16°

Fotografia

Berengo Gardin, clic dalla vita

Berengo Gardin, clic dalla vita
0

Alberto Mattia Martini

Come eravamo ieri? Come siamo oggi? Come è cambiata la nostra società in circa cinquant'anni? Le risposte a questi quesiti sono tutte reperibili osservando le immagini create da Gianni Berengo Gardin, ritenuto tra i fotografi italiani più rappresentativi e rilevanti. Berengo Gardin «inizia a scattare» nel 1954 girando il mondo con al collo la sua macchina fotografica; prima come inviato di riviste prestigiose come Domus, Epoca, Il Mondo, Le Figaro, Time e L’Espresso, successivamente con l’occhio di chi avverte la necessità di raccontare e documentare la vita, da quella di tutti i giorni a quella politica, ai cambiamenti sociali che hanno segnato in modo indelebile la storia del nostro Paese. Percorrendo le maestose e sontuose sale di Palazzo Reale, contornato da affreschi, specchi, colori ed imponenti lampadari, ad un primo sguardo superficiale, le fotografie in bianco e nero di Berengo Gardin, appaiono come la scura notte comparata all’abbagliante luce del sole. Spesso tuttavia è durante le ore delle tenebre che la mente, vangando libera di immaginare e sognare incontra quelle esclusive emozioni, destinate a rimanerci attorcigliate per sempre. L’occhio gradatamente si avvicina al racconto per immagini e ne viene attratto dalla narrazione, dalla capacità di rendere semplice e quindi confidenziale ogni tematica affrontata. In queste opere è testimoniato il nostro tempo, un’indagine mai retorica dell’esistenza in cui ciascuno di noi può rinvenire parti della propria vita, dei ricordi, delle sensazioni e degli anni che troppo repentinamente ed ineluttabilmente volano via. Sono luoghi, condizioni e circostanze «rubate» e poi restituite a chi vuole pensare, sono gli occhi delle persone ritratte; più mi avvicino alle fotografie, più mi sembra di intuirne i pensieri e udirne le voci che raccontano la loro storia. Le immagini di Gianni Berengo Gardin indagano e rivelano l’uomo, l’umanità in tutte le sue espressioni e dimensioni: dai risvolti felici e spensierati, alla tragicità che spesso si impone come percorso obbligato verso il quale procedere. In tale visione si esplica il lavoro di indagine del 1969, messo in atto dal fotografo insieme a Carla Cerati e riguardante la condizione dei manicomi psichiatrici in Italia. Un racconto forte e drammatico sulle atrocità e la disumanizzazione a cui erano sottoposti i «rinchiusi» in questi luoghi della sofferenza, tra i quali compare anche l’ex Ospedale psichiatrico di Colorno. Morire di classe risulterà un tassello fondamentale ai fini dell’approvazione della Riforma Basaglia e quindi alla chiusura dei manicomi. Nelle centottanta fotografie esposte, sono raccontate molte storie come: La disperata allegria, un reportage sui campi Rom, la Gente di Milano, la serie sui Baci, l’Ambiente, Religiosità o ancora la serie del 1973 nella quale insieme a Cesare Zavattini ripercorre il concetto dell’opera Un paese di Paul Strand, esplorando vent'anni dopo il fotografo americano gli effetti del trascorre del tempo a Luzzara; il reportage passa attraverso i contadini, gli operai, i campi e gli interni delle case. Verosimilmente quindi è ineccepibile Berengo Gardin quando afferma che l’impegno del fotografo non dovrebbe essere artistico, ma sociale e civile, in quanto citando le parole di un altro grande fotografo come Ugo Mulas: «Le belle foto servono a poco, una fotografia che porta con sé anche un messaggio ha sempre un valore aggiunto».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

INCHIESTA

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

La pagella

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia