FORNOVO

Il Taro minaccia le imprese locali Aipo nel mirino

Uno studio evidenzia gravi rischi di esondabilità. Per l'Agenzia l'area è una zona di espansione per cui è vietata la creazione di difese spondali

Il Taro minaccia le imprese locali Aipo nel mirino
0
 

Imprenditori uniti per la sicurezza idraulica. Hanno riposto in tanti, tra artigiani e industriali del territorio, all’invito dell’amministrazione di Fornovo, che ieri ha voluto condividere i risultati di uno studio dettagliato e puntuale sui rischi idraulici del fiume Taro. Rischi concreti, quelli confermati dai dati raccolti, che riguardano in modo diretto numerose aziende insediate sia sulla sponda destra del fiume, a Fornovo, sia in quella di sinistra, nel territorio di Medesano.

«Con questo incontro - ha spiegato il sindaco Emanuela Grenti rivolgendosi agli imprenditori - vogliamo chiedere il vostro coinvolgimento per richiedere agli enti superiori, in primis la Regione, la possibilità di realizzare opere di difesa spondale idraulica, al fine di salvaguardare le attività insediate e soprattutto i posti di lavoro: vorremmo essere supportati nel dialogo con gli enti preposti. Non ci sembra accettabile la posizione dell'Agenzia Interregionale per il fiume Po, l'Aipo, che individua tutta l’area industriale fornovese come cassa d’espansione del fiume, non consentendo quindi ai singoli imprenditori di poter realizzare opere di protezione, anche a loro spese, se non limitate a esondazioni dal rientro quinquennale, condizioni che praticamente si verificano ogni anno, perché altrimenti non autorizzerebbero i progetti. Non possiamo rispondere ad eventuali esondazioni, anche di media entità, con le sole azioni di Protezione civile. Vorremmo che la Regione autorizzasse presidi di difesa, che rientrassero possibilmente sotto il suo controllo».

In sostanza, le aziende, anche volendo investire sulla sicurezza, non sarebbero autorizzate a costruirsi argini o infrastrutture di contenimento delle piene. Potrebbero al massimo creare piccoli argini, «accumuli» di piccola entità, che servirebbero solo all’«ordinaria amministrazione» delle piene del fiume. Non certo ai rischi consistenti prospettati dall’analisi idraulica: situazione già individuata da precedenti studi e che risulta attualmente peggiorata, a causa dell’innalzamento graduale dell’alveo, dove da tempo non è possibile prelevare ghiaia e detriti.

Lo studio, commissionato dall’Eni, è una tappa obbligatoria dell’iter di riconversione della zona dismessa, in corso di bonifica: area di importanza strategica per il futuro del paese. L’analisi ha infatti preso in considerazione sia lo stato attuale dell’area, con le valutazione di rischio per un tempo di ritorno di 20, 100 e 200 anni, e le stesse proiezioni in caso di nuovi insediamenti, in un tratto di 3,5 chilometri della sponda del Taro.

«In sintesi ha detto l’ingegner Suppo - autore dell’analisi idraulica - rispetto ai precedenti dati, si confermano maggiori situazioni di criticità, non solo nella zona a valle degli insedianti ma anche a monte, per la sponda di Fornovo. Quella di Medesano, anche in caso di nuovi insediamenti, non sarebbe invece particolarmente a rischio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma

lega pro

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma Video

7commenti

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Terremoto

Nuova scossa in Appennino: magnitudo 2.2

Epicentro vicino a Solignano e Terenzo

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

Unità di crisi

Legionella: la causa del contagio forse individuata entro fine dicembre

A gennaio la relazione finale sull'epidemia. Nuovi controlli sui malati

ANALISI

Le incognite del Pd parmigiano: referendum e resa dei conti

10commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Matricole

Università, aumentano gli iscritti a Parma: +12,7% Video

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

5commenti

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

36commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

9commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

ROBOTICA

Con il "guanto" hi-tech i quadriplegici mangiano da soli

SOCIETA'

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

nel bicchiere

«Conte Durlo Vin Santo di Brognoligo»: rarità e delizia

SPORT

Formula 1

Fernando Alonso non andrà alla Mercedes

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

ECONOMIA

istat

Un italiano su 4 a rischio povertà: ecco a cosa si rinuncia

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà