fidenza

"Ministro, perché accoltellatore libero?"

La lettera del sindaco di Fidenza. E c'è anche interrogazione dei parlamentari

Accoltellato in cortile: il giallo di Fidenza
10

“Meno di un anno dopo la condanna a 3 anni di galera, l'accoltellatore di Frati pascolava nella nostra città. Cosa non ha funzionato?" E' la "domanda semplice" che il sindaco di Fidenza Andrea Massari rivolge al Ministro della Giustizia Andrea Orlando in merito alla vicenda dell'accoltellamento di un pensionato nel cortile di casa. Il suo aggressore, un 43enne parmigiano, era già stato condannato per lo stesso reato ed era ai domiciliari in una comunità tra Fidenza e Piacenza.
 “Ogni giorno questo Comune, come tanti altri in Italia, lavora sodo per creare una rete tra tutti gli operatori della Sicurezza, che il Questore di Parma ha definito un modello. Spesso ci si sostituisce allo Stato, dovendo aggirare mancanza di risorse e regole d'ingaggio d'altri tempi. Mettiamo a disposizione un impegno enorme per assicurare alla Giustizia i malviventi, che non deve essere vanificato. Ecco perché oggi ho scritto al Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, per sapere cosa ha determinato che una persona condannata a 3 anni di carcere lo scorso 19 novembre 2014, fosse libero di pascolare nella nostra Città, accoltellando Roberto Frati”.

Massari commenta così la missiva indirizzata al Ministro per rappresentare al Governo “il sentimento non solo della mia Fidenza e dei miei concittadini, ma quello di tutte le persone di buon senso”.

Il Sindaco presenta “una domanda semplice, sperando di poter ricevere le risposte del caso e di poterle condividere con la Comunità locale”, richiamando il fatto che il pregiudicato in questione “doveva scontare una pena nei tempi e nei modi stabiliti dalla Giustizia della Repubblica” e invece è stato “libero di evitare il carcere e di fare del male orribile a Roberto Frati e con lui alla sua famiglia e alla nostra Comunità”.

Tra le altre cose, Massari definisce “paradossale che nel 2015 un Sindaco non possa essere aggiornato di routine, senza dover fare la questua delle informazioni, sulla presenza nel suo territorio di soggetti che, in qualsiasi forma e modo, stanno regolando il loro debito con la Giustizia”.
Un chiaro riferimento alla permanenza dell'aggressore di Roberto Frati prima in una Struttura di Fidenza e poi in quella dove dimorava attualmente, nella provincia piacentina. Dati emersi in queste ore dalla stampa locale.

“Su questi argomenti ci sono tonnellate di demagogia – nota Massari, commentando la sua iniziativa –. Una disciplina che lascio ad altri. A me non interessa la bagarre politica, ma solo che qualcuno mi dica se era tutto regolare, o se qualcosa non ha girato per il verso giusto. In questa logica, credo sia non solo normale ma necessario che un Sindaco scriva al Ministro competente, con la più forte intenzione di costruire un buono scambio di informazioni a beneficio di tutti. Sempre con l'auspicio che la vicenda di Fidenza serva al Governo per affrontare nel percorso delle Riforme anche questa materia, così vicina alla quotidianità della gente”.

E arriva anche l'interrogazione dei parlamentari parmigiani

“Fuori da ogni retorica e da ogni populismo è bene dirlo con chiarezza: qualcosa non ha funzionato e l’aggressione subita a Roberto Frati a Fidenza, poteva essere evitata. L’aggressore era noto alle forze dell’ordine ed era già stato fermato pochi mesi fa a seguito di un altro episodio violento che aveva arricchito una fedina penale già densa”. A dirlo è la parlamentare del Partito democratico Patrizia Maestri che, insieme ai colleghi Giuseppe Romanini e Giorgio Pagliari, ha presentato un’interrogazione al Ministro della giustizia Orlando. “Nessun intento strumentale – ribadisce la deputata - ma chiediamo e vogliamo che il grave episodio di Fidenza, sia l’ultimo di questa natura”.
La vicenda, che è ancora dai contorni poco chiari, risale a qualche giorno fa quando Frati è stato accoltellato, probabilmente per una questione di soldi. “Il pronto intervento e il puntuale coordinamento delle forze dell’ordine – sottolinea Maestri - ha consentito di fermare rapidamente l’aggressore. Ai Carabinieri di Fidenza va quindi il nostro plauso, così come il nostro apprezzamento va ai medici del pronto intervento e della Rianimazione per i soccorsi tempestivi prestati alla vittima”.
Ma le capacità degli investigatori non deve far dimenticare la gravità di fatti come questi. “E’ evidente – continua l’esponente Pd - che occorre un cambio di rotta perché non accada di nuovo. Per questo sosteniamo l’iniziativa del Sindaco fidentino Andrea Massari che, proprio oggi, ha inviato al Ministro della Giustizia una lettera per chiedere piena luce sulla vicenda e che si mettano in atto tutte le misure utili per consentire alle amministrazioni di poter essere a supporto delle forze dell’ordine nel controllo del territorio. Ad esempio attraverso una più puntuale condivisione degli strumenti e delle informazioni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • fabigio

    02 Novembre @ 23.07

    Dovete costruire nuove carceri. Gira l economia, più lavoro x tutti e pene certe. Bisogna aver paura di rubare persino una biro! !!!!! Siamo stanche di aver paura noi cittadini

    Rispondi

  • antonio

    02 Novembre @ 22.34

    Ci sono commenti, sempre dei soliti che non si sa se non capiscono o se ci credono veramente, che fanno veramente pensare come sarà possibile fare un passo avanti con gente così, che ragiona solo con quello che i capi partito gli hanno messo in testa

    Rispondi

  • Maurizio

    02 Novembre @ 21.49

    Bevenuti sulla terra parlamentari, buongiorno pagliari, qualcosa non ha funzionato? Ma ci siete o ci fate? Vi consiglio di leggere le leggi prima di votarle, sapete lo faccio io normale cittadino, in questo caso ha funzionato tutto come doveva, sono le falle della giustizia, è normale che una persona agli arresti domiciliari evada, succede spesso perchè semplicemente non ci sono forze dell'ordine che passino a controllare in casa e comunque i controlli non si possono fare 24 su 24, tu passi ed io esco.... Comunque state tranquilli, dopo che è stata messa a nudo la legge italiana si troverà qualche escamotage per dare la colpa a qualche agente di polizia di piacenza per il mancato controllo come è stato fatto nel carcere di parma per l'evasione di due albanesi.... Sapete, certa gente ai posti di comando non ha ancora capito che gli occhi della spece umana sono due ma non è che possono dividersi e vedere cose contemporaneamente così come qualcuno non ha ancora capito che un solo agente non può essere contemporaneamente in due o più posti diversi...

    Rispondi

  • xxl

    02 Novembre @ 20.49

    nilus75

    @Vercingetorige NB. AL MINISTRO ORLANDI quindi PD non come dici tu ad ALFANO.

    Rispondi

  • marirhugo

    02 Novembre @ 20.28

    e che c'entra il ministro con l'accoltellatore libero?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

LA BACHECA

44 opportunità per trovare un lavoro

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)