11°

26°

FORNOVO

Il Taro minaccia le imprese locali Aipo nel mirino

Uno studio evidenzia gravi rischi di esondabilità. Per l'Agenzia l'area è una zona di espansione per cui è vietata la creazione di difese spondali

Il Taro minaccia le imprese locali Aipo nel mirino
0
 

Imprenditori uniti per la sicurezza idraulica. Hanno riposto in tanti, tra artigiani e industriali del territorio, all’invito dell’amministrazione di Fornovo, che ieri ha voluto condividere i risultati di uno studio dettagliato e puntuale sui rischi idraulici del fiume Taro. Rischi concreti, quelli confermati dai dati raccolti, che riguardano in modo diretto numerose aziende insediate sia sulla sponda destra del fiume, a Fornovo, sia in quella di sinistra, nel territorio di Medesano.

«Con questo incontro - ha spiegato il sindaco Emanuela Grenti rivolgendosi agli imprenditori - vogliamo chiedere il vostro coinvolgimento per richiedere agli enti superiori, in primis la Regione, la possibilità di realizzare opere di difesa spondale idraulica, al fine di salvaguardare le attività insediate e soprattutto i posti di lavoro: vorremmo essere supportati nel dialogo con gli enti preposti. Non ci sembra accettabile la posizione dell'Agenzia Interregionale per il fiume Po, l'Aipo, che individua tutta l’area industriale fornovese come cassa d’espansione del fiume, non consentendo quindi ai singoli imprenditori di poter realizzare opere di protezione, anche a loro spese, se non limitate a esondazioni dal rientro quinquennale, condizioni che praticamente si verificano ogni anno, perché altrimenti non autorizzerebbero i progetti. Non possiamo rispondere ad eventuali esondazioni, anche di media entità, con le sole azioni di Protezione civile. Vorremmo che la Regione autorizzasse presidi di difesa, che rientrassero possibilmente sotto il suo controllo».

In sostanza, le aziende, anche volendo investire sulla sicurezza, non sarebbero autorizzate a costruirsi argini o infrastrutture di contenimento delle piene. Potrebbero al massimo creare piccoli argini, «accumuli» di piccola entità, che servirebbero solo all’«ordinaria amministrazione» delle piene del fiume. Non certo ai rischi consistenti prospettati dall’analisi idraulica: situazione già individuata da precedenti studi e che risulta attualmente peggiorata, a causa dell’innalzamento graduale dell’alveo, dove da tempo non è possibile prelevare ghiaia e detriti.

Lo studio, commissionato dall’Eni, è una tappa obbligatoria dell’iter di riconversione della zona dismessa, in corso di bonifica: area di importanza strategica per il futuro del paese. L’analisi ha infatti preso in considerazione sia lo stato attuale dell’area, con le valutazione di rischio per un tempo di ritorno di 20, 100 e 200 anni, e le stesse proiezioni in caso di nuovi insediamenti, in un tratto di 3,5 chilometri della sponda del Taro.

«In sintesi ha detto l’ingegner Suppo - autore dell’analisi idraulica - rispetto ai precedenti dati, si confermano maggiori situazioni di criticità, non solo nella zona a valle degli insedianti ma anche a monte, per la sponda di Fornovo. Quella di Medesano, anche in caso di nuovi insediamenti, non sarebbe invece particolarmente a rischio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna insulta i concorrenti: "Avevamo 7 dementi, ha giocato una nana"

striscia la notizia

Insinna insulta i concorrenti di "Affari tuoi": infuria la polemica Video

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

Game of thrones 7

Game of Thrones

"La grande guerra è arrivata"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

di Chiara Cacciani

6commenti

Lealtrenotizie

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

Criminalità

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

4commenti

anteprima gazzetta

Fabi "ridisegna" l'ospedale. Ecco come cambia Video

Focus sui confronti elettorali fra i dieci candidati. Dopo molti anni due nuovi sacerdoti ordinati insieme. Inchieste sulle scuole materne di Parma. Tubercolosi, un secondo caso?

2commenti

LEGA PRO

Play-off: il Parma giocherà con la Lucchese

Sondaggio: i nostri lettori speravano nei toscani o nella Reggiana. In caso di passaggio del turno, i crociati incontrerebbero la vincente di Pordenone-Cosenza

12commenti

lega pro

Paolo Grossi: "Lucchese, sorteggio benigno" Video

Il Parma verso la Lucchese, guidata in panchina l'ex laziale Lopez, che ha sostituito Galderisi

2commenti

VERSO IL VOTO

Legalità, Alfieri lancia la sfida del certificato 335

E' il documento nel quale sono trascritti gli eventuali carichi pendenti

1commento

VERSO IL VOTO

Amministrative, i sondaggi nazionali sul «caso Parma». In testa Pizzarotti

9commenti

VIA COSTITUENTE

Colpiscono il gestore del supermercato con una catena: due donne arrestate per rapina

1commento

ENERGIA

Enel smetterà di cercare nuovi clienti via telefono

Novità dal 1° giugno

3commenti

TRAVERSETOLO

I ragazzini fanno i vandali, il sindaco: "Pagheranno le famiglie"

1commento

tg parma

Tubercolosi: migliora il 17enne malato ma c'è un altro caso "sospetto" al Rondani Video

2commenti

POLITICA

Il senatore Pagliari: "Dal 5 giugno arriveranno nuovi 15 vigili del fuoco a Parma"

3commenti

PARMA

Scontro auto-moto in via Colorno: un ferito

PARMA

Spacciava eroina in via Spadolini: condannato a 4 anni

Aveva 5,5 chili di cannabis: patteggia 36enne

Salsomaggiore

Lo struggente addio a Monia Lusignani

ESTATE

Torna "Musica in castello": 36 eventi in tutta la provincia

Alimentare

Parmacotto rilancia il brand sui canali digitali

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

ISLANDA

Turista italiano 20enne muore in un incidente in bici

Nato

Trump prima delle foto spinge via il presidente del Montenegro Video

SOCIETA'

MILANO

La danza dell'amore dei serpenti. In un parco pubblico

cinema

Festival di Cannes: curiosità dalla Croisette Foto

SPORT

playoff ritorno

Parma - Piacenza 2 - 0: gli highlights del match Video

1commento

CICLISMO

Giro: a Van Garderen il tappone dolomitico

MOTORI

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima

novita'

Mazda CX-5, il Suv compatto che sfida i marchi premium