10°

22°

Fotografia

Weegee, il crimine in diretta

Weegee, il crimine in diretta
Ricevi gratis le news
0

Stefania Provinciali

Omicidi, malavita, tragici incidenti stradali, devastanti incendi di caseggiati popolari sono i principali soggetti degli scatti in bianco e nero, illuminati dal flash del fotografo Weegee, pseudonimo di Usher Fellig (1899-1968), nella sua attività di fotoreporter freelance a metà degli anni ’30. La mostra «Weegee. Murder Is My Business» (l'omicidio   è il mio lavoro), aperta a Palazzo Magnani di Reggio Emilia fino al 14 luglio, ha tratti «forti», come il suo titolo, e racchiude la prima produzione artistica del fotografo, giunto negli Stati Uniti nel 1909 dalla terra d’origine, l’attuale Ucraina.Oltre un centinaio di immagini originali, con lo stesso titolo della mostra curata da Weegee alla Photo League nel 1941, puntano l’attenzione sulla violenza e il caos urbano, quando come fotoreporter freelance in un’epoca in cui New York contava almeno otto quotidiani e le agenzie di stampa iniziavano allora a gestire immagini fotografiche, si trovò davanti la sfida di catturare immagini uniche di eventi che facessero notizia per poi distribuirle velocemente. Lavorava quasi esclusivamente di notte, partendo dal suo minuscolo appartamento di fronte alla Centrale di Polizia non appena la sua radio – sintonizzata sulle frequenze della polizia – lo informava di un nuovo crimine. Arrivando spesso prima delle stesse forze dell’ordine, Weegee ispezionava con attenzione ogni scena per trovare l’angolazione migliore, tanto che ancor oggi queste immagini, forse per la forza espressiva impressa dalle scelte del fotografo o per la capacità di focalizzare la scena unita alla potenza del bianco e nero, finiscono per trasformare il documento fotografico in un’icona, portandola sul terreno dell’immaginario collettivo.Gli omicidi, sosteneva, erano i più facili da fotografare perché i soggetti non si muovevano mai e non si agitavano. Ed è la foto del cadavere di Dominick Didato, piccolo gangster che aveva osato sfidare l’allora potentissimo Lucky Luciano, riverso sul marciapiede in una pozza di sangue, comparsa in prima pagina sul New-York Post del ’36, ad avviare la sua strepitosa carriera. Nell'intenso decennio dal 1935 al 1946, Weegee è stata forse la figura che ha dimostrato in modo incessante la maggiore inventiva nel panorama della fotografia americana. Il suo nome divenne letteralmente leggenda, tanto che il regista Stanley Kubrick arrivò ad affermare, riferendosi ai primi anni della sua carriera – quando film come «Il bacio dell’assassino» oppure «Rapina a mano armata» rispecchiavano suggestivamente il clima delle metropoli americane – che una delle fonti della sua ispirazione era proprio il fotografo Weegee. Kubrick lo volle infatti come consulente per le riprese nel 1958 del film «Il dottor Stranamore». La mostra, curata da Brian Wallis, Chief Curator dell’ICP, presenta rari esemplari delle immagini più famose (stampa alla gelatina d’argento) e rappresentative di Weegee, tratte per lo più dall’esauriente archivio di Weegee presso l’ICP composto da 20.000 stampe, oltre a quotidiani, riviste e film dell’epoca – e considera i suoi primi lavori nel contesto della loro presentazione originaria – su testate giornalistiche e in mostre storiche – oltre ai suoi libri e ai suoi film. Presenta inoltre ricostruzioni parziali dello studio di Weegee e della sua mostra presso la Photo League, permettendo così allo spettatore di entrare in quel suo «mondo». La presentazione in catalogo è di Walter Guadagnini. Due gli aspetti che delineano l’attività del fotografo nel primo decennio, da un lato la violenza diffusa che caratterizza la vita a New-York, d’altro lato la nascita e l’ascesa dei tabloid, i giornali popolari, fatti di immagini che raccontano quei crimini, gli scontri tra polizia e criminali, ma anche gli incendi nella Harlem dei poveri, gli incidenti d’auto, il tutto realizzato di notte quando ascoltando le frequenze della radio della polizia Weegee arrivava sul posto alle volte per primo. Storie di un’America poverissima dopo la grande crisi del ’29, ancor oggi testimonianza viva, sconvolgente, di un mondo che Weegee – aveva iniziato facendo lo squeegee, il ragazzo che finiva di asciugare le stampe e forse da qui deriva il suo soprannome - da abilissimo comunicatore ha saputo tramandarci.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

55 offerte di lavoro

LAVORO

55 nuove offerte

Lealtrenotizie

Via libera della Giunta al progetto esecutivo di valorizzazione e recupero del limite Nord-Est del Parco Ducale. Sarà demolito il muro su viale Piacenza. Stanziati 1.281.000 euro

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

2commenti

Regione

Bagarre sulla chiusura dei punti nascita

carabinieri

Colpo in villa sventato a Langhirano grazie ad un vicino: ladri in fuga

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

5commenti

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

ricoverato al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

SALUTE

Dire addio ai malanni di stagione seguendo semplici suggerimenti

tg parma

Cassa di espansione sul Baganza: il progetto Video

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

9commenti

Monticelli

Obbligo di firma, ma scappa con scooter rubato

1commento

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

3commenti

Inchiesta

I ragazzi a scuola da soli? tutti d'accordo

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: è Willy l'ottavo finalista

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

LAMPEDUSA

Donna denuncia: tentata violenza da parte di 5 migranti

1commento

giallo

Ritrovata Dafne Di Scipio, la ventenne scomparsa a Varese

SPORT

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

Calcio

Spareggi Mondiali: Italia con la Svezia

SOCIETA'

USA

California, cane-eroe resta col gregge, lo salva dal fuoco

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»