23°

Fotografia

Ecco il MAXXI, l'altra Roma

Ecco il MAXXI, l'altra Roma
Ricevi gratis le news
0

di Luigi Alfieri

Roma è la città dell’antico. Dal Colosseo all’Ara Pacis, a Castel Sant'Angelo a Santa Maria Sopra Minerva, a San Pietro, alle Fontane del Bernini, ai Musei Vaticani a Villa Giulia tutto profuma di storia. Viaggiare per le sue vie è come viaggiare nel tempo, si passa con naturalezza dall’epoca di Augusto al Medioevo, dal Gotico al rinascimento, dal Barocco al neoclassico senza dimenticare il rococò. Ogni momento culturale ha lasciato un marchio indelebile. Roma è talmente fiera, talmente forte della sua bellezza che non ha paura neppure di cimentarsi col l'attualità più audace, benché il rischio sia grande. L’architettura e l’arte contemporanea spesso suscitano esaltazione, ma a volte anche rabbia e ripulsa perché è più facile leggere una realtà già vista mille volte che una vista per la prima volta. Anche lungo il Tevere è successo così: il più importante fregio contemporaneo della città, il «Museo nazionale delle arti del XXI secolo», che gli intellettuali «più avanti» chiamano con affetto MAXXI, inaugurato solo un anno fa, ha spaccato in due i romani, la comunità culturale internazionale e i mass media; come sempre accade con le opere disegnate dall’architetto superstar Zaha Hadid, una signora di origini persiane dall’aspetto mite, ma dalle idee potenti, per alcuni urticanti. Quando si scende dal tram numero due, che porta a un tiro di schioppo da via Guido Reni, nel cuore del quartiere Flaminio, il museo è subito lì. Immenso, coi suoi 27 mila metri quadrati di superficie, subito stupisce per la capacità di dissimulare la propria mole e di integrarsi con lo spicchio di città che lo circonda. Grazie a un sapiente gioco di vetri e di luci, le case, le chiese, il cielo entrano con leggerezza nel MAXXI, ne diventano una parte integrante. Ogni, porta, ogni finestra, ogni parete riflette uno spicchio di quartiere. Quando si entra nel museo, invece, è l’architettura di Zaha che scende in via Guido Reni. Grazie agli improvvisi squarci nelle pareti di cemento armato, ai continui inganni dell’occhio, la diabolica disegnatrice trasforma i corridoi in ponti che portano alla città, l’effetto è quello di trovarsi in una dimensione metafisica, sospesi tra l’interno e l’esterno. Dentro una radio al tempo stesso ricevente e trasmittente. In cortile sembra di essere dentro, quando si è dentro sembra di stare fuori. Quella che poteva essere una colata di acciaio, calcestruzzo e vetro, una montagna aspra e inospitale, fa l’effetto di una dolce collina dalle linee distese su cui riposare l’occhio: all'interno ci si rilassa esplorando le ultime creazioni artistiche del nostro secolo. L’ex Caserma Montello, di cui è stata conservata la facciata che accompagna con sorprendente armonia la parete in cemento che guarda su via Reni, era un luogo isolato dal quartiere Flaminio, un corpo estraneo, ostile. La nuova struttura che ha preso il suo posto è diventata il cuore pulsante di questa parte di città. Il MAXXI non è solo un'importante realizzazione architettonica, è un progetto culturale ambizioso e ricco di fascino che vuole tenere la capitale al passo con le metropoli dell’Occidente. Una struttura che regge il confronto con la Tate Modern di Londra, col centro Pompidou a Parigi, col Moma a New York. Un grande campus dove il meglio dell’arte e dell’architettura mondiale possono essere toccati, accarezzati, bevuti come un buon vino. Gli spazi espositivi, immensi e ben illuminati da una luce naturale che arriva tersa e mielata, ospitano collezioni permanenti e mostre temporanee di livello internazionale, sia nel campo delle arti figurative che dell’architettura, con un occhio di riguardo alla produzione artistica italiana. Nelle collezioni permanenti sono ospitate opere di artisti affermati come Sandro Chia, Francesco Clemente, Enzo Cucchi, Mimmo Paladino, ma anche di giovani emergenti: Cristiano Pintaldi, Lara Favaretto, Margherita Manzelli, Eva Marisaldi, Francesco Vezzoli. Si è appena chiusa una mostra antologica, la più bella mai realizzata, delle opere di Michelangelo Pistoletto, è ancora in corso (chiuderà l’11 luglio) quella dedicata all’architetto Gerrit Thomas Rietveld, maestro del Novecento. Sta per finire «Inquadrare il moderno» che presenta il meglio delle foto di architettura del secolo passato. Il programma per i prossimi mesi è smisurato. Ma al Museo-campus bisogna venirci indipendentemente dalle mostre che ospita, per scoprire il piacere di camminare tra il grigio e il bianco delle pareti a volte incombenti a volta ospitali, salire le scale di acciaio, farsi stupire dagli improvvisi inserti di rosso e di giallo che pendono dai soffitti, affacciarsi su Roma dalla piattaforma che Zaha ha costruito all’ultimo piano dell’edificio. E’ bello scoprire che anche in Italia si può avere uno spazio che ospita archivi smisurati di arte e architettura contemporanea, un auditorium, diverse sale per la proiezione di video d’autore, e perché no, un book-shop aggiornato col meglio dell’editoria internazionale, un bar accogliente e, fuori, nella piazza, un ristorante raffinato che serve buoni piatti a prezzi davvero accettabili. 
In più Roma offre un piacere tutto particolare: finita la visita del Maxxi, si prende di nuovo il tram numero due e si torna in Piazza del Popolo. Ci si immerge nella città, magari si va ai musei Vaticani a guardare la Stanza delle Segnature e la Cappella Sistina, si ammira il colonnato del Bernini e si scopre che l’arte antica e quella contemporanea, l’architettura antica e quella contemporanea, regalano sempre la stessa cosa. Emozioni.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gomorra 3 la serie debutta in anteprima in sala

serie tv

Gomorra 3: la serie debutta in anteprima in sala

Cane veglia per ore "amico" morto in strada. La foto commuove il web

ANIMALI

Un cane veglia per ore il suo "amico" morto in strada: commozione a Roma (e sul web)

Angelina Jolie, perdono Brad se ha imparato lezione

cinema

Angelina Jolie: "Perdono Brad se ha imparato la lezione"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

52 offerte di lavor

LA BACHECA

79 offerte per chi cerca lavoro

Lealtrenotizie

Madregolo, schianto tra un'auto e una moto: un ferito grave

incidente

Madregolo, schianto tra un furgone e una moto: un ferito grave

ladri in azione

Sorbolo, foto-cronaca da un tentato furto in abitazione

carabinieri

Lite con coltello in via Lazio: e così viene incastrato per furto

3commenti

FATTO DEL GIORNO

Sicurezza: "Un'intesa è fondamentale perché è un bene di tutti i cittadini"

basilicagoiano

Spaccata al bar: videopoker svuotati in un casolare

Calcio

Per il Parma un altro ko

13commenti

Criminalità

Via Traversetolo, porta di un bar sfondata con un tombino

1commento

Via Paradigna

Dipendenti Iren minacciati con la pistola

6commenti

COMUNE

Sicurezza: proposte del centrosinistra su vigili, controlli e inclusione sociale

OPERAZIONE

Patrimoni nascosti all'estero, si attendono gli interrogatori

boretto

Si schianta al limite del coma etilico, denunciato. E rischia multa fino a 10mila euro

Lutto

Addio a Giordana Pagliari, un'istituzione del teatro dialettale

1commento

san leonardo

Vivono coi figli tra topi e rifiuti

17commenti

SOS ANIMALI

E' scomparsa Molletta in zona Cornocchio

Scuola

Al Rasori inaugurate le aule dei ragazzi del Bocchialini

Il caso

Neviano, guerra ai «furbetti» dei rifiuti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

Terremoto

Messico: una bimba viva sotto le macerie della scuola Foto

BERGAMO

Violentata operatrice del centro per migranti: arrestato 27enne della Sierra Leone

3commenti

SPORT

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

Moto

Valentino Rossi annuncia: "Ad Aragon ci sarò"

SOCIETA'

MUSICA

"Wise - Lettere di scuse": canzone parmigiana della band "The Opposite" Video

lite a seattle

Svastica al braccio: steso con un pugno da un afroamericano

MOTORI

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte

PNEUMATICI

Michelin ha una "Vision". Ed è in 3D