fidenza

Addio al progetto di recupero del vecchio oratorio Don Bosco?

Vincolato dalla Soprintendenza, l'edificio non potrà più essere demolito

Vecchio oratorio Don Bosco

Vecchio oratorio Don Bosco

Ricevi gratis le news
0

 

Sono in tanti, in città, a chiedersi da tempo che fine farà il vecchio e amato complesso che ospitava l’oratorio Don Bosco, tanto caro al cuore dei borghigiani. Già di proprietà della Diocesi, la struttura alcuni anni fa era  stata venduta a un privato. 
Il fronte dell’edifico del vecchio Oratorio Don Giovanni Bosco si allunga in via Bacchini senza richiamare gli sguardi dei passanti.
Della ristrutturazione conservativa del compianto architetto della diocesi Pattini restano solo il progetto e un edificio desolatamente vuoto, completamente disabitato da quando la Caritas diocesana che utilizzava alcuni spazi si è trasferita. Già, venti e più anni fa, era stata chiusa anche la sede della sezione locale della Democrazia Cristiana che vi aveva trovato anch’essa ospitalità. La solitudine non giova agli uomini, ma anche agli edifici non fa bene. Solo tre anni fa il cortile del grande complesso si presentava in ordine e pulito. Ma tre anni in più pesano ed oggi il cortile si presenta infestato di erbacce, habitat ideale di topi e insetti. 
Quasi a presidiare il tutto, resta solo il cippo dedicato a don Attilio Garlaschi, il prete che fece grande l’oratorio, lo guidò per 17 anni, educò intere generazioni di borghigiani prima e fidentini dopo. 
La targa, posta nel 1953 a dieci anni dalla sua morte, è infatti ancora lì, a ricordarlo e a ricordarne le opere. Oggi sembra totalmente bianca ma in realtà potrebbe ritornare così per essere collocata altrove.
Intanto qualcuno spera ancora che questo edificio in pieno centro storico possa essere recuperato. 
Intanto nello scorso gennaio era stata approvata in via definitiva, dopo l'adozione votata l'estate precedente, la variante al Prg che aveva accolto il vincolo posto dalla Soprintendenza ai beni architettonici sull'ex oratorio don Bosco.
Di conseguenza l'edificio non potrà più essere demolito e ricostruito con una maggiore volumetria, come previsto in origine, ma il soggetto attuatore potrà solo procedere al recupero dell'esistente. Col decreto di vincolo, per essere stato riconosciuto un complesso di interesse storico e artistico, era decaduto il vecchio progetto che prevedeva anche demolizioni di parti e costruzioni di nuovi volumi. 
Sono in tanti, in città, a chiedersi da tempo che fine farà il vecchio e amato complesso che ospitava l’oratorio Don Bosco, tanto caro al cuore dei borghigiani. Già di proprietà della Diocesi, la struttura alcuni anni fa era  stata venduta a un privato. Il fronte dell’edifico del vecchio Oratorio Don Giovanni Bosco si allunga in via Bacchini senza richiamare gli sguardi dei passanti.Della ristrutturazione conservativa del compianto architetto della diocesi Pattini restano solo il progetto e un edificio desolatamente vuoto, completamente disabitato da quando la Caritas diocesana che utilizzava alcuni spazi si è trasferita. Già, venti e più anni fa, era stata chiusa anche la sede della sezione locale della Democrazia Cristiana che vi aveva trovato anch’essa ospitalità. La solitudine non giova agli uomini, ma anche agli edifici non fa bene. Solo tre anni fa il cortile del grande complesso si presentava in ordine e pulito. Ma tre anni in più pesano ed oggi il cortile si presenta infestato di erbacce, habitat ideale di topi e insetti. Quasi a presidiare il tutto, resta solo il cippo dedicato a don Attilio Garlaschi, il prete che fece grande l’oratorio, lo guidò per 17 anni, educò intere generazioni di borghigiani prima e fidentini dopo. La targa, posta nel 1953 a dieci anni dalla sua morte, è infatti ancora lì, a ricordarlo e a ricordarne le opere. Oggi sembra totalmente bianca ma in realtà potrebbe ritornare così per essere collocata altrove.Intanto qualcuno spera ancora che questo edificio in pieno centro storico possa essere recuperato. Intanto nello scorso gennaio era stata approvata in via definitiva, dopo l'adozione votata l'estate precedente, la variante al Prg che aveva accolto il vincolo posto dalla Soprintendenza ai beni architettonici sull'ex oratorio don Bosco.Di conseguenza l'edificio non potrà più essere demolito e ricostruito con una maggiore volumetria, come previsto in origine, ma il soggetto attuatore potrà solo procedere al recupero dell'esistente. Col decreto di vincolo, per essere stato riconosciuto un complesso di interesse storico e artistico, era decaduto il vecchio progetto che prevedeva anche demolizioni di parti e costruzioni di nuovi volumi. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS