17°

30°

fotografia

C'era una volta il vetro

C'era una volta il vetro
0
 

Nella primavera del 2004 esce il comunicato di chiusura della vetreria Bormioli Rocco & Figlio di Parma : l’«ultima goccia» era appena caduta nello stampo dal quale erano usciti, in oltre cento anni, migliaia di bicchieri, bottiglie, vasi che diffondevano il logo BRF in tutto il mondo. Questa storica vicenda è divenuta un libro «L’ultima goccia» già recensito su questa pagina e fatto in prevalenza di immagini fotografiche di Marco Fallini, ex dipendente dell’azienda, membro del Gruppo Medaglie d’Oro Bormioli ed appassionato fotografo fin dalla gioventù, divenute percorso espositivo nella Sala Polifunzionale Musei Fondazione Monteparma, (Palazzo Sanvitale, fino al 6 gennaio, da martedì a domenica dalle 10,30 alle 13, ingresso libero). Scelte una quarantina di fotografie delle settanta raccolte nel volume, Mup Editore, scattate nella primavera del 2009, dopo la bonifica dell’area e prima della demolizione. Testimoniano uno spazio industriale d’importanza storica per la città, destinato ad un futuro, ma anche una riflessione sul luogo attraverso l’occhio di un fotografo che lo ha conosciuto e per il quale ogni muro, ogni traccia, non ha segreti. Il luogo che si presenta nelle immagini e che oggi è principalmente memoria, è luogo di grande fascino e suggestioni; ha acquistato le valenze di un’archeologia industriale, fatta di tempo e di spazio; memoria di un’imprenditoria e di un’architettura, di vite vissute al lavoro, fra i forni, gli uffici, i depositi. Le foto di Marco Fallini, rigorosamente stampate in bianco e nero, per scelta personale e creativa fanno emergere quel mondo reale, «terra di conquista» per chi come il fotografo ha saputo scavare negli scorci ancora visibili, fra i muri, fra gli oggetti di un luogo che sta per trasformarsi in «altro». L’ex dipendente della vetreria con la passione per la fotografia ed un lungo curriculum alle spalle, ha, infatti, puntato l’obiettivo della sua Hasselblad SWC e Leica RE per ritrarre con sentimento i reparti produttivi, i laboratori e gli uffici che solo cinque anni prima ospitavano ogni giorno migliaia di dipendenti, testimoniando insieme i cambiamenti imposti dal tempo a un’impresa che ha scritto una pagina importante della storia della città rendendola uno dei poli tecnologici del vetro più avanzati del mondo. Un viaggio tra le rovine di una «città nella città» ha definito Marzio Dall’Acqua, presidente del Mup Editore, l’opera di Fallini. Un modo per comprendere l’imponenza spaziale e temporale in cui le immagini si «muovono». Pur affrontando ogni scatto con lo spirito dell’archeologo che dà testimonianza di un passato il fotografo dimostra poi come, dentro all’immagine che è contenitore visivo vada sempre ricercato il vissuto. Si forma così un connubio fra memoria collettiva e memoria personale, fra realtà e poesia dell’intimo, che permette di uscire dal semplice reportage fotografico, dalla pura capacità di rendere temporale il racconto per entrare in un mondo più complesso perché oggetto e soggetto insieme che rende alla fotografia un’impronta «unica». C’è dentro, la passione di una vita, la passione per il mezzo tecnico che Fallini ha sviluppato nel tempo concentrando il proprio interesse sulla composizione dell’immagine e sulle procedure di stampa in bianco e nero in camera oscura così come proposte da Ansel Adams, Paul Caponigro, Stanislao Farri e Luigi Ghirri. C’è dentro la passione per un luogo in cui ha trascorso il tempo lavorativo di una vita, luogo d’aggregazione e di impegno, fisico e personale. «È bene ricordare che egli ha vissuto in questa fabbrica, ne ha attraversato le consuetudini e i sussulti, le regolarità normalizzate e i cataclismi, fino all’ultima goccia, e oltre… lo vediamo distillare un archivio e un lavoro sul tema enormi, fatti di ritorni, rincorsa infinita dietro al cambiamento che rivela infinite possibilità d’immagine, fino forse a spingere a tornare a vivere dentro questi spazi vuoti» scrive Paolo Barbaro nella sua presentazione alla mostra. E’ in un contesto così ampio, sia storico che narrativo, che le immagini di Marco Fallini vanno «lette», vanno guardate. Perché le ciminiere alte 60 metri dei forni n°6 e n°7, i due impianti fusori di maggior potenzialità produttiva dell’azienda, non solo solo archeologia industriale; sono «torri» che svettano verso il cielo a testimoniare produzione, forza, storia ma anche amore e passione.Perché la porta d’ingresso agli uffici della Presidenza e della Direzione Generale, sulla maniglia in legno porta il logo BRF realizzato da Archimede Orlandini , falegname di stabilimento e liutaio e, forse, solo Marco Fallini poteva scegliere di fissarne la memoria con la sua macchina fotografica e la sua conoscenza. Per aver visto, vissuto e colto con amore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Roger Moore: l'ex James Bond aveva 89 anni

cinema

E' morto Roger Moore: è il primo addio a un protagonista di "007"

Il fiscalista di Corona: "faceva 130mila euro di nero al mese"

PROCESSO

Il fiscalista di Corona: "Faceva 130mila euro di nero al mese"

Cena romana per Ivanka a base di gnocchi cacio e pepe

LA VISITA

Cena romana per Ivanka a base di gnocchi cacio e pepe

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I due gatti

CHICHIBIO

"I due Gatti": qui è nata la pizza gourmet... E non solo

di Chichibio

Lealtrenotizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

COMO

False abilitazioni per autotrasportatori: un impiegato Parmalat fra i 12 arrestati

Coinvolti anche 73 autisti legati alla multinazionale. La Parmalat: "Sono collaboratori esterni, siamo parte lesa"

IL FATTO DEL GIORNO

I terroristi sono criminali paranoici ma noi siamo troppo deboli e divisi Video

CALCIO

Parma-Piacenza: ecco le modifiche alla viabilità. Vietata la vendita di alcolici

2commenti

Tg Parma

Cerca di rubare una bici: fermato in via Cavour da un agente fuori servizio Video

Inchiesta sanità

Interrogato De Luca, manager del colosso Angelini: "Ogni risposta è stata documentata" Video

Il manager è difeso da Giulia Bongiorno

CALCIO

Parma-Piacenza, contrattura per Lucarelli. Venduti più di 6mila biglietti

Problemi tecnici: posticipata la chiusura della prevendita per il settore Ospiti

San Leonardo

Ennesima rissa tra pusher

38commenti

novità

Ricevi gratis le news più importanti in tempo reale con il BOT di Gazzetta

Medesano

Incidente e incendio in zona Carnevala: code per un'ora verso Ramiola

corecom

"Campagna elettorale scorretta": esposto di Ghiretti contro Pizzarotti

6commenti

incendio

Via Farini, fiamme su un balcone: allarme rientrato Foto

Fidenza Salso

Addio a Monia Lusignani, l'angelo dei cani abbandonati

Oltretorrente

Si infila nel letto della ex ma trova la madre: arrestato 32enne Video

Nella fuga, l'uomo ha rubato un cellulare ma ha perso il suo: rintracciato e fermato dai carabinieri

2commenti

'NDRANGHETA

Il pentito contro Bernini: «Soldi in cambio di una sanatoria edilizia». La replica: "Bufala colossale"

1commento

Aveva 79 anni

Schianto di Ostia, il ritratto di Maria Dellasavina

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La forza di saper dire "scusate, ho sbagliato"

di Michele Brambilla

4commenti

IL VINO

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

Napoli

Accoltella un compagno in classe per "provare la lama"

Manchester

Kamikaze al concerto: 22 morti e 12 dispersi. L'Isis rivendica Foto

3commenti

SOCIETA'

avvistamenti

"Flottiglia di Ufo nei cieli di San Marino": le foto

2commenti

salute

Morbillo, tre fratellini ricoverati ad Arezzo con loro mamma

3commenti

SPORT

CESENA

Nicky Hayden: la famiglia acconsente all'espianto degli organi

GENOVA

E' morto Stefano Farina, designatore degli arbitri di serie B

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancor più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare