19°

29°

Fotografia

Castelnovo Sotto rende omaggio a Fotografia Europea

Ricevi gratis le news
0

Prende il via a Reggio Emilia la settima edizione di Fotografia Europea, che quest’anno ha come tema conduttore la Vita Comune. La città verrà "invasa" dalle immagini che tentano di cogliere e rappresentare, nei suoi molteplici aspetti, attimi del vivere con gli altri e il senso sociale e politico del partecipare ad una comunità o, per contro, dell’esserne esclusi.
Castelnovo Sotto e la sua amministrazione, dice un comunicato del Comune, «hanno voluto guardare a se stessi a partire dai dati materiali, da ciò che il paesaggio, quale portato della cultura in un determinato ambiente, esprime. Il tempo, le convenzioni, il carattere dei suoi abitanti sono ciò che ha impresso al luogo la sua attuale fisionomia. Quello di Castelnovo di Sotto, uno tra i tanti paesi della Bassa, non è né un paesaggio “degradato”, né un paesaggio “eccezionale”, ma un semplice paesaggio “del quotidiano” come ce ne sono tanti. Un paesaggio, dunque, Normale. Un paesaggio ormai talmente scontato, comune, divenuto tutt’uno con chi lo vive, che serviva la fotografia a svelarlo».

Il lavoro dell’amministrazione
Il Comune di Castelnovo di Sotto ha elaborato un piano per lo sviluppo sostenibile del territorio che rappresenta un aspetto fondamentale del lavoro politico dei prossimi anni. Su questo progetto si vogliono coinvolgere al massimo i cittadini, nel tentativo di incrementare la consapevolezza rispetto al proprio ambiente, paesaggio e territorio, alla loro storia e al loro presente.
Per raggiungere questo obiettivo, si è cercato un metodo di lavoro nuovo e una prospettiva esterna alla nostra realtà, uno sguardo che Castelnovo di Sotto percepisca come innovativo e particolare, uno sguardo che non rischi di cadere in una sorta di vicolo cieco a causa di abitudine e quotidianità. Abbiamo chiesto all'artista tedesco Kai-Uwe Schulte-Bunert di registrare le sue impressioni della nostra realtà nelle sue fotografie. Vivendo da 15 anni dalle nostre parti, Schulte-Bunert rappresenta un punto di vista che mischia familiarità ed estraneità, il punto di vista di chi viene da lontano e possiede uno sguardo distanziato ma contemporaneamente consapevole e analitico. Negli ultimi anni ha realizzato diversi lavori che indagano i nostri paesaggi e luoghi.
Per un periodo di circa 2 anni il fotografo è ritornato ciclicamente più volte a Castelnovo di Sotto, tanto che ormai nessun un angolo del nostro paese è rimasto escluso dal suo obiettivo. Nelle sue fotografie Schulte-Bunert si limita ai soli luoghi pubblici, quelli cioè che possono essere visti da tutti in qualsiasi momento. In questo senso egli aderisce perfettamente alla nostra idea di un luogo completamente aperto, dove tutti i cittadini sono invitati a co-progettare e ad assumersi la responsabilità di farlo.

Le fotografie
La normalità, ciò che non si distingue, che non cattura l’attenzione, su cui lo sguardo non si posa. Il consueto, l’ordinario, l’usuale, ciò che apparentemente non ha uno stile proprio e spiccato, che non è caratterizzato da eventi eccezionali: sono i temi su cui indugia la camera di Kai-Uwe Schulte-Bunert. Il suo sguardo cerca di comporre con gli elementi disomogenei e dislocati con una certa casualità sul territorio di uno dei tanti paesi di questa anonima (dal punto di vista paesaggistico) fascia mediana della Pianura Padana, immagini che non evocano altro se non normalità. Una normalità ancora più implacabile perché senza sfondo. Non i monti, non le acque, non l’arte. Solo il quotidiano funzionare ha fornito il suo aspetto alle cose. Disegnati su una tela neutra, su sfondo incolore, quali sono spesso i cieli da queste parti e come bene sa raccontare la fotografia di Kai-Uwe Schulte-Bunert, gli elementi della campagna, così come quelli dell’abitato, si mescolano in una sorta di “non-paesaggio” che, ancora più del non-luogo urbano, è qui frutto di una commistione di intenzioni singole, spesso disorganizzate, isolate, irriflesse e di una stratificazione di epoche ognuna delle quali lascia la propria traccia – si  tratti di un’arcaica linea di confine, di un vecchio filare di olmi, di una statua in gesso da giardino, di una tapparella di plastica verde.
In questo paese come un altro il benessere è diffuso. Ogni suo cittadino si è costruito negli anni una propria casa unifamiliare, cinta da siepi e inferriate – spesso simili tra loro – a segnare il limite del privato. Ogni giardino domestico, sia pure di ridottissime dimensioni, riflette attraverso segni minimi e ordinati l’immagine di un desiderio o di un idillio individuale. Idillio che si ritrova, in una dimensione pubblica, riflesso all’ameno laghetto artificiale campestre in cui pescano e inseguono una pace innaturale gli uomini del paese. Se mai vi fosse una relazione tra ordine e ordinario, la troveremmo in uno di questi giardini domestici o laghetti da pesca.
Attraverso il semplice gesto dell’inquadrare, la fotografia impone un proprio ordine e opera immancabilmente un sezionamento della realtà, permettendo però all’osservatore di vedere come se fosse la prima volta ciò che spesso gli sfugge perché immerso in un contesto quotidiano e in una quantità di relazioni, intenzioni e flussi ambientali in cui è difficile non lasciarsi trascinare. La fotografia rappresenta così una sorta di sintassi minima che consente in questo caso di dare un’immagine e uno stile alla normalità che abbiamo sotto gli occhi e che quasi per un inganno ottico non riusciamo a vedere.
Attraverso la fotografia fornire un ordine al paesaggio ordinario e di conseguenza, a partire dallo sfondo grigio della vita quotidiana, creare immagini che alludono a proiezioni individuali è un risultato collaterale di questo lavoro sulla piccola comunità di Castelnovo di Sotto.

Il progetto è stato promosso dal Comune di Castelnovo di Sotto e realizzato grazie al sostegno di Coopsette. Si ringrazia Boorea per il contributo alla realizzazione della mostra a Reggio Emilia.

Quando
dall’11 maggio al 3 giugno 2012
Inaugurazione
12 maggio alle 17,30
Sede e orari
BOOREA Temporary Gallery
via della Racchetta, 1/B – angolo corso Garibaldi
42121 Reggio Emilia
aperto venerdì dalle 17 alle 23; sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 23

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

2commenti

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Protesta

«Cittadella abbandonata»

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

7commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

NAPOLI

In codice rosso aspetta 4 ore: muore 23enne

3commenti

SPORT

il personaggio

«Chicco» Taverna l'ex rugbista che doma le onde

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

SOCIETA'

perugia

Oca lo becca al parco, nonno risarcito dalla Regione

IL DISCO

Elton John e quell'omaggio a John Lennon

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti