14°

fidenza

Addio al progetto di recupero del vecchio oratorio Don Bosco?

Vincolato dalla Soprintendenza, l'edificio non potrà più essere demolito

Vecchio oratorio Don Bosco

Vecchio oratorio Don Bosco

0

 

Sono in tanti, in città, a chiedersi da tempo che fine farà il vecchio e amato complesso che ospitava l’oratorio Don Bosco, tanto caro al cuore dei borghigiani. Già di proprietà della Diocesi, la struttura alcuni anni fa era  stata venduta a un privato. 
Il fronte dell’edifico del vecchio Oratorio Don Giovanni Bosco si allunga in via Bacchini senza richiamare gli sguardi dei passanti.
Della ristrutturazione conservativa del compianto architetto della diocesi Pattini restano solo il progetto e un edificio desolatamente vuoto, completamente disabitato da quando la Caritas diocesana che utilizzava alcuni spazi si è trasferita. Già, venti e più anni fa, era stata chiusa anche la sede della sezione locale della Democrazia Cristiana che vi aveva trovato anch’essa ospitalità. La solitudine non giova agli uomini, ma anche agli edifici non fa bene. Solo tre anni fa il cortile del grande complesso si presentava in ordine e pulito. Ma tre anni in più pesano ed oggi il cortile si presenta infestato di erbacce, habitat ideale di topi e insetti. 
Quasi a presidiare il tutto, resta solo il cippo dedicato a don Attilio Garlaschi, il prete che fece grande l’oratorio, lo guidò per 17 anni, educò intere generazioni di borghigiani prima e fidentini dopo. 
La targa, posta nel 1953 a dieci anni dalla sua morte, è infatti ancora lì, a ricordarlo e a ricordarne le opere. Oggi sembra totalmente bianca ma in realtà potrebbe ritornare così per essere collocata altrove.
Intanto qualcuno spera ancora che questo edificio in pieno centro storico possa essere recuperato. 
Intanto nello scorso gennaio era stata approvata in via definitiva, dopo l'adozione votata l'estate precedente, la variante al Prg che aveva accolto il vincolo posto dalla Soprintendenza ai beni architettonici sull'ex oratorio don Bosco.
Di conseguenza l'edificio non potrà più essere demolito e ricostruito con una maggiore volumetria, come previsto in origine, ma il soggetto attuatore potrà solo procedere al recupero dell'esistente. Col decreto di vincolo, per essere stato riconosciuto un complesso di interesse storico e artistico, era decaduto il vecchio progetto che prevedeva anche demolizioni di parti e costruzioni di nuovi volumi. 
Sono in tanti, in città, a chiedersi da tempo che fine farà il vecchio e amato complesso che ospitava l’oratorio Don Bosco, tanto caro al cuore dei borghigiani. Già di proprietà della Diocesi, la struttura alcuni anni fa era  stata venduta a un privato. Il fronte dell’edifico del vecchio Oratorio Don Giovanni Bosco si allunga in via Bacchini senza richiamare gli sguardi dei passanti.Della ristrutturazione conservativa del compianto architetto della diocesi Pattini restano solo il progetto e un edificio desolatamente vuoto, completamente disabitato da quando la Caritas diocesana che utilizzava alcuni spazi si è trasferita. Già, venti e più anni fa, era stata chiusa anche la sede della sezione locale della Democrazia Cristiana che vi aveva trovato anch’essa ospitalità. La solitudine non giova agli uomini, ma anche agli edifici non fa bene. Solo tre anni fa il cortile del grande complesso si presentava in ordine e pulito. Ma tre anni in più pesano ed oggi il cortile si presenta infestato di erbacce, habitat ideale di topi e insetti. Quasi a presidiare il tutto, resta solo il cippo dedicato a don Attilio Garlaschi, il prete che fece grande l’oratorio, lo guidò per 17 anni, educò intere generazioni di borghigiani prima e fidentini dopo. La targa, posta nel 1953 a dieci anni dalla sua morte, è infatti ancora lì, a ricordarlo e a ricordarne le opere. Oggi sembra totalmente bianca ma in realtà potrebbe ritornare così per essere collocata altrove.Intanto qualcuno spera ancora che questo edificio in pieno centro storico possa essere recuperato. Intanto nello scorso gennaio era stata approvata in via definitiva, dopo l'adozione votata l'estate precedente, la variante al Prg che aveva accolto il vincolo posto dalla Soprintendenza ai beni architettonici sull'ex oratorio don Bosco.Di conseguenza l'edificio non potrà più essere demolito e ricostruito con una maggiore volumetria, come previsto in origine, ma il soggetto attuatore potrà solo procedere al recupero dell'esistente. Col decreto di vincolo, per essere stato riconosciuto un complesso di interesse storico e artistico, era decaduto il vecchio progetto che prevedeva anche demolizioni di parti e costruzioni di nuovi volumi. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il lago Santo visto dal drone

Fotografia

Il lago Santo visto dal drone Foto

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora

Napoli

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

13commenti

Lealtrenotizie

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto

Parma

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

Anteprima Gazzetta

Auto di lusso rubate e rivendute all'estero: 88 richieste di rinvio a giudizio Video

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Parma

"Spazio verde": quinto furto in tre anni Foto

Inchiesta

Tecnici Bonatti uccisi in Libia: rischio di processo per 6 persone

Convegno

Come cambiano il territorio e la sua economia: la presentazione di "Top 500" Foto

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

2commenti

Trasporto pubblico

Con Busitalia tornerà Mauro Piazza: "I timori per il personale? Solo terrorismo"

13commenti

parma calcio

Parma, manca l'insostituibile Baraye: Scaglia in attacco? Video

Caritas

Parma, un «esercito» di poveri

2commenti

vigili

Sicurezza e giovani, Noè: "Nessun allarme" Video

Nel 2016 400 interventi del Nucleo antiviolenza per tutelare donne e minori

7commenti

Langhirano

Bimbo di due anni cade dalla finestra

1commento

RICERCA

Batteri resistenti agli antibiotici: l'Efsa lancia l'allarme

L'Italia è fra i Paesi più a rischio

il caso

Legionella, domani nuovo incontro pubblico alla Don Milani

1commento

Scuola

Iscrizioni: scientifico e tecnici, il «sorpasso»

langhirano

Camion ribaltato a Cascinapiano: Massese chiusa per due ore Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

7commenti

TV PARMA

Alle 21,15 debutta "Sembra Ieri": riscopriamo la Parma degli anni '80 Video

ITALIA/MONDO

Lampedusa

La spiaggia dei Conigli è la più bella d'Italia secondo Tripadvisor

MAFIA

Ucciso e dato in pasto ai maiali: 4 arresti nell'Ennese

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv