Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Eventi a Parma

Libri usati: il mercatino ora è on line

Libri usati: il mercatino ora è on line
1

Margherita Portelli
Dai banchi dei mercatini ai banchi di scuola. Con «Melius» (mercatino libri usati), per la prima volta, gli studenti di sei istituti superiori della città possono consultare un database on line (http://progettomelius.provincia.parma.it) che permette di trovare in tempo reale i libri di testo usati, non solo nel mercatino della propria scuola, ma in quelli di tutti gli istituti che aderiscono all’iniziativa. Grazie al progetto, nato dalla collaborazione fra Provincia, Ufficio scolastico provinciale, Consulta degli studenti e sei istituti della città, basta un clic per sapere dove e quando acquistare il testo, risparmiando la metà del prezzo di copertina. Una vetrina on line costantemente aggiornata che dà modo agli studenti non solo di comprare, ma anche di vendere i propri libri usati. I volumi sono distribuiti al 50% del prezzo: il 45% del ricavato è assegnato al proprietario del libro venduto, mentre il restante 5% va a finanziare un progetto condiviso dagli studenti di ogni istituto scolastico, che potrà riguardare iniziative di solidarietà o legate alle singole scuole.
Il «Melius» si configura in realtà come la più ampia evoluzione di un progetto nato al liceo Ulivi nel 2000 da un’idea dell’allora rappresentante d’istituto Matteo Caselli. Oggi le scuole coinvolte sono sei (liceo scientifico Marconi, istituto magistrale Sanvitale, liceo scientifico Ulivi, Quarto liceo scientifico, Itis Da Vinci e liceo classico Romagnosi) ognuna delle quali ha presentato alcuni referenti, scelti tra gli studenti, per la realizzazione del progetto e l’organizzazione del materiale librario. Il risultato è un sito facilmente consultabile che permette di trovare il testo digitando titolo, autore ed editore dello stesso.
«Sono già stati raccolti molti volumi - conferma entusiasta la vicepreside del Marconi Viviana Menoni - e l’iniziativa è molto apprezzata sia dagli studenti, che hanno modo di lavorare su di un progetto comune, che da genitori e professori. Ora si riparte a settembre con l’ultima fase di raccolta e la vendita».
Grande soddisfazione si respira anche in Provincia: «Si tratta di un’iniziativa a carattere sperimentale che prende il via quest’anno e che speriamo di poter portare avanti - commenta l'assessore alla Scuola Giuseppe Romanini -. Il caro libri è da sempre un problema per le famiglie, ma in questo contesto di crisi un’agevolazione del genere è doppiamente utile. Per di più, oltre ad aiutare alunni e genitori, Melius si prefigge anche di sostenere progetti condivisi dagli studenti».
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 1