-2°

Fotografia

La Bassa narrata col cuore e con la reflex

La Bassa narrata col cuore e con la reflex
0

Luigi Alfieri
lalfieri@gazzetttadiparma.net

Alle tre di notte si dovrebbe dormire. Ma a volte gli occhi sono sbarrati. Fissi sulle pagine di un libro. Non ce la fanno a chiudersi. Vogliono vedere tutto, bere tutto. Assorbire per intero quello che c'è sulla carta. Gli argini, i pioppi, le ciminiere, il mulino abbandonato, le oche che sfilano ordinate come un plotone in marcia, i mattoni rossi come il fuoco, i culatelli stretti nello spago, i vecchi intabarrati, il principe che sorride, le ghigne potenti della gente di fiume.
 Sono lì, gli occhi, aperti allo spasimo, che cercano di scoprire il mistero della vita. Cercano le nostre radici. Come hanno cercato le nostre radici gli autori del libro, Massimo Spigaroli, che ha inciso le parole, e Edoardo Fornaciari, che ha impresso le immagini. Un uomo è come una pianta, se non ha radici muore. E allora hanno frugato nel passato e nel presente, hanno saccheggiato la memoria e il paesaggio, i due autori, e dopo mesi di lavoro, tanti mesi quanti ne servono per stagionare un culatello, ci hanno regalato «La mia Bassa», un libro che resterà nella storia del grande fiume.
Non ha la penna di Calvino, Massimo Spigaroli, e neppure quella di Guareschi, ma usa parole primitive, pesanti come pietre, chiare come l’acqua, pulite come il cielo quando è azzurro, e ti entra nella pancia come un coltello affilato. Racconta cose semplici, persone apparentemente normali, fatti che sembrano banali. Sembra ordinario, invece è speciale. Quando pare intento in chiacchiere da bar, state in guardia, sta andando a fondo nei misteri della vita. Sta spiegando la chiave dei successi e i perché delle sconfitte. Per compiere una grande impresa, basta crederci e avere il coraggio di provarci. Semplice no? Non siete d’accordo? E allora ascoltate Massimo che racconta come è nato «November Porc». Una roba che parte come «eravamo quattro amici al bar» e che finisce con trentamila persone che arrivano ogni domenica nei paesoni della Bassa dove un tempo, in autunno, regnavano silenzio e nebbia. Chi non ci crede, chi non ha coraggio, resta in panchina a guardare gli altri che si giocano lo scudetto. Può capitare che un cuoco grande tra i fornelli, uno che si dà del tu con Marchesi e con Ducasse, con Pierangelini e con Santini, credendoci, abbandoni per un attimo la cucina, afferri la penna e si metta a scrivere. Ne viene fuori una pietra miliare nella storia del paese delle nebbie. Zero letteratura, tanto cuore. Frasi senza pretese, parole rudi che creano immagini indimenticabili; come quella di Peppino Cantarelli, il re degli osti: «Da lui - scrive Massimo - andavo per gli abbinamenti dei vini ai menu più importanti. Parlottavamo per ore in un magazzino freddissimo, dietro al ristorante, che loro chiamavano Salòn. Io gli descrivevo i piatti del menu e lui mi abbinava i vini.  E intanto si parlava di norcini, culatelli e strolghini, della sua raccolta di whisky, dei suoi viaggi in Francia, di arte ma anche dei suoi affari. Era come essere alla Bocconi ad ascoltare la lezione di un grande professore. Tutte le volte speravo che Peppino tardasse il più possibile a trovare i vini giusti per i miei piatti, per poter stare un po' di più con lui».
 Al lettore notturno, con gli occhi sgranati, vien voglia di essere lì nel Salòn, ad ascoltare la lezione di due (si badi bene due, non uno) uomini che hanno saputo valorizzare oltre ogni limite i prodotti del loro territorio, che hanno venerato il loro dolce piano, ma che hanno saputo guardare sempre al mondo. Al meglio che il mondo offre alla cucina. Di provincia, ma mai provinciali. Non sappiamo se Massimo ha  studiato la storia dei contemporanei che sono dei nani ma che possono guardare lontano perchè si appoggiano sulle spalle dei giganti (i loro avi). Di sicuro in qualche modo gli è entrata nel cuore e nell’anima, forse gliel'hanno sussurrata i pioppi, forse la corrente del fiume ma     il   rispetto e la pietas che porta per gli anziani e per i morti sono commoventi. Sono la sua arma segreta. Mia mamma Enrica, mio padre Pirén. Ripete ossessivamente ne «La mia Bassa». Quasi come se i genitori fossero gli occhiali che gli consentono di vedere il mondo nella giusta luce. Lo diceva Pirén? Allora è una cosa sacra. Lo diceva la signora Enrica, allora bisogna crederci. Perché Pirén e Enrica sono le radici di Massimo e Luciano Spigaroli e senza radici un albero muore. L’altra cosa straordinaria di questo libro sono le facce della Bassa, che Massimo racconta e Edoardo fotografa. Lineamenti decisi, sguardi forti, rughe scavate, l’aria di chi è sicuro di essere dalla parte giusta. Fanno impressione in un mondo popolato da gente smidollata e senza espressione, dall’occhiata acquosa, con la pelle tirata dal chirurgo plastico.
 Generano calma, rispetto, ti fanno stare bene. Come ti fanno stare bene le fotografie delle chiese con l’intonaco mangiato dall’umidità, le spazzole dei norcini che accarezzano il budello dei culatelli, il sole rosso-Africa che tramonta tra i rami dei platani, Corrado Mingardi che si arrampica tra i libri della sua biblioteca, Colombo che annusa l’osso di cavallo, Rino il barbiere che tosa Massimo Spigaroli, i Cantoni intabarrati che suonano sull'argine, la bella faccia segnata dal tempo di Demetrio Bergamaschi, che da sola racconta le viti del Po, Mario Scaltriti davanti alle botti custodite nelle cantine umide del suo castello.
 E poi ci sono i papaveri rossi come il sangue, i bicchieri di vino sabbioso con la schiuma, le biciclette, i norcini, il fieno, la paglia e, sopra tutto, l’acqua del Po, a volte placida a volte minacciosa. Tutti lo chiamano mondo piccolo. Ma in realtà è un mondo grande. Straordinario. E qualcuno lo ha chiuso nelle pagine di un libro che ti tiene con gli occhi sgranati nel cuore della notte.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

11commenti

tribunale

Rappresentante, si prende le porte blindate dello stand: condannato

L'accusa era anche di pagamenti con assegni oggetti di furto e protestati

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

15commenti

reggio emilia

I tifosi della Reggiana ci ricascano: assalto al bus dei veneziani

Dopo il derby contro il Parma nuovo agguato degli ultras granata con pietre e fumogeni

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

1commento

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

16commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017