21°

Fidenza

I ricordi della Claretta tra ricette e curiosità

«Il primissimo passaggio del rito: la scelta a inizio settembre della stoffa p'räl pältò da spiänèr»

I ricordi della Claretta tra ricette e curiosità
1
 

Com’era la Fiera di San Donnino cinquanta, sessant’anni fa? Lo racconta Claretta Ferrarini, conosciutissima vernacolista borghigiana. «Si festeggiava in modo semplice. Si iniziava i primi di settembre andando a comprare la stoffa pr èl pältò da spiänèr èl de’ ‘d San Dunén. Il giorno della fiera per le strade si vedevano tanti uomini e poche donne, perché erano impegnate a preparare il pranzo», spiega. La Claretta racconta che il pranzo di San Donnino si iniziava a preparare diversi giorni prima e che, a differenza di quanto si fa ora, in nessuna casa borghigiana si mangiavano gli anolini e non si serviva il salume come antipasto ma come secondo. «In tutte le case si cucinava il brodo ma non con j’ änulén. Per San Donnino si mangiavano i täjädlén fât in ca’ oppure la pasta räžida o i mèsi manghi pieni. Due giorni prima del 9 si iniziavano a preparare le torte che si portavano a cuocere al forno più vicino perché le stufe di casa non potevano contenere del tìcci äcsé gròssi. L’8 si mettevano in concia gli arrosti: la gingen’na oppure l’anatra o l’oca. Verso le 7 di sera si portavano al forno così il giorno dopo bastava solo scaldarli». Il pranzo – talmente abbondante che il giorno dopo si mangiavano i vänsâj - era il momento più sentito della festa, mentre il resto della giornata veniva trascorso, soprattutto dai più piccoli, tra la chiesa e le giostre. «Per San Donnino si andava a messa in Duomo e poi prima di ritornare a casa a pranzo si faceva un giro alle giostre, i baräcón, che erano al Foro boario. Tra le attrazioni c’erano anche i saltimbanchi, i sarlätàn. Per vedere l’intero loro spettacolo bisognava pagare un cäürén o un scüd. Le bancarelle erano soprattutto di dolciumi. Nella mia famiglia, però, abbiamo sempre cucinato il croccante a casa. Porto avanti la tradizione da 52 anni e da pochi giorni l’ho insegnato ad una mia nipote in modo che l’usanza non vada persa. In alcune case si preparavano anche i dolci freddi, come ad esempio lo zabaione». Un’altra curiosità: «Nessun borghigiano stendeva i panni fuori: sarebbe stato disonorevole e poco rispettoso verso San Donnino». La sagra oggi ha preso un'altra fisionomia, tante cose ovviamente sono cambiate e tante tradizioni si sono perse. «Oggi ad esempio si inizia a mangiare giorni e giorni prima, lo stesso vale per le giostre. Secondo me si stanno organizzando troppi eventi e si perde la sostanza e il senso della ricorrenza del santo patrono della nostra città, che era molto sentita anche a livello religioso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    01 Dicembre @ 18.30

    Cara Claretta, amica mia imperdibile, io, essendo salsese, mi ricordo solo parzialmente della Festa di S. Donnino, come la descrivi tu. Io e mio fratello, da bambini, eravamo invitati a casa di una nostra colf di Borgo, che abitava in una laterale di via Caduti di Cefalonia, e lei ci rimpinzava di ogni ben di Dio, specie di dolci. Io mi ricordo dei baracconi non al Foro Boario, ma nel Parco delle Rimembranze. Adesso, i festeggiamenti sono penosi!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scocca l'ora di nove bellissime 50enni:  Cindy Crawford

L'INDISCRETO

Riuscireste a dire di no a queste nove bellissime 50enni?

1commento

American Airlines

rissa sfiorata

Steward colpisce con un passeggino una donna con il bimbo

1commento

Aktion T4: dal 25 aprile Lenz racconta l'olocausto dei piu' deboli

tg parma

Aktion T4: Lenz racconta l'olocausto dei più deboli Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Camminare in Lunigiana Escursioni per tutte le stagioni

NOSTRE INIZIATIVE

Camminare in Lunigiana Escursioni per tutte le stagioni

Lealtrenotizie

Pedone investito in via Spezia: è grave

incidente

Pedone investito in via Spezia: è grave

Lutto

Trovato morto in casa l'avvocato Alberto Quaini

SORBOLO

Quegli attori anti-truffa che educano i cittadini

FORNOVO

Pochi iscritti alle elementari, è polemica

l'agenda

Una domenica tra feste di primavera, aquiloni e treni storici

LANGHIRANO

Il comandante dei vigili: «Massese pattugliata»

2commenti

gazzareporter

Un lettore: "Ma i vigili controlleranno anche le Harley Davidson?"

Lavori pubblici

Ecco il rinato «Lauro Grossi»

Finto carabiniere

Truffati altri due anziani

Lega Pro

Parma, tre partite per rilanciarsi

EMILIAMBIENTE

Massari: «Piena fiducia nel cda»

cadute

Incidenti in moto a Noceto e Berceto, grave una 46enne di Salso Video

Sanità

Visite «bucate», arrivano le prime multe

5commenti

verso il 25 Aprile

"Bella ciao!": in centinaia a celebrare la Resistenza delle donne Foto

unione parmense

Il wifi copre la Pedemontana

fidenza

Positivo all'alcotest, aggredisce i carabinieri insieme all'amico: arrestati

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

I vecchi partiti? Meglio di oggi

2commenti

EDITORIALE

Francia: l'Isis cerca di dirottare il voto

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

televisione

Morta a 56 anni Erin Moran, la Joanie di Happy Days

francia nel terrore

Panico a Parigi per un uomo con un coltello

WEEKEND

foto dei lettori

Aspettando la 1000 Miglia: lo sguardo di Paolo Gandolfi Foto

la peppa propone

Ricetta della domenica - Tortino tricolore: uno spuntino patriottico

SPORT

Ciclismo

Michele Scarponi è morto, post toccante della moglie

lega pro

Verso il Sudtirol (lunedì 20.45): Parma in ritiro anticipato. I convocati Video

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"