ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

UnderParma: vincere le emozioni sul palco
giovani meeting

UnderParma Vincere le emozioni sul palco

 
«Di giorno i vigili, di sera gli spacciatori»
SAN LEONARDO

«Di giorno i vigili, di sera gli spacciatori»

 
Associazione famiglie cerebrolesi: dopo il terremoto una nuova sede
VOLONTARIATO

Associazione famiglie cerebrolesi: dopo il terremoto una nuova sede

 
I ragazzi di Giordani e Sanvitale a «caccia» di un nuovo welfare
SCUOLA

I ragazzi di Giordani e Sanvitale a «caccia» di un nuovo welfare

 
La Madonna Pellegrina  di Fatima atterra dal cielo
CHIESA

La Madonna Pellegrina di Fatima atterra dal cielo

 
Vecchia di cavallo e verdure con tofu: 3 cose da sapere...

Vecchia di cavallo e verdure con tofu: 3 cose da sapere...

 
Venti nuove offerte di lavoro
OCCUPAZIONE

Venti nuove offerte per chi cerca lavoro

 
Padre Paolino Beltrame Quattrocchi
San Giovanni Evangelista

Padre Paolino Quattrocchi: la sua vita in un libro

 
Il dialetto? E' più «forte» degli anolini
UNIVERSITA'

Il dialetto? E' più «forte» degli anolini

 
Carletti: «Nuovo disco pensando ad Augusto»
Nomadi

Carletti: «Nuovo disco pensando ad Augusto»

 
GLI IMPRESSIONISTI - E L'UOMO CHE LI HA CREATI

GLI IMPRESSIONISTI - E L'UOMO CHE LI HA CREATI

 
La SsangYong riparte da Tivoli
NOVITA'

La SsangYong riparte da Tivoli

 
Nash, un genio visto dai matematici parmigiani
UNIVERSITA'

Nash, un genio visto dai matematici parmigiani

 
gazzarock

Avelion

 
Cliente molesto? La cameriera lo stende a colpi di menù
russia

Cliente molesto? La cameriera lo stende a colpi di menù Video

 
Polemica su piazza Duomo, interviene Sgarbi
La proposta

Polemica su piazza Duomo, interviene Sgarbi

 
polizia municipale
POLIZIA MUNICIPALE

Senza patente fugge all'alt: denunciato

 
Andrea Maestri vince il concorso
fotografia

Andrea Maestri vince il concorso

 
Timidi segnali di ripresa. Ma per ora tira solo l'export
economia

Timidi segnali di ripresa. Ma per ora tira solo l'export

 
Cicladi, ecco perchè vederle
la domenica

Cicladi, ecco perchè vederle

 
Phishing: impariamo a riconoscerlo
TRUFFE SUL WEB

Phishing: impariamo a riconoscerlo

 
Draghi: "La contrattazione aziendale frena i licenziamenti"
Bce

Draghi: "La contrattazione aziendale frena i licenziamenti"

 
Al Mulino

Al Mulino

 
Gisele: ultima sfilata
MODA

Gisele: ultima sfilata Video

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 
Donne: tutte le news al femminile
la città rosa

Donne: tutte le news al femminile

 

C inema

SHINING

SHINING

Genere Horror

Durata 116

 

Gazzettascuola

Imparare l'inglese ascoltando Shakespeare

Imparare l'inglese ascoltando Shakespeare
0

Vittorio Rotolo
Imparare l’inglese, approfondire la conoscenza dei grandi classici della letteratura teatrale, prendere confidenza con i linguaggi della musica e della recitazione.
Si incontrano tanti universi possibili attingendo dai capolavori di William Shakespeare.
E pur  nella sua complessità, abbracciare un percorso didattico così articolato può risultare assai stimolante per gli studenti. Provate a chiedere a quelli del Liceo scientifico Ulivi di Parma, 170 in tutto, che ormai da qualche anno si dedicano anima e corpo a «Will after All».
Ideato  da un gruppo di insegnanti di inglese, il progetto si propone di far conoscere la storia e l’opera del grande drammaturgo in una maniera assolutamente innovativa.
Non soltanto  cimentandosi in classe nella lettura e traduzione di opere quali «Romeo e Giulietta» ed «Amleto», ma anche assistendo a rappresentazioni dal vivo, grazie all’apporto del gruppo del Teatro Due, o partecipando a dibattiti e conferenze.
L’ultima  di queste, nell’Auditorium dell’Itc Bodoni, ha avuto tra i suoi relatori Simon Knight, traduttore e studioso di Shakespeare, l’attore teatrale, Giacomo Giuntini ed il cantante, Gian Marco Scheretti.
«Per avvicinare  i ragazzi alla produzione shakespeariana siamo partiti da una prospettiva diversa dal solito, che non fosse cioè racchiusa nella sola analisi dei testi - spiega la docente, Maria Saponaro -; e così è nata l’idea di un percorso che stimolasse la loro curiosità attraverso il teatro, la musica, il confronto diretto con artisti, registi e traduttori chiamati ad interpretare le opere di Shakespeare».
La bontà  della proposta didattica è testimoniata dalle parole degli alunni, ormai completamente «rapiti» dal genio del drammaturgo inglese. «È un’esperienza che ci permette di imparare divertendoci ed allargando i nostri orizzonti conoscitivi - sottolinea Georgiana Relia, della classe 3ª I -: cosa mi affascina di Shakespeare? Quell’alone di mistero che avvolge la sua vita».
«Grazie a  questo progetto - aggiunge Alice Frelino, 16 anni - continuiamo ad approfondire le opere anche fuori dall’ambito scolastico, scambiandoci opinioni e commenti su Facebook dove abbiamo creato un apposito gruppo».
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0