16°

fidenza

Addio al progetto di recupero del vecchio oratorio Don Bosco?

Vincolato dalla Soprintendenza, l'edificio non potrà più essere demolito

Vecchio oratorio Don Bosco

Vecchio oratorio Don Bosco

0

 

Sono in tanti, in città, a chiedersi da tempo che fine farà il vecchio e amato complesso che ospitava l’oratorio Don Bosco, tanto caro al cuore dei borghigiani. Già di proprietà della Diocesi, la struttura alcuni anni fa era  stata venduta a un privato. 
Il fronte dell’edifico del vecchio Oratorio Don Giovanni Bosco si allunga in via Bacchini senza richiamare gli sguardi dei passanti.
Della ristrutturazione conservativa del compianto architetto della diocesi Pattini restano solo il progetto e un edificio desolatamente vuoto, completamente disabitato da quando la Caritas diocesana che utilizzava alcuni spazi si è trasferita. Già, venti e più anni fa, era stata chiusa anche la sede della sezione locale della Democrazia Cristiana che vi aveva trovato anch’essa ospitalità. La solitudine non giova agli uomini, ma anche agli edifici non fa bene. Solo tre anni fa il cortile del grande complesso si presentava in ordine e pulito. Ma tre anni in più pesano ed oggi il cortile si presenta infestato di erbacce, habitat ideale di topi e insetti. 
Quasi a presidiare il tutto, resta solo il cippo dedicato a don Attilio Garlaschi, il prete che fece grande l’oratorio, lo guidò per 17 anni, educò intere generazioni di borghigiani prima e fidentini dopo. 
La targa, posta nel 1953 a dieci anni dalla sua morte, è infatti ancora lì, a ricordarlo e a ricordarne le opere. Oggi sembra totalmente bianca ma in realtà potrebbe ritornare così per essere collocata altrove.
Intanto qualcuno spera ancora che questo edificio in pieno centro storico possa essere recuperato. 
Intanto nello scorso gennaio era stata approvata in via definitiva, dopo l'adozione votata l'estate precedente, la variante al Prg che aveva accolto il vincolo posto dalla Soprintendenza ai beni architettonici sull'ex oratorio don Bosco.
Di conseguenza l'edificio non potrà più essere demolito e ricostruito con una maggiore volumetria, come previsto in origine, ma il soggetto attuatore potrà solo procedere al recupero dell'esistente. Col decreto di vincolo, per essere stato riconosciuto un complesso di interesse storico e artistico, era decaduto il vecchio progetto che prevedeva anche demolizioni di parti e costruzioni di nuovi volumi. 
Sono in tanti, in città, a chiedersi da tempo che fine farà il vecchio e amato complesso che ospitava l’oratorio Don Bosco, tanto caro al cuore dei borghigiani. Già di proprietà della Diocesi, la struttura alcuni anni fa era  stata venduta a un privato. Il fronte dell’edifico del vecchio Oratorio Don Giovanni Bosco si allunga in via Bacchini senza richiamare gli sguardi dei passanti.Della ristrutturazione conservativa del compianto architetto della diocesi Pattini restano solo il progetto e un edificio desolatamente vuoto, completamente disabitato da quando la Caritas diocesana che utilizzava alcuni spazi si è trasferita. Già, venti e più anni fa, era stata chiusa anche la sede della sezione locale della Democrazia Cristiana che vi aveva trovato anch’essa ospitalità. La solitudine non giova agli uomini, ma anche agli edifici non fa bene. Solo tre anni fa il cortile del grande complesso si presentava in ordine e pulito. Ma tre anni in più pesano ed oggi il cortile si presenta infestato di erbacce, habitat ideale di topi e insetti. Quasi a presidiare il tutto, resta solo il cippo dedicato a don Attilio Garlaschi, il prete che fece grande l’oratorio, lo guidò per 17 anni, educò intere generazioni di borghigiani prima e fidentini dopo. La targa, posta nel 1953 a dieci anni dalla sua morte, è infatti ancora lì, a ricordarlo e a ricordarne le opere. Oggi sembra totalmente bianca ma in realtà potrebbe ritornare così per essere collocata altrove.Intanto qualcuno spera ancora che questo edificio in pieno centro storico possa essere recuperato. Intanto nello scorso gennaio era stata approvata in via definitiva, dopo l'adozione votata l'estate precedente, la variante al Prg che aveva accolto il vincolo posto dalla Soprintendenza ai beni architettonici sull'ex oratorio don Bosco.Di conseguenza l'edificio non potrà più essere demolito e ricostruito con una maggiore volumetria, come previsto in origine, ma il soggetto attuatore potrà solo procedere al recupero dell'esistente. Col decreto di vincolo, per essere stato riconosciuto un complesso di interesse storico e artistico, era decaduto il vecchio progetto che prevedeva anche demolizioni di parti e costruzioni di nuovi volumi. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

Raggiri

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

Bullismo

«Non voglio più andare a scuola»

IL CASO

Ponte Verdi, i sindaci pronti alla disobbedienza civile

Noceto

L'appello: «Salviamo l'oratorio di San Lazzaro»

INTERVISTA

L'8 maggio Nucci al Regio per l'Hospice

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

LEGA PRO

Parma, pronto a cambiare

PARMA

Bocconi avvelenati: caccia ai killer dei cani

Alimentare

Parmacotto, previsti 60 milioni di ricavi

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

1commento

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

anteprima gazzetta

La nuova (spregevole) trovata dei truffatori? Il rilevatore del gas

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

polizia

Paura a Londra e Berlino: tensione a Westminster (terrorismo) e spari in un ospedale (un ferito) Foto

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling