21°

35°

fidenza

"Ministro, perché accoltellatore libero?"

La lettera del sindaco di Fidenza. E c'è anche interrogazione dei parlamentari

Accoltellato in cortile: il giallo di Fidenza
Ricevi gratis le news
10

“Meno di un anno dopo la condanna a 3 anni di galera, l'accoltellatore di Frati pascolava nella nostra città. Cosa non ha funzionato?" E' la "domanda semplice" che il sindaco di Fidenza Andrea Massari rivolge al Ministro della Giustizia Andrea Orlando in merito alla vicenda dell'accoltellamento di un pensionato nel cortile di casa. Il suo aggressore, un 43enne parmigiano, era già stato condannato per lo stesso reato ed era ai domiciliari in una comunità tra Fidenza e Piacenza.
 “Ogni giorno questo Comune, come tanti altri in Italia, lavora sodo per creare una rete tra tutti gli operatori della Sicurezza, che il Questore di Parma ha definito un modello. Spesso ci si sostituisce allo Stato, dovendo aggirare mancanza di risorse e regole d'ingaggio d'altri tempi. Mettiamo a disposizione un impegno enorme per assicurare alla Giustizia i malviventi, che non deve essere vanificato. Ecco perché oggi ho scritto al Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, per sapere cosa ha determinato che una persona condannata a 3 anni di carcere lo scorso 19 novembre 2014, fosse libero di pascolare nella nostra Città, accoltellando Roberto Frati”.

Massari commenta così la missiva indirizzata al Ministro per rappresentare al Governo “il sentimento non solo della mia Fidenza e dei miei concittadini, ma quello di tutte le persone di buon senso”.

Il Sindaco presenta “una domanda semplice, sperando di poter ricevere le risposte del caso e di poterle condividere con la Comunità locale”, richiamando il fatto che il pregiudicato in questione “doveva scontare una pena nei tempi e nei modi stabiliti dalla Giustizia della Repubblica” e invece è stato “libero di evitare il carcere e di fare del male orribile a Roberto Frati e con lui alla sua famiglia e alla nostra Comunità”.

Tra le altre cose, Massari definisce “paradossale che nel 2015 un Sindaco non possa essere aggiornato di routine, senza dover fare la questua delle informazioni, sulla presenza nel suo territorio di soggetti che, in qualsiasi forma e modo, stanno regolando il loro debito con la Giustizia”.
Un chiaro riferimento alla permanenza dell'aggressore di Roberto Frati prima in una Struttura di Fidenza e poi in quella dove dimorava attualmente, nella provincia piacentina. Dati emersi in queste ore dalla stampa locale.

“Su questi argomenti ci sono tonnellate di demagogia – nota Massari, commentando la sua iniziativa –. Una disciplina che lascio ad altri. A me non interessa la bagarre politica, ma solo che qualcuno mi dica se era tutto regolare, o se qualcosa non ha girato per il verso giusto. In questa logica, credo sia non solo normale ma necessario che un Sindaco scriva al Ministro competente, con la più forte intenzione di costruire un buono scambio di informazioni a beneficio di tutti. Sempre con l'auspicio che la vicenda di Fidenza serva al Governo per affrontare nel percorso delle Riforme anche questa materia, così vicina alla quotidianità della gente”.

E arriva anche l'interrogazione dei parlamentari parmigiani

“Fuori da ogni retorica e da ogni populismo è bene dirlo con chiarezza: qualcosa non ha funzionato e l’aggressione subita a Roberto Frati a Fidenza, poteva essere evitata. L’aggressore era noto alle forze dell’ordine ed era già stato fermato pochi mesi fa a seguito di un altro episodio violento che aveva arricchito una fedina penale già densa”. A dirlo è la parlamentare del Partito democratico Patrizia Maestri che, insieme ai colleghi Giuseppe Romanini e Giorgio Pagliari, ha presentato un’interrogazione al Ministro della giustizia Orlando. “Nessun intento strumentale – ribadisce la deputata - ma chiediamo e vogliamo che il grave episodio di Fidenza, sia l’ultimo di questa natura”.
La vicenda, che è ancora dai contorni poco chiari, risale a qualche giorno fa quando Frati è stato accoltellato, probabilmente per una questione di soldi. “Il pronto intervento e il puntuale coordinamento delle forze dell’ordine – sottolinea Maestri - ha consentito di fermare rapidamente l’aggressore. Ai Carabinieri di Fidenza va quindi il nostro plauso, così come il nostro apprezzamento va ai medici del pronto intervento e della Rianimazione per i soccorsi tempestivi prestati alla vittima”.
Ma le capacità degli investigatori non deve far dimenticare la gravità di fatti come questi. “E’ evidente – continua l’esponente Pd - che occorre un cambio di rotta perché non accada di nuovo. Per questo sosteniamo l’iniziativa del Sindaco fidentino Andrea Massari che, proprio oggi, ha inviato al Ministro della Giustizia una lettera per chiedere piena luce sulla vicenda e che si mettano in atto tutte le misure utili per consentire alle amministrazioni di poter essere a supporto delle forze dell’ordine nel controllo del territorio. Ad esempio attraverso una più puntuale condivisione degli strumenti e delle informazioni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • fabigio

    02 Novembre @ 23.07

    Dovete costruire nuove carceri. Gira l economia, più lavoro x tutti e pene certe. Bisogna aver paura di rubare persino una biro! !!!!! Siamo stanche di aver paura noi cittadini

    Rispondi

  • antonio

    02 Novembre @ 22.34

    Ci sono commenti, sempre dei soliti che non si sa se non capiscono o se ci credono veramente, che fanno veramente pensare come sarà possibile fare un passo avanti con gente così, che ragiona solo con quello che i capi partito gli hanno messo in testa

    Rispondi

  • Maurizio

    02 Novembre @ 21.49

    Bevenuti sulla terra parlamentari, buongiorno pagliari, qualcosa non ha funzionato? Ma ci siete o ci fate? Vi consiglio di leggere le leggi prima di votarle, sapete lo faccio io normale cittadino, in questo caso ha funzionato tutto come doveva, sono le falle della giustizia, è normale che una persona agli arresti domiciliari evada, succede spesso perchè semplicemente non ci sono forze dell'ordine che passino a controllare in casa e comunque i controlli non si possono fare 24 su 24, tu passi ed io esco.... Comunque state tranquilli, dopo che è stata messa a nudo la legge italiana si troverà qualche escamotage per dare la colpa a qualche agente di polizia di piacenza per il mancato controllo come è stato fatto nel carcere di parma per l'evasione di due albanesi.... Sapete, certa gente ai posti di comando non ha ancora capito che gli occhi della spece umana sono due ma non è che possono dividersi e vedere cose contemporaneamente così come qualcuno non ha ancora capito che un solo agente non può essere contemporaneamente in due o più posti diversi...

    Rispondi

  • xxl

    02 Novembre @ 20.49

    nilus75

    @Vercingetorige NB. AL MINISTRO ORLANDI quindi PD non come dici tu ad ALFANO.

    Rispondi

  • marirhugo

    02 Novembre @ 20.28

    e che c'entra il ministro con l'accoltellatore libero?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe

PISCINE

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe Foto

William, Harry e quell'ultima breve telefonata con Diana

documentario

William, Harry e quell'ultima breve telefonata con Diana

Ascolti; Ciao Darwin 7 in replica vince il sabato sera

Televisione

Ascolti in tv: "Ciao Darwin 7" in replica vince il sabato sera

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Incidente a Scarampi

varano

Incidente a Scarampi: grave un motociclista

PINZOLO

Baraye e Calaiò (triplette) protagonisti nella prima uscita stagionale: 14-0

Bedonia

Con la moto in una scarpata al passo del Tomarlo: grave un 45enne

incidenti

Auto contomano in via Cappelluti, frontale: ferita una donna

traffico

Coda tra gli svincoli Autocisa e A1

IL RICORDO

Gli imprenditori ricordano Alberto Greci

1commento

PARMA

Incidente in viale Duca Alessandro nella notte

Scontro attorno all'una e trenta

motori

Grande festa al Paletti di Varano per la Formula Sae Italy Gallery

coldiretti

Agricoltura: siccità ma anche nubifragi, danni in regione per 150 milioni

traversetolo

I segreti della trebbiatura a Castione Gallery

PARMA

Autovelox, speedcheck e autodetector: i controlli della settimana

1commento

Anga

Arare la terra? A Collecchio fanno a gara: foto

1commento

domenica

Tra spaventapasseri, polenta e canoe di cartone: l'agenda

BASSA

Pensionato scomparso: continuano le ricerche nel Po

Da venerdì non si hanno notizie di un 68enne di Soragna

LA TESTIMONIANZA

«Ha aggredito un ragazzo, poi se l'è presa con me»

3commenti

Il caso

Le liti stradali? Dilagano. Anche a Parma

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I misteri delle bollette: le multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

ITALIA/MONDO

venezia

Donna accoltellata dall'ex marito che poi chiama i carabinieri e confessa

Moto

Tragedia nel motocross: morto a 13 anni

SPORT

nuoto

Mondiali: Italia subito sul podio, Detti bronzo nei 400sl

PARMA

I nuovi acquisti crociati: il portiere Michele Nardi e l'attaccante Marco Frediani Video

SOCIETA'

Malore

Frassica in ospedale per una bevanda ghiacciata

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

MOTORI

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori