band di provincia

Flerida

Flerida

Flerida

0
L'anima acustica è la cifra stilistica della band nata nel 2009 come duo. E il nome fu suggerito dalla fornaia

 

TRAVERSETOLO
Bianca Maria Sarti
I Flerida si riconoscono in una sorta di totem, una chitarra acustica che non li abbandona mai in nessuna esibizione, anche nel luogo «antiacustico» per eccellenza: le discoteche. L’anima acustica è certamente la cifra stilistica della band nata nel 2009 come duo: sei corde, una voce femminile, una maschile e tanto talento erano più che sufficienti per incantare e convincere. Oggi, però, i creatori dei Flerida, Michele Diemmi e Federica Melegari, condividono il loro percorso con altri tre musicisti che hanno arricchito e impreziosito il tessuto musicale, rispettandone la trama. «Se vogliamo risalire alle prime origini - racconta Michele - dobbiamo tornare al 2008, nella sala prove del bar Aurora a Traversetolo. Lì io e Federica suonavamo con alcuni coetanei delle superiori nella rock band “The Lights of Brenno”. Nel 2009, però, abbiamo avuto la nostra “svolta acustica” e siamo diventati un duo con uno stile che sentivamo più nostro. Abbiamo iniziato a suonare brani nostri nei locali, alle feste della birra e persino sul palco del Traversetolo Rock Festival del 1° maggio». Alla fine del 2011 avviene l’incontro con Alessio: «Abbiamo partecipato al progetto “Stardust” e abbiamo incontrato Alessio, bravissimo cantautore, che oggi abbiamo “adottato” come batterista». Nel 2012 il progetto della band prende forma da una sfida: «L’organizzazione “London’s Corner” ci ha proposto di fare una serata nella discoteca Be Bop di Felino. Così abbiamo sperimentato la formazione con Alessio e Jacopo Delia di Castione al basso». Lo stesso anno i Flerida vengono contattati da Radio Deejay che li invita a «Occupy Deejay» dove presentano il loro primo Ep autoprodotto: «Nuclear Emotion», registrato con l’aiuto di Marco Casaluce di Traversetolo, che poco dopo sarebbe entrato nella band come chitarrista. A completare la formazione Marco Marinelli, alle tastiere e basso, in sostituzione di Delia. La formazione attuale ha suonato in diversi locali tra cui il Legend Club di Milano e, a Parma, il Pulp e il Positiva e il Fuori Orario di Taneto.  In un importante festival estivo hanno condiviso il palco con Malika Ayane, i Nomadi, Irene Grandi e i Motel Connection. «Tutti contribuiamo ai pezzi - spiegano i Flerida - Michele e Federica danno l’input con accordi e testo, poi rielaboriamo contaminando gusti e generi diversi. Proviamo e riascoltiamo i pezzi, che autoproduciamo e registriamo a casa di Alessio. I temi delle nostre canzoni sono dei tòpoi: parliamo di amore o del tempo o altre riflessioni spesso espresse in dialogo, sfruttando le due voci maschile e femminile. Ora la sfida consiste nel debutto in italiano, che rispecchia la nostra vera essenza. Il 20 dicembre al Campus Industry Music, coi Musicanti di Grema, apriremo il concerto di Levante e debutteremo con alcuni dei pezzi nuovi in italiano, che presenteremo per intero al Be Bop con il London’s Corner». 
L’unicità dei Flerida è nel loro nome: «Qualche anno fa - racconta Michele - la fornaia da cui andavo tutti i giorni mi ha chiesto se avessi scelto un nome per il duo. Le ho detto che era difficile e lei, in risposta, ha chiesto alla prima cliente come si chiamasse: “Flerida”, che abbiamo scoperto essere un nome spagnolo che significa persona creativa, al centro di un palcoscenico. Vorremmo essere così: “Leaders rather than followers”».
TRAVERSETOLO

 

Bianca Maria Sarti

I Flerida si riconoscono in una sorta di totem, una chitarra acustica che non li abbandona mai in nessuna esibizione, anche nel luogo «antiacustico» per eccellenza: le discoteche. L’anima acustica è certamente la cifra stilistica della band nata nel 2009 come duo: sei corde, una voce femminile, una maschile e tanto talento erano più che sufficienti per incantare e convincere. Oggi, però, i creatori dei Flerida, Michele Diemmi e Federica Melegari, condividono il loro percorso con altri tre musicisti che hanno arricchito e impreziosito il tessuto musicale, rispettandone la trama. «Se vogliamo risalire alle prime origini - racconta Michele - dobbiamo tornare al 2008, nella sala prove del bar Aurora a Traversetolo. Lì io e Federica suonavamo con alcuni coetanei delle superiori nella rock band “The Lights of Brenno”. Nel 2009, però, abbiamo avuto la nostra “svolta acustica” e siamo diventati un duo con uno stile che sentivamo più nostro. Abbiamo iniziato a suonare brani nostri nei locali, alle feste della birra e persino sul palco del Traversetolo Rock Festival del 1° maggio». Alla fine del 2011 avviene l’incontro con Alessio: «Abbiamo partecipato al progetto “Stardust” e abbiamo incontrato Alessio, bravissimo cantautore, che oggi abbiamo “adottato” come batterista». Nel 2012 il progetto della band prende forma da una sfida: «L’organizzazione “London’s Corner” ci ha proposto di fare una serata nella discoteca Be Bop di Felino. Così abbiamo sperimentato la formazione con Alessio e Jacopo Delia di Castione al basso». Lo stesso anno i Flerida vengono contattati da Radio Deejay che li invita a «Occupy Deejay» dove presentano il loro primo Ep autoprodotto: «Nuclear Emotion», registrato con l’aiuto di Marco Casaluce di Traversetolo, che poco dopo sarebbe entrato nella band come chitarrista. A completare la formazione Marco Marinelli, alle tastiere e basso, in sostituzione di Delia. La formazione attuale ha suonato in diversi locali tra cui il Legend Club di Milano e, a Parma, il Pulp e il Positiva e il Fuori Orario di Taneto.  In un importante festival estivo hanno condiviso il palco con Malika Ayane, i Nomadi, Irene Grandi e i Motel Connection. «Tutti contribuiamo ai pezzi - spiegano i Flerida - Michele e Federica danno l’input con accordi e testo, poi rielaboriamo contaminando gusti e generi diversi. Proviamo e riascoltiamo i pezzi, che autoproduciamo e registriamo a casa di Alessio. I temi delle nostre canzoni sono dei tòpoi: parliamo di amore o del tempo o altre riflessioni spesso espresse in dialogo, sfruttando le due voci maschile e femminile. Ora la sfida consiste nel debutto in italiano, che rispecchia la nostra vera essenza. Il 20 dicembre al Campus Industry Music, coi Musicanti di Grema, apriremo il concerto di Levante e debutteremo con alcuni dei pezzi nuovi in italiano, che presenteremo per intero al Be Bop con il London’s Corner». L’unicità dei Flerida è nel loro nome: «Qualche anno fa - racconta Michele - la fornaia da cui andavo tutti i giorni mi ha chiesto se avessi scelto un nome per il duo. Le ho detto che era difficile e lei, in risposta, ha chiesto alla prima cliente come si chiamasse: “Flerida”, che abbiamo scoperto essere un nome spagnolo che significa persona creativa, al centro di un palcoscenico. Vorremmo essere così: “Leaders rather than followers”».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

3commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Vendono iPhone: ma è una truffa

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

Calcio

Brodino per il Parma

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

10commenti

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti