-2°

Fotografia

Kenna, scatti come sussurri e grida

Kenna, scatti come sussurri e grida
0

di Stefania Provinciali 

A Reggio Emilia il binomio Palazzo Magnani e la grande fotografia si ripresenta, in occasione della quinta edizione di Fotografia Europea con l’antologica dedicata a Michael  Kenna, uno dei maestri internazionali della fotografia di paesaggio. L’esposizione, curata da Sandro Parmiggiani e visibile fino al 18 luglio, presenta 290 immagini in bianco e nero, in grado di ripercorrere l’intero iter creativo del fotografo, inglese di nascita ma americano d’adozione. 200 delle foto esposte costituiscono il vero e proprio percorso antologico, 35 documentano lo sguardo sul territorio reggiano, frutto di ricognizioni sul campo compiute negli ultimi tre anni, 35 si misurano con il perenne fascino di Venezia e 20 ripropongono uno dei cicli storici di Kenna, quello sui campi di concentramento e di sterminio nazisti. Tutte, nella loro complessità, sono le «Immagini del settimo giorno», il giorno del riposo nella creazione ma nel contempo il «giorno» o meglio il tempo, elemento che delinea alcuni degli aspetti fondamentali nell’opera di Kenna: l’attenzione al paesaggio, la sua sospensione temporale, la capacità di scelta creativa. Sono solo alcuni degli aspetti da considerare per un fotografo di così grande rilievo ma che possono suggerire modi di guardare, di affrontare le tematiche anche là dove sconfinano nella tragedia umana. Ombre e luci, quelle che solo il bianco e nero può delineare, sussurri e grida, di un paesaggio senza una presenza concreta se non attraverso quelle rare immagini di uccelli vaganti nel cielo, ali bianche che paiono fuggire oltre i confini di quello spazio visivo. E’ in questo contesto che la fotografia «racconta» il paesaggio, lo interpreta, lo guarda elevandolo a momento sublime o forse proprio al momento sublime, quando, dice il libro della Genesi, Dio, completata la creazione del mondo, si riposa. Ecco allora offrirsi, nel suo incanto segreto e nella sua essenza più vera ciò che, sbrigativamente e con scarsa consapevolezza, chiamiamo paesaggio, filtrato da un’ottica pura che lo rende emozione universale. Non ci sono persone, nelle fotografie di Kenna, né tantomeno volti e corpi che sviino la nostra attenzione dalle pure linee, dalle nitide geometrie, dai contrasti, a tratti duri, a tratti soffusi, tra luce e ombra, tra il biancore assoluto di una neve che tutto ammanta e la drammatica cupezza di rocce, di isole, di spiagge, di livide distese d’acqua. Rende così la concreta immagine Sandro Parmiggiani nel testo del catalogo, edito da Skira, bilingue in italiano e inglese, con interventi di Pierre Bonhomme e Ferdinando Scianna.
 
La mostra prende il via dalle immagini scattate da Michael Kenna nella natia Inghilterra negli anni Settanta e Ottanta, nelle quali si sofferma sui paesaggi urbani e su quelli di campagna, dove: l’atmosfera di nebbie e di fumi, sa già offrire allo spettatore la suggestione dell’«attimo»,  del crepuscolo o dell’alba. La linea dell’orizzonte è sempre lontana, con la terra disseminata di segni. Sono alberi, pali, lampioni, giunchi che emergono da uno stagno, un’altalena solitaria, delle sedie ripiegate che si protendono come simboli e che misurano la profondità del campo visivo. Nei paesaggi urbani sono le strade lastricate, il nero profilo degli edifici sullo sfondo o quello bianco di un corrimano lungo un’erta salita, a guidare con forza magnetica l’occhio che s’inoltra nelle profondità dello spazio. Le cupe silhouette di un impianto industriale nel Michigan e le inquietanti forme conico-trapezoidali della centrale elettrica di Ratcliffe nel Nottinghamshire, che Michael affronta negli anni Novanta, sono i prodromi delle sue indagini sulle grandi metropoli del mondo o sui ponti che a Parigi, a Praga, a New York uniscono le due rive dei fiumi che le attraversano. Altre volte, è quel che resta di perdute civiltà lontane o di creazioni a noi più vicine nel tempo, ad affascinarlo, ad evocare brandelli di memorie. Indimenticabile «L’impossibile oblio».  Significative le immagini in mostra, che Kenna sembra aver sentito il dovere di riproporre e realizzare recandosi, nel corso degli anni Novanta, sui luoghi dei campi di concentramento e di sterminio nazisti trasformando il suo «viaggio» in testimonianza «vissuta» seppur a posteriore da un uomo che sa quanto preziosa e necessaria sia la trasmissione della memoria: quasi un grido dentro il paesaggio. 
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

3commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

6commenti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

Parma

Incendio di canna fumaria a Porporano

Sono intervenuti i vigili del fuoco

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

13commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

10commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017