-2°

Fotografia

Bianco e nero d'amore e di vita

Bianco e nero d'amore e di vita
0

Edda Lavezzini Stagno

Ho molto camminato per Parigi, prima sul pavé e poi  sull’asfalto, solcando in lungo e in largo per mezzo secolo la  città. Un esercizio che non richiede doti fisiche eccezionali. Se Dio  vuole Parigi non è Los Angeles e qui la condizione di pedone non è  un indizio di miseria…». 
Così dice Robert Doisneau nel 1984.  Robert Doisneau e Parigi è un binomio inscindibile tra uno dei più  grandi fotografi francesi e la città che ha immortalato con il suo  obiettivo.
Doisneau, questa città, l’ha percorsa fotograficamente  per impossessarsi dei suoi tesori.
Anche chi non conosce  Doisneau  avrà visto molte volte la riproduzione del celebre «Bacio all’hotel  De Ville». Devo deludere i lettori più romantici: la leggenda dice che  lo scatto non sia stato «rubato»  come si potrebbe intuire, ma che  i due soggetti coinvolti siano stati messi in posa.  Comunque questo  bacio, forse il più conosciuto della storia della fotografia, è  stato scelto dal Palazzo delle Esposizioni di Roma come simbolo della  mostra in corso fino al 3 febbraio 2013. «Robert Doisneau. Paris en  liberté», con 200 fotografie originali scattate tra il 1934 e il  1991 dal fotografo di Gentilly (val de Marne 1912-Paris 1994),  accompagna il visitatore nei giardini di Parigi, lungo la Senna, per  le strade del centro e della periferia, nei bistrot, negli atelier di  moda e nelle gallerie d’arte della capitale francese.
 Innamorati,  donne, uomini, bambini, anziani, animali, modelle, personaggi famosi,  gente di strada, persone di ogni tipo che vivono a loro modo questa  città senza tempo sono magistralmente immortalate in bianco e nero.
La mostra, organizzata in occasione del centenario dell’artista, non ha un ordine cronologico, ma si sviluppa tematicamente, mostrandoci i soggetti che  gli sono piu' cari.
Ammiriamo i macellai della Villette  e le conversazioni animate degli intellettuali, una bella Juliette  Greco col suo gatto e il viso sorridente dallo sguardo acuto di Orson  Welles.
Robert Doisneau, come il grande Atget al quale ama paragonarsi,  colleziona soggetti sempre trascurati per affidarli alla memoria  storica. Atget documenta aspetti quotidiani di una città che muta,  ancora priva d'elettricità, d'acqua corrente, con i primi segni  dell'industrializzazione.
Doisneau, che ama Parigi quanto Atget, ne  ritrae il lato umanista e generoso, con pazienza  si avvicina ai  soggetti che vuole immortalare in attesa di quell'attimo che  corrisponde all'emozione sublime dello sguardo che coglie gli uomini  e le cose nella loro verità  quotidiana.  
Doisneau scopre la fotografia in giovane età, e dopo il diploma  alla Ecole Estienne, lavora in uno studio di pubblicità. Diventerà  fotografo-illustratore nel 1939, ma solo nel 1946 Robert  entra definitivamente all'agenzia Rapho.
Quando nel 1974 la Galleria  Chateau d'Eau di Toulouse espone le sue opere iniziano i primi  importanti riconoscimenti, le sue fotografie vengono pubblicate,  riprodotte e vendute in tutto il mondo.
Questa è una mostra da non perdere. Presentata a Parigi presso  l’Hotel de la Ville, «Robert Doisneau – Paris en liberté» ha  proseguito per il Giappone, al Mitsukoshi di Tokyo e all’Isetan  Museum di Kyoto.
Dopo Roma, dal 19 febbraio 2013, sarà allo Spazio  Oberdan di Milano. Chiudo con un suo pensiero: «Quello che cercavo di  mostrare era un mondo dove mi sarei sentito bene, dove le persone  sarebbero state gentili, dove avrei trovato la tenerezza che speravo  di ricevere. Le mie foto erano una prova che questo mondo può  esistere». Ottimista. Ma che tenerezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

11commenti

tribunale

Rappresentante, si prende le porte blindate dello stand: condannato

L'accusa era anche di pagamenti con assegni oggetti di furto e protestati

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

15commenti

reggio emilia

I tifosi della Reggiana ci ricascano: assalto al bus dei veneziani

Dopo il derby contro il Parma nuovo agguato degli ultras granata con pietre e fumogeni

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

1commento

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

16commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017