-4°

Fotografia

Oreste e Odetta: tremila chilometri a piedi per immortalare il mondo

Oreste e Odetta: tremila chilometri a piedi per immortalare il mondo
0

di Andrea Violi

Sono trent'anni che viaggiano, Oreste Ferretti e Odetta Carpi. Lui imbraccia la macchina fotografica, lei la telecamera. La voglia di avventura e di scoprire usanze e luoghi ce l'hanno dentro. Così sono nati tanti loro reportage e documentari che hanno vinto premi su premi in concorsi e rassegne: l'Himalaya e le sorgenti del Gange, i deserti dell'Africa e i villaggi dell'Asia orientale. E molti luoghi ancora.
Oreste e Odetta hanno vinto il Premio Leoni, dedicato ai viaggiatori dalla Scuola di scialpinismo in memoria di un socio, Luigi Leoni, scomparso nel 2000. Il premio è stato consegnato mercoledì sera a Palazzo Sanvitale. Sono stati presentati un diaporama (diapositive proiettate con la dissolvenza) sul Niger e un filmato sulla “spedizione” alle sorgenti del Gange, in India. All'indomani di quella premiazione, Oreste Ferretti e Odetta Carpi raccontano a Gazzettadiparma.it la loro singolare esperienza di coppia dedita ai reportage di viaggio.

La passione per gli scatti è nata trent'anni fa. In principio furono le Dolomiti ad essere fotografate da Oreste. Poi la voglia di viaggiare ha portato la coppia parmigiana ad esercitarsi un po' in tutto il mondo. Se guarda un planisfero, Oreste può dire di essere stato ovunque o quasi. «Il viaggio per noi più bello? Ce lo chiedono sempre e... non sappiamo rispondere - spiegano i coniugi -. Sono tutti affascinanti, ognuno a modo suo: l'Africa con i suoi deserti e le popolazioni, il Nepal per le montagne e così via». Il premio Leoni è un riconoscimento importante:  «Siamo molto contenti di averlo ricevuto - dice Odetta -. Eravamo amici di Luigi, ci trovavamo sempre al Lago Santo e con le uscite del Cai. Era una persona dolcissima, solare, sempre pronta ad aiutare gli altri».

Dopo le Dolomiti, Odetta e Oreste hanno puntato sull'Himalaya, per poi andare alla “conquista” dell'India e del Pakistan: negli anni '80 hanno fatto diverse vacanze. Poi ancora l'Africa: «È stato un grande amore, dal Botswana allo Zimbabwe, dalla Namibia all'Etiopia. Siamo andati due volte in Mali e due in Niger...». Quanto duravano i viaggi? «Il più lungo è durato 28 giorni - nota Oreste -. Nei nostri trekking abbiamo percorso, in totale, 3mila chilometri. Tutti a piedi».
I viaggi dei due parmigiani non sono mai stati all'insegna delle comodità, ma è proprio lì il bello. «Siamo stati in Nepal nel 1979: erano i primi trekking, ci andavano praticamente solo gli alpinisti, non i turisti - spiega Odetta -. In questo modo si può conoscere la realtà locale. Ci hanno detto che oggi negli stessi luoghi che abbiamo visitato trent'anni fa ci sono alberghi e strutture per i turisti anche nei villaggi. Abbiamo viaggiato usando i mezzi locali, anche sul tetto di jeep e camioncini». Prima di partire Odetta si informava sul Paese prescelto («Ho lavorato alla Biblioteca Civica: consultare i libri mi piace», puntualizza lei). Ma durante il viaggio era importante anche adattarsi alle esigenze e alle occasioni del momento.

A spingere l'entusiasmo dei coniugi Ferretti-Carpi era più la voglia di avventura o la brama di scoprire popoli, usanze e luoghi da loro mai visti prima? Cinquanta e cinquanta. Oreste ci pensa un attimo ma non ha dubbi: «Fotografare e riprendere ci piace da impazzire. Con la stessa intensità, facciamo “vite da cani” ma amiamo viaggiare». Chissà se hanno aneddoti divertenti o curiosi da raccontare... Sì, ce ne sarebbero tante, di storie. Su questo punto i due cercano un po' di svicolare. «Forse si può raccontare di quella volta in Yemen... No, meglio di no. O forse sì: un episodio buffo è avvenuto durante il viaggio alle sorgenti del Gange». In pratica Oreste inquadra un “santone” indiano, che fa un cenno inequivocabile: niente foto! Il parmigiano non scatta ma poi ci riprova e alla fine fa la fotografia. Il santone si arrabbia, brandisce un forcone e rincorre Ferretti, che tra l'altro rischia di perdere la borsa con l'attrezzatura. Il santone viene arrestato da un poliziotto ma a Oreste e Odetta dispiace. I parmigiani si recano al commissariato per spiegare l'equivoco alla polizia. Ma nonostante tutto il santone, pur trattenuto dai poliziotti, continua a tentare di infilzare Oreste con il forcone. Tornati in India dopo molti anni, in quello stesso luogo Odetta e Oreste hanno rivisto quel santone: tutti e tre ricordavano quell'episodio. È bastato un cenno per capirsi, questa volta: “No foto?”. “No”. E tutto è filato liscio, con un sorriso reciproco.

Un consiglio per chi voglia seguire le orme della coppia? «Per fare viaggi come i nostri, insoliti... bisogna avere un grandissimo spirito di adattamento - chiarisce Oreste -. Chi vuole la doccia, mangiare e dormire bene e le altre comodità occidentali... è meglio che stia a casa!». O comunque che scelga altri tipi di vacanza: l'avventura è anche un po' improvvisazione. «Bisogna lasciare a casa le idee del nostro mondo e parlare con la gente - aggiungono i coniugi -. È bene anche fare i giusti controlli medici».

Tra gli appassionati di fotografia c'è la «diatriba» sul digitale: c'è chi lo vede come un'opportunità e chi come un tradimento nei confronti della tradizione.... Odetta sorride e fa capire che il marito rientra in quest'ultimo gruppo. Lui sospira e rivela senza mezzi termini: «Sono a un bivio drammatico perché io fotografo con la luce. Nei miei scatti si fanno molti controluce: cerco di fare foto descrittive ma emozionali. E con il digitale il risultato non vale la metà della metà rispetto a quello che ottengo con la pellicola. Sì, il digitale è più comodo - ammette Ferretti - ma per i miei gusti il risultato non è soddisfacente. Lo dicono anche i miei amici fotografi che sono più bravi di me».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente Cascinapiano

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

IL FATTO DEL GIORNO

Massese pericolosa, Brambilla: "Il rimpallo di responsabilità è inaccettabile" Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino di Parma salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

14commenti

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

5commenti

Mercato

Guazzo, niente Modena

sabato

Per tenere viva la Curva Nord torna la riffa dei Boys

1commento

Gazzareporter

Massimo Mari: "Parma, inverno"

1commento

Wopa

I genitori omosessuali fra difficoltà e pregiudizi

Presentato libro a Parma in un dibattito moderato da Chiara Cacciani

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

1commento

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

Rigopiano (Pescara)

Hotel sommerso da una slavina: due vittime accertate, decine di dispersi Foto

2commenti

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

Pescara

Cantante del "Volo": "Dovevo essere all'hotel Rigopiano"

SPORT

Moto

La nuova Yamaha di Rossi: le foto

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta