16°

band di provincia

Flerida

Flerida

Flerida

0
L'anima acustica è la cifra stilistica della band nata nel 2009 come duo. E il nome fu suggerito dalla fornaia

 

TRAVERSETOLO
Bianca Maria Sarti
I Flerida si riconoscono in una sorta di totem, una chitarra acustica che non li abbandona mai in nessuna esibizione, anche nel luogo «antiacustico» per eccellenza: le discoteche. L’anima acustica è certamente la cifra stilistica della band nata nel 2009 come duo: sei corde, una voce femminile, una maschile e tanto talento erano più che sufficienti per incantare e convincere. Oggi, però, i creatori dei Flerida, Michele Diemmi e Federica Melegari, condividono il loro percorso con altri tre musicisti che hanno arricchito e impreziosito il tessuto musicale, rispettandone la trama. «Se vogliamo risalire alle prime origini - racconta Michele - dobbiamo tornare al 2008, nella sala prove del bar Aurora a Traversetolo. Lì io e Federica suonavamo con alcuni coetanei delle superiori nella rock band “The Lights of Brenno”. Nel 2009, però, abbiamo avuto la nostra “svolta acustica” e siamo diventati un duo con uno stile che sentivamo più nostro. Abbiamo iniziato a suonare brani nostri nei locali, alle feste della birra e persino sul palco del Traversetolo Rock Festival del 1° maggio». Alla fine del 2011 avviene l’incontro con Alessio: «Abbiamo partecipato al progetto “Stardust” e abbiamo incontrato Alessio, bravissimo cantautore, che oggi abbiamo “adottato” come batterista». Nel 2012 il progetto della band prende forma da una sfida: «L’organizzazione “London’s Corner” ci ha proposto di fare una serata nella discoteca Be Bop di Felino. Così abbiamo sperimentato la formazione con Alessio e Jacopo Delia di Castione al basso». Lo stesso anno i Flerida vengono contattati da Radio Deejay che li invita a «Occupy Deejay» dove presentano il loro primo Ep autoprodotto: «Nuclear Emotion», registrato con l’aiuto di Marco Casaluce di Traversetolo, che poco dopo sarebbe entrato nella band come chitarrista. A completare la formazione Marco Marinelli, alle tastiere e basso, in sostituzione di Delia. La formazione attuale ha suonato in diversi locali tra cui il Legend Club di Milano e, a Parma, il Pulp e il Positiva e il Fuori Orario di Taneto.  In un importante festival estivo hanno condiviso il palco con Malika Ayane, i Nomadi, Irene Grandi e i Motel Connection. «Tutti contribuiamo ai pezzi - spiegano i Flerida - Michele e Federica danno l’input con accordi e testo, poi rielaboriamo contaminando gusti e generi diversi. Proviamo e riascoltiamo i pezzi, che autoproduciamo e registriamo a casa di Alessio. I temi delle nostre canzoni sono dei tòpoi: parliamo di amore o del tempo o altre riflessioni spesso espresse in dialogo, sfruttando le due voci maschile e femminile. Ora la sfida consiste nel debutto in italiano, che rispecchia la nostra vera essenza. Il 20 dicembre al Campus Industry Music, coi Musicanti di Grema, apriremo il concerto di Levante e debutteremo con alcuni dei pezzi nuovi in italiano, che presenteremo per intero al Be Bop con il London’s Corner». 
L’unicità dei Flerida è nel loro nome: «Qualche anno fa - racconta Michele - la fornaia da cui andavo tutti i giorni mi ha chiesto se avessi scelto un nome per il duo. Le ho detto che era difficile e lei, in risposta, ha chiesto alla prima cliente come si chiamasse: “Flerida”, che abbiamo scoperto essere un nome spagnolo che significa persona creativa, al centro di un palcoscenico. Vorremmo essere così: “Leaders rather than followers”».
TRAVERSETOLO

 

Bianca Maria Sarti

I Flerida si riconoscono in una sorta di totem, una chitarra acustica che non li abbandona mai in nessuna esibizione, anche nel luogo «antiacustico» per eccellenza: le discoteche. L’anima acustica è certamente la cifra stilistica della band nata nel 2009 come duo: sei corde, una voce femminile, una maschile e tanto talento erano più che sufficienti per incantare e convincere. Oggi, però, i creatori dei Flerida, Michele Diemmi e Federica Melegari, condividono il loro percorso con altri tre musicisti che hanno arricchito e impreziosito il tessuto musicale, rispettandone la trama. «Se vogliamo risalire alle prime origini - racconta Michele - dobbiamo tornare al 2008, nella sala prove del bar Aurora a Traversetolo. Lì io e Federica suonavamo con alcuni coetanei delle superiori nella rock band “The Lights of Brenno”. Nel 2009, però, abbiamo avuto la nostra “svolta acustica” e siamo diventati un duo con uno stile che sentivamo più nostro. Abbiamo iniziato a suonare brani nostri nei locali, alle feste della birra e persino sul palco del Traversetolo Rock Festival del 1° maggio». Alla fine del 2011 avviene l’incontro con Alessio: «Abbiamo partecipato al progetto “Stardust” e abbiamo incontrato Alessio, bravissimo cantautore, che oggi abbiamo “adottato” come batterista». Nel 2012 il progetto della band prende forma da una sfida: «L’organizzazione “London’s Corner” ci ha proposto di fare una serata nella discoteca Be Bop di Felino. Così abbiamo sperimentato la formazione con Alessio e Jacopo Delia di Castione al basso». Lo stesso anno i Flerida vengono contattati da Radio Deejay che li invita a «Occupy Deejay» dove presentano il loro primo Ep autoprodotto: «Nuclear Emotion», registrato con l’aiuto di Marco Casaluce di Traversetolo, che poco dopo sarebbe entrato nella band come chitarrista. A completare la formazione Marco Marinelli, alle tastiere e basso, in sostituzione di Delia. La formazione attuale ha suonato in diversi locali tra cui il Legend Club di Milano e, a Parma, il Pulp e il Positiva e il Fuori Orario di Taneto.  In un importante festival estivo hanno condiviso il palco con Malika Ayane, i Nomadi, Irene Grandi e i Motel Connection. «Tutti contribuiamo ai pezzi - spiegano i Flerida - Michele e Federica danno l’input con accordi e testo, poi rielaboriamo contaminando gusti e generi diversi. Proviamo e riascoltiamo i pezzi, che autoproduciamo e registriamo a casa di Alessio. I temi delle nostre canzoni sono dei tòpoi: parliamo di amore o del tempo o altre riflessioni spesso espresse in dialogo, sfruttando le due voci maschile e femminile. Ora la sfida consiste nel debutto in italiano, che rispecchia la nostra vera essenza. Il 20 dicembre al Campus Industry Music, coi Musicanti di Grema, apriremo il concerto di Levante e debutteremo con alcuni dei pezzi nuovi in italiano, che presenteremo per intero al Be Bop con il London’s Corner». L’unicità dei Flerida è nel loro nome: «Qualche anno fa - racconta Michele - la fornaia da cui andavo tutti i giorni mi ha chiesto se avessi scelto un nome per il duo. Le ho detto che era difficile e lei, in risposta, ha chiesto alla prima cliente come si chiamasse: “Flerida”, che abbiamo scoperto essere un nome spagnolo che significa persona creativa, al centro di un palcoscenico. Vorremmo essere così: “Leaders rather than followers”».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Duathlon Kids: festa al Campus con 500 bambini e ragazzi

Sport

Duathlon Kids: festa al Campus con 500 bambini e ragazzi Foto

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

ponte romano

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

1commento

Parma

Spacciatore arrestato dai carabinieri dopo sei anni di "lavoro"

Accertate almeno 750 cessioni di eroina dal 2011: in cella 36enne tunisino

2commenti

polizia municipale

Passante aggredito da un pitbull in zona stazione

2commenti

Corniglio

Lupo morto avvelenato

4commenti

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

12commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

LEGA PRO

Il Parma riparte dal poker di Gubbio

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

24commenti

tg parma

Giuseppe Buttarelli ce l'ha fatta: da Colorno a Fontanellato contro la Sla Video

Gazzareporter

Campana del vetro con... piumino invernale Foto

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno fino a venerdì

Noceto

«Al Pioppo», quel luogo dell'anima

Comune

Taglio alla Cosap del 10%

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

1commento

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Rimini

Cadavere nel trolley: non è la cinese scomparsa in crociera. La vittima è morta di stenti

frosinone

Difende la fidanzata, massacrato di botte: muore 20enne 

3commenti

SOCIETA'

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

TV PARMA

Sembra ieri: 1988 - Ferragosto parmigiano

SPORT

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

formula 1

Per il trionfo di Vettel in Australia 10 milioni davanti a Rai1

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017