-4°

Fotografia

Galligani: una vita di scatti in prima linea

Protagonista della prima rassegna dell'audiovisivo d'autore in piazzale San Francesco. Una ricerca perenne della foto perfetta. "Spero di morire con la macchina al collo"

Galligani: una vita di scatti in prima linea

Il fotoreporter Mauro Galligani

0

Ha catturato l’anima sovietica. Oltre 30 anni rivivono nei suoi scatti che mozzano il fiato. «C’ero anche quando la falce e il martello sono state sostituite dalle pubblicità dei Rolex». Come ci si sente ad essere un veterano delle zone calde? «Praticamente un “dinosauro”, molti non crederebbero mai a quel che ho visto». Se non fosse per le sue foto che hanno fatto il giro del mondo.
Ironico, di un’umiltà d’altri tempi, Mauro Galligani incanta Parma. E’ stato protagonista della prima rassegna dell’audiovisivo d’autore promossa dai maghi degli obiettivi nostrani. Volti noti, professionisti e amatori hanno gremito piazzale San Francesco per l’evento targato «Casa della fotografia di Parma e provincia», un sodalizio composto da undici associazioni del settore. Dalla morte di Tito, alla prima visita di Giovanni Paolo II in Polonia. Poi l’invasione dell’Afghanistan da parte dell’Armata rossa, il cimitero degli elicotteri a Chernobyl, la sede del Kgb (Galligani è stato il primo fotografo ad accedere nel quartier generale dei servizi segreti russi). Una carrellata della storia, vista con gli occhi del fotoreporter tutto d’un pezzo. «Io vivo per il mio lavoro e, in tutte le occasioni, ho sempre cercato di dare il meglio». Le sue foto più significative? Affiora un mezzo sorriso: «Dopo un po’ non mi piacciono più, sono tremendamente autocritico e l’entusiasmo sfuma in fretta». Anche se secondo il resto del mondo si tratta di capolavori? Fa spallucce. La sua è una vita alla ricerca dello scatto perfetto «e spero proprio di morire con la macchina al collo, possibilmente senza patire dolore» si schermisce.
In effetti la rivolta cecena del 1997 gli è costata due mesi della sua vita. Fu rapito dai guerriglieri ceceni di montagna e trattenuto per 50 giorni finché non fu pagato il riscatto. «Ero andato per Panorama – racconta senza scomporsi troppo - mi rapirono in piena città bloccando la macchina in mezzo al traffico, sparando alle gomme. Ogni momento pensavo di poter morire. I momenti peggiori erano quando mi facevano passare dal un covo all’altro. Incappucciato. Pensavo: adesso mi buttano in un burrone. In quei casi o si paga o si muore. Ma non porto segni, anzi sono anche tornato a cercarli con un giudice istruttore russo e 15 uomini di scorta con tanto di blindati».
Non chiamatelo eroe e neppure fotografo di guerra per carità: «La paura c’è sempre, ho solo cercato di sopravvivere tentando perennemente di fregarli. Stavo attentissimo ai dettagli, cercavo di non alimentare il loro astio». Cosa consiglia ai giovani fotoreporter di oggi? «Purtroppo so bene come funzionano le cose, le testate chiudono o non ti appoggiano. L’importante è cercare di finanziarsi con attività alternative, per poter compiere magari due viaggi all’anno e portare a casa un prodotto eccezionale».
Come definirebbe il suo lavoro? «Mi vengono in mente solo banalità e non voglio rischiare di piegarmi, occorre semplicemente farlo».

Scopri la sezione Fotografia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Gli amici: Filippo persona speciale

Il ritratto

Gli amici: Filippo persona speciale

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

SALSO

Addio a Gianni Gilioli, papà dell'ex sindaco

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci (Video)

17commenti

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

Il fatto del giorno

La tragedia di Filippo: un gigantesco "Perché?" (Senza risposta)

3commenti

consiglio comunale

Polemica D'Alessandro-Vescovi sui vaccini

4commenti

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

12commenti

lega pro

Febbre Venezia-Parma: iniziata la prevendita

Classifica

Gli stipendi più alti: Parma al quinto posto in Italia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

13commenti

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

BRUXELLES

Tajani eletto presidente del Parlamento europeo

scuola

Nuova maturità: non ci sarà più bisogno di avere tutte le sufficienze

1commento

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video