-3°

14°

Libri

Fede cattolica e diversità

«Lettera di un omosessuale alla Chiesa di Roma» di Eduardo Savarese. Presentazione oggi alle 18,30 alla Ubik di via Oberdan

Fede cattolica e diversità
Ricevi gratis le news
0
 

«Lettera di un omosessuale alla Chiesa di Roma» di Eduardo Savarese è un libro insolito, non per l’argomento trattato, il rapporto tra un omosessuale e «gli altri», ma perché c’è un destinatario ben individuato, la Chiesa cattolica, apostolica, romana, entità presente e sfuggente, un tutto e un nulla che, per il vero, non permea più la società italiana nel modo totalizzante di un tempo, ma che, comunque, esprime ancora un potere temporale e spirituale di cui molti, credenti e no, tengono conto. Il singolare approccio di Savarese si fonda sul logos, quello di Eraclito, cioè la ragione, e quello cristiano, cioè «verbum Dei». I termini sembrano equivalenti, ma non lo sono. Declinate nel senso del logos-ragione, le argomentazioni dell’autore sono coerenti, condivisibili, ma, come dire, inani e virtuali. Giacché rimangono ristrette nell’ambito della sua interiorità, dell’interiorità dei suoi simili di «gender» e dell’interiorità di tutti coloro che, pur non essendo omosessuali, hanno attraversato stagioni di isolamento familiare e di ostracismo sociale. Ma non superano il valico dell’universalità, non diventano perciò ragioni di tutti. Almeno per ora, «hic et nunc». Sul lato opposto c’è il logos «verbum Dei»: i suoi contenuti, la sua forza di penetrazione delle coscienze, la sua universalità, sono lì latenti ed effettivi, virtuali e reali, in una sorta di schizofrenico irrisolto bipolarismo presente in una società, l’italiana nella quale convivono le due visioni. Prevalente quella dell’ostracismo per scelta della Chiesa-gerarchia, che, al di là di ogni illusione, è, in senso ontologico, ferma e trattenuta a sé non dal «verbum Dei», ma dall’«hominis voluntas», la volontà dell’uomo gerarchico attraverso il quale questo speciale logos si manifesta. Cioè, attraverso l’interpretazione dell’interprete che ne riceve titolo, appunto, dalla gerarchia. Non intendo, però, dare una sensazione errata: la «Lettera...» di Savarese (presentazione oggi alle 18,30 alla libreria Ubik di via Oberdan con l'autore e Chiara Cacciani) non è un concettoso trattato sull’omosessualità e sui suoi rapporti con la Chiesa. È la palpitante testimonianza di un’omosessualità coniugata e coniuganda con la religiosità cattolica, e quindi, drammaticamente in contraddizione con il mondo cui vorrebbe riferirsi alla ricerca di misericordioso ricetto e consolazione. Una ricerca che riguarda tutti coloro che sentono il bisogno di Dio e che ha spinto Savarese sulla via di Lourdes, in cerca di conferme e ispirazioni. Un libro, questo di Savarese, per molti versi dannunziano, letterario e coinvolgente, con una elevata caratura estetica, identificabile nella capacità di introspezione e di manifestazione-narrazione. «…dopo l’Eucaristia mi sentivo prendere da tentazioni invincibili, sicché mi veniva il dubbio dell’efficacia del Sacramento, quanto meno per quanto riguardava me. Il frate, uno splendido uomo che aspettava in confessionale leggendo libri e cantava la messa con voce tenorile purissima, mi rassicurò che la caduta perpetua è la realtà dell’umano… Dio non vuole la prostrazione interiore…».

Niente di strano, naturalmente, solo l’espressione rituale della «storica saggezza» ecclesiastica che concede il perdono sapendo di doverlo rapidamente reiterare. È anche questo il Dio cristiano dell’amore cristiano. E il riconoscimento dell’amore omosessuale come uno degli amori di Dio, rimane là nella penna e nella mente di Savarese, non riuscendo, per ora, a scalfire la solida volontà della Chiesa, ancorché di Francesco. Dunque, accogliamo con intellettuale condivisione, la «Lettera…» di Eduardo Savarese. Cogliamone il valore loico e morale, la passione civile e religiosa, il senso di giustizia mondano e spirituale, e collochiamola, però, non tanto e non solo tra i libri di denuncia etico-sociale, quanto tra le «Opere di Misericordia» come una tela narrativa ed espressiva simile, per certi versi, al dannunziano «Il peccato di maggio … pe’l bosco andavamo …», un '900 sensuale e illimitato, rispetto al quale i lacci e i lacciuoli della Chiesa romana rimangono manifestazioni potenziali, incapaci di incidere sul tessuto umano. E questa non è una sottovalutazione del tormento dell’autore, ma una sua storicizzazione, come storicizzano sempre le grandi ed efficaci narrazioni. La metastoria del nostro tempo particulare, cioè italiano, sarà letta anche attraverso questo testo di Savarese, celebrale e passionale. Non rimarrà negli scaffali d’una libreria, ma nella coscienza del lettore.

Lettera di un omosessuale alla Chiesa di Roma

di Eduardo Savarese

E/O, pag. 144, euro 9,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

William calvo taglia capelli a zero, stampa infierisce

Gran Bretagna

Il principe William si taglia i capelli a zero: la stampa infierisce

C'è tanto ritmo al Jamaica

FESTE PGN

C'è tanto ritmo al Jamaica Foto

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

TELEVISIONE

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto Rosso

VELLUTO ROSSO

Da Luca Zingaretti ad Anna Mazzamauro: settimana ricca a teatro Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Forze di polizia sotto organico: Pizzarotti chiede un incontro al ministro dell'Interno

POLIZIA

Parma, mancano agenti: Pizzarotti chiede un incontro al ministro dell'Interno

Nella lettera, il sindaco sottolinea che Parma è penalizzata rispetto ad altre città dell'Emilia-Romagna

2commenti

Traversetolo

In fiamme autocarro che trasportava fieno a Vignale Foto

Sono intervenuti i vigili del fuoco

1commento

FURTO

Collecchio, va a fare la spesa e le svaligiano la villa

Casa a soqquadro. La proprietaria: «Conoscevano le nostre abitudini»

1commento

SCUOLA

Albertelli, saranno trasferite le elementari ma non le prime

Mistero

Busseto, chiuse due strade nella notte: è giallo

Traversetolo

Un cartello alla porta: «I vostri colleghi ladri sono già passati»

1commento

Tar di Bologna

Velo in tribunale: il giudice è un parmigiano

Inchiesta

Polizia stradale, a Parma 403 patenti ritirate in un anno

sabato

In treno (e pullman) a Cremona: quando la trasferta (e la rivalità) è vintage Tutte le info

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

1commento

FIDENZA

Chirurgia senza bisturi per rimuovere tumori gastrointestinali: nuove tecniche a Vaio

Già eseguiti due interventi, perfettamente riusciti

Dopo la sentenza

Troppi genitori pubblicano le foto dei figli in rete: quale regola?

1commento

TRIBUNALE

Cocaina, patteggiano due «fornitori» di Langhirano

ECONOMIA

Bonatti, Ghirelli: «Valutiamo tutte le opzioni per crescere»

mercato

Parma, ultimo colpo: preso il centrocampista Anastasio

"crociata al contrario"

Striscia torna a Parma, i musulmani: "Si alle Luigine, basta non si imponga la fede cattolica"

GAZZAREPORTER

L'inverno a Parma... visto dal ponte Caprazucca

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I richiami dell'Europa e le condizioni italiane

di Domenico Cacopardo

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

maltempo

L'uragano flagella il Nord Europa: 10 morti Video impressionante

CHIESA

Reggio Emilia, ex sacerdote fa outing su Facebook: "Amo un uomo"

SPORT

tennis

Griglia di partenza rovente: al via domani i regionali di Tennis a squadre indoor Fotogallery

sci

Goggia ancora super: vince la discesa a Cortina

SOCIETA'

FUORIPROGRAMMA

Il Papa sposa in volo una hostess e uno steward cileni

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

1commento

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

moto

Yamaha MT-09 SP: la prova