ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Memoria della Shoah, i  ragazzi cantano "Auschwitz"
Scuola chieppi

Memoria della Shoah, i ragazzi cantano "Auschwitz"

 
Racconti nella neve
Rifugio Lagdei

Racconti nella neve

 
Ricetta del giorno - Bocconcini di pollo e zafferano
Gusto

Ricetta del giorno - Bocconcini pollo e zafferano

 
Gazzetta  lavoro
publiedi

Gazzetta lavoro

 
Offerte di lavoro
impiego

20 nuove offerte di lavoro

 
Michael Jackson è tornato! (in piccolo)
video dal mondo

Michael Jackson è tornato! (in piccolo) Video

 
Mia Khalifa, proposta hot
Gossip Sportivo

Mia Khalifa, proposta hot

 
La top 5 delle mostre 2014 in Italia
Arte

La top 5 delle mostre 2014 in Italia

 
«Siete grasse», costringe le figlie a sciare
La storia

«Siete grasse», costringe le figlie a sciare

 
Il fratello: «Grazie per aver aiutato Florian»
Fidenza

Il fratello: «Grazie per aver aiutato Florian»

 
Una poltrona per due donne
Teatro Regio

Una poltrona per due donne

 
Addio a don Nadotti, sacerdote che amava l'arte
Parma

Addio a don Nadotti, sacerdote che amava l'arte

 
L'UOMO PER BENE - LE LETTERE SEGRETE DI HEINRICH HIMMLER

L'UOMO PER BENE - LE LETTERE SEGRETE DI HEINRICH HIMMLER

 
Posto di blocco 19: "E la musica va..."
musica

Posto di blocco 19: "E la musica va..."

 
Un'ode di Orazio tradotta in dialetto
dialetto

Un'ode di Orazio tradotta in dialetto

 
Google translate, una app per le traduzioni instantanee
Utilità

Google translate, una app per le traduzioni instantanee

 
Il notiziario economico di TvParma
Soldi

Il notiziario economico di TvParma

 
Sport e Università, presentato il progetto "Camminare Insieme": ne parla il medico parmigiano Gianfranco Beltrami
Salute

Presentato il progetto Camminare Insieme Video

 
Un calendario per fare del bene
Montanara

Un calendario per fare del bene

 
Peugeot 308 GT, attenti a quelle due
NOVITA'

Peugeot 308 GT, attenti a quelle due

 
Viaggio all'inferno nei market della droga
Inchiesta

Viaggio all'inferno nei market della droga

 
sciatore dolomiti
VIAGGI

Colazione all'alba in quota. Per sciare al sorgere del sole

 
Antichi Sapori

Antichi Sapori

 
Offerte Kauppa
Kauppa

Offerte Kauppa

 
Donne: tutte le news al femminile
la città rosa

Donne: tutte le news al femminile

 

C inema

QUI

QUI

Genere Documentario

Durata 120

 

Gazzettascuola

Imparare l'inglese ascoltando Shakespeare

Imparare l'inglese ascoltando Shakespeare
0

Vittorio Rotolo
Imparare l’inglese, approfondire la conoscenza dei grandi classici della letteratura teatrale, prendere confidenza con i linguaggi della musica e della recitazione.
Si incontrano tanti universi possibili attingendo dai capolavori di William Shakespeare.
E pur  nella sua complessità, abbracciare un percorso didattico così articolato può risultare assai stimolante per gli studenti. Provate a chiedere a quelli del Liceo scientifico Ulivi di Parma, 170 in tutto, che ormai da qualche anno si dedicano anima e corpo a «Will after All».
Ideato  da un gruppo di insegnanti di inglese, il progetto si propone di far conoscere la storia e l’opera del grande drammaturgo in una maniera assolutamente innovativa.
Non soltanto  cimentandosi in classe nella lettura e traduzione di opere quali «Romeo e Giulietta» ed «Amleto», ma anche assistendo a rappresentazioni dal vivo, grazie all’apporto del gruppo del Teatro Due, o partecipando a dibattiti e conferenze.
L’ultima  di queste, nell’Auditorium dell’Itc Bodoni, ha avuto tra i suoi relatori Simon Knight, traduttore e studioso di Shakespeare, l’attore teatrale, Giacomo Giuntini ed il cantante, Gian Marco Scheretti.
«Per avvicinare  i ragazzi alla produzione shakespeariana siamo partiti da una prospettiva diversa dal solito, che non fosse cioè racchiusa nella sola analisi dei testi - spiega la docente, Maria Saponaro -; e così è nata l’idea di un percorso che stimolasse la loro curiosità attraverso il teatro, la musica, il confronto diretto con artisti, registi e traduttori chiamati ad interpretare le opere di Shakespeare».
La bontà  della proposta didattica è testimoniata dalle parole degli alunni, ormai completamente «rapiti» dal genio del drammaturgo inglese. «È un’esperienza che ci permette di imparare divertendoci ed allargando i nostri orizzonti conoscitivi - sottolinea Georgiana Relia, della classe 3ª I -: cosa mi affascina di Shakespeare? Quell’alone di mistero che avvolge la sua vita».
«Grazie a  questo progetto - aggiunge Alice Frelino, 16 anni - continuiamo ad approfondire le opere anche fuori dall’ambito scolastico, scambiandoci opinioni e commenti su Facebook dove abbiamo creato un apposito gruppo».
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0