Gossip Sportivo

L'ex moglie di Pirlo si sfoga

"Sulla mia vicenda personale, diventata come era inevitabile anche una vicenda mediatica, ho ritenuto a ragione di mantenere la massima riservatezza".

L'ex moglie di Pirlo si sfoga
Ricevi gratis le news
5
Deborah Roversi, ex moglie di Andrea Pirlo, ha scritto una lettera pubblicata da Dagospia per fare chiarezza sul suo divorzio dal centrocampista bresciano.

"Sulla mia vicenda personale, diventata come era inevitabile anche una vicenda mediatica, ho ritenuto a ragione di mantenere la massima riservatezza. I giornali e i mass media ne hanno parlato a lungo, come peraltro è comprensibile quando la fine di un matrimonio riguarda un campione.
 
Ho accettato mio malgrado di non avere un ruolo e di non prendere posizione diretta su quanto ha interessato e travolto la mia vita. La propria sofferenza è un’esperienza personale, soprattutto quando rischia di essere fraintesa se non addirittura strumentalizzata.

In occasione della recente sentenza della Corte di Cassazione che riguarda gli assegni in favore delle ex mogli, sono stata personalmente coinvolta come se fossi una donna che a dispetto del marito si è arricchita. Dopo aver riflettuto a lungo, ho capito che avrei dovuto prendere posizione direttamente ed esprimere la mia vera situazione di donna e di moglie, evitando che nel mio silenzio venissero coltivati ingiusti malintesi, volontari o meno che siano.

Le mie riflessioni non riguardano solo la mia vita ma anche quella di molte donne di ogni ceto sociale, che hanno donato la propria esistenza per la realizzazione dei sogni e dei progetti dell’uomo amato.

L’assegno che mi è stato riconosciuto non è un assegno divorzile ma è quello che la legge stabilisce nella separazione dei coniugi. L’importo non è quello indicato dai mass media (53 mila euro, ndr). Dedotto l’assegno di mantenimento dei figli e le imposte che verso regolarmente, l’importo è di gran lunga inferiore (di quasi due terzi).

Il mio matrimonio è stato un matrimonio di vero amore. Eravamo appena sedicenni; Andrea giocava da poco nel Brescia ed entrambi non sapevamo che sarebbe diventato un campione.

Nati in un paesino della provincia bresciana, l’unica certezza che avevamo era di amarci da impazzire, con il desiderio incontenibile di un futuro e una famiglia per sempre insieme. La nostra era una vera storia d’amore, con fughe da casa per sottrarci di nascosto al controllo dei genitori e tante stelle guardate a lungo insieme, sognando ad occhi aperti, ciascuno negli occhi e nel cuore dell’altro. Ogni incontro era magico e fantastico. I nostri occhi brillavano alla vista dell’altro ed era come se un cuore solo battesse per due. Come accade soltanto in una vera storia d’amore.

Andrea, intanto, si affermava nel lavoro con crescenti risultati, sino al successo che tutti conosciamo. Io sempre al suo fianco ed entrambi con la purezza di sempre e con la semplicità che avevamo ereditato dal nostro paesino di gente vera. Non cambiava nulla dentro di noi. Umiltà e naturalezza, mai arroganza o superbia tra noi o verso gli altri.

Il nostro amore era vigoroso e si irrobustiva ogni giorno, ancora di più con l’arrivo dei figli.

Non è stato semplice rinunciare a me stessa. Il mio amore era allo stesso tempo abnegazione e rinuncia. Non era possibile immaginarlo diversamente con un uomo che diventava Campione, al quale era necessario donarsi per non impedirgli il futuro. Ho compreso il mio ruolo con spirito di partecipazione e di sacrificio, ed ho offerto a lui ogni attimo della mia esistenza incondizionatamente per la sua sicurezza, la sua serenità, la sua concentrazione.

Ero consapevole dell’importanza del mio compito al suo fianco. Man mano che Andrea confermava le sue qualità e raggiungeva i risultati che compivano il suo destino; man mano che egli vinceva e prendeva forma la sua storia di Campione, io avevo già compreso il mio ruolo, che si racchiudeva nella responsabilità di tutelare la sua persona e la sua professione; ma anche l’immagine di un simbolo e di un sogno collettivo, che riguardava ogni tifoso e anche ogni italiano, come in alcune notti infinitamente magiche che rimarranno nel cuore di tutti.
In quelle notti sono rimasta moglie e madre e vincevo anch’io per la gioia del nostro amore.

Non potrò mai dimenticare il lavoro silenzioso su me stessa e sulla mia vita per amore di lui che si apriva al destino di Campione e che anch’io ogni giorno ho aiutato a compiersi.

È difficile raccontare l’abnegazione, la rinuncia e l’annullamento di me stessa al fianco di un Campione. Un senso di responsabilità continuo, a volte anche ansioso e preoccupato vissuto dentro senza dirlo, che ha permeato l’intera mia esistenza al suo fianco soltanto per lui e per la sua storia che prendeva forma.

Nessuna interferenza, nessun condizionamento; approvazione e sostegno continui anche quando avrei voluto esplodere per affermare me stessa. Dominio e negazione della mia vita per il suo bene e per il suo sogno che doveva compiersi e che si è compiuto come entrambi desideravamo anche per merito mio.

Dirigenti, allenatori, giocatori e tifosi sanno tutti quanto sia decisivo il ruolo della moglie di un campione. Il suo destino si avvera attraverso regole sane e relazioni sane, tra cui quella decisiva con la moglie e la famiglia.

Umiltà, misura, responsabilità, amore devoto verso Andrea e i figli. Senso di servizio verso la famiglia, per il bene comune e per l’accrescimento di ogni potenzialità di Andrea mettendo a disposizione me stessa senza limiti e senza riserve.

Non ho mai pensato di sfruttare la situazione, di procurarmi vantaggi di alcun tipo per prevenire i rischi del futuro. Non ho mai pensato a me stessa ed ho donato la mia vita interamente senza alcuna polizza per me e nessuna previdenza per il mio futuro.

Questo mio dono, ne sono convinta, è stato uno dei cardini del suo successo. Ogni momento della sua vita e della sua professione si fondava sull’amore, sulla fiducia e sulla certezza della mia presenza premurosa.

L’autentico dono di sé non ha un prezzo e non deve esser dimenticato nell’oblio una volta realizzato il proprio progetto. Il dono di sé non deve essere rinnegato dall’altro e ogni suo frutto, quando finisce l’amore, non potrà essere trasferito ad altri.

Ecco perché la sentenza, a cui è stato riservato molto clamore, non può riguardare le donne che hanno sacrificato interamente la propria vita per il proprio uomo, rinunciando ai propri studi o al proprio lavoro e alla propria realizzazione personale.

Non sono condivisibili le pretese di chi, pur avendo realizzato se stessa nel corso del matrimonio, voglia anche parte di quanto realizzato dal marito. Questo anch’io non lo considero giusto. Tuttavia la sentenza della Corte di Cassazione deve far riflettere sulla situazione di mogli che hanno donato completamente la propria esistenza, per le quali un semplice assegno «assistenziale» sarebbe non solo ingiusto ma anche offensivo.

Non ho il compito e la competenza di leggere le norme; non mi sfugge tuttavia di comprendere che quando una donna ha contribuito alla ricchezza del marito perdendo le chances per la propria autorealizzazione, al momento della cessazione del matrimonio, a maggior ragione quando avviene per cause a lei non attribuibili (come nel mio caso), non sarà sufficiente un mero assegno «assistenziale» sarà necessario invece considerare anche il diritto ad un risarcimento per la propria vita donata per amore ed anche un compenso proporzionato al proprio contributo come avviene in una vera e propria impresa familiare.

Il dono della propria vita non sarà mai ripagato, ma almeno sarà impedito l’oblio a cui si vorrebbe destinare la vita altrui, spesa con amore e poi abbandonata".

L'ex moglie di Pirlo si sfoga

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Alessandro

    09 Luglio @ 23.57

    Sono tutte frottole. La donna si è emancipata? Bene allora che si mantenga anche! Oramai gli uomini sono visti come dei BANCOMAT! E il caso di Pirlo ancora passi nel senso che comunquie guadagna milioni di euro ma pensate a quelli che guadagnano 1200 euro al mese e che vanno a vivere sotto i ponti per passare assegni! E bastaaaaaaaaaaaaaa Parità? SI ok! Quando ci si separa ognuno ci si mantiene e ognuno mantiene i figli nei 15 giorni che deve mantenerli (se vi sono). Basta anche alla frottola che gli assegni sono x i figli quando poi magari stanno più con il padre che conb la madre. E se andiamo avedere la legge che adesso da l'affidamento congiunto (ovvero 15 giorni a testa) qualche mente può spiegarmi perchè il marito deve passare gli assegni x i figli x i 15 giorni che stanno dalla madre ma la moglie NON passa l'assegno x i figli x i 15 giorni che stanno dal padre? Tutte succhiasoldi e basta!

    Rispondi

    • Alessandra

      10 Luglio @ 10.50

      Mi spiace che lei abbia incontrato una donna che le ha amareggiato la vita in questo modo! Però io mi ritengo offesa dal fatto che lei considera le donne tutte succhiasoldi (le ricordo per altro che anche sua mamma è una donna!), quindi prima di fare certi discorsi sarebbe il caso che riflettesse! Inoltre si informi meglio, l'affido condiviso non significa che un figlio sta 15gg con un genitore e 15gg con un altro. Le ricordo che un figlio non è un pacco! Dal momento che è figlio di entrambi è corretto che entrambi pensino al suo mantenimento! Dal suo discorso inoltre si evince che ci considera esseri inferiori, visto che mette in dubbio il concetto di parità...

      Rispondi

  • Christian

    09 Luglio @ 17.18

    Sai che sacrificio "annullarsi" con milioni di euro a disposizione ogni anno. Io lo chiamo sputare nel piatto dove si è mangiato per anni.

    Rispondi

  • hasta

    09 Luglio @ 13.04

    furba e? prima fa la vita facile da signora ricca, poi, visto che le va male, tira fuori il moralismo della vita dedicata a lui e del fatto che anche lei ha contribuito al suo successo. tutto per avere quattro soldi!!!! Il problema e' che ha ragione, i polli sono gli uomini che le sposano!

    Rispondi

  • federicot

    08 Luglio @ 16.45

    federicot

    ma chi te l'ha fatto fare? ma te lo ha ordinato il dottore? no lo hai scelto tu. Piantala!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Colorno, tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini all'alba: "Chiederò stato d'emergenza"

colorno

Tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini all'alba: "Chiederò stato d'emergenza" Foto

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

1commento

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

4commenti

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

SOCIETA'

gusto light

La ricetta a tema - I biscottini di Santa Lucia

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS