al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

SALUTE

Dire addio ai malanni di stagione seguendo semplici suggerimenti

tg parma

Cassa di espansione sul Baganza: il progetto Video

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

9commenti

Monticelli

Obbligo di firma, ma scappa con scooter rubato

1commento

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

3commenti

Inchiesta

I ragazzi a scuola da soli? tutti d'accordo

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: è Willy l'ottavo finalista

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

LAMPEDUSA

Donna denuncia: tentata violenza da parte di 5 migranti

1commento

giallo

Ritrovata Dafne Di Scipio, la ventenne scomparsa a Varese

SPORT

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

Calcio

Spareggi Mondiali: Italia con la Svezia

SOCIETA'

USA

California, cane-eroe resta col gregge, lo salva dal fuoco

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»