22°

34°

televisione

Vip tra i profughi: dopo le polemiche parte «Mission»

Stasera e giovedì 12 in prima serata su RaiUno. Il direttore di rete Leone: «Temi importanti»

Michele Cucuzza e Rula Jebreal

Michele Cucuzza e Rula Jebreal

0

 

Claudia Fascia
Francesco Pannofino, goffo muratore improvvisato che aiuta a costruire una casa di legno in Mali. Al Bano, testimone insonne e impotente davanti all’arrivo di centinaia di profughi siriani in una fredda notte in Giordania. Emanuele Filiberto e Paola Barale, ascoltatori increduli dei problemi di una comunità congolese stremata dalle guerre civili. Sono alcuni degli spezzoni, mostrati alla stampa ieri mattina in Rai, di «Mission», il programma delle polemiche che ora arriva in tv, con il via libera dei vertici aziendali: stasera e giovedì 12 dicembre, in prima serata su RaiUno.
Un debutto preceduto da aspre critiche e da un acceso dibattito, anche politico, andato in scena negli ultimi mesi, ma al quale la Rai non ha mai dato seguito. «Mission è stato il programma più recensito e più criticato, prima ancora che venisse prodotto – ha sottolineato Giancarlo Leone, direttore di RaiUno -. Il direttore generale Luigi Gubitosi con i suoi collaboratori lo ha visionato, una procedura non usuale. Il dg avrebbe potuto decidere la non messa in onda, ma non lo ha fatto». Su questo, i segretari della commissione di Vigilanza Rai Michele Anzaldi (Pd) e Bruno Molea (Scelta Civica) hanno chiesto maggiore trasparenza, invitando il presidente della bicamerale Roberto Fico a inviare una richiesta ufficiale a Gubitosi per conoscere il suo parere.
Le scene passate sullo schermo di Viale Mazzini lasciano immaginare un programma che cerca di destreggiarsi tra lo show classico, con tanto di pubblico e conduttori in studio (Michele Cucuzza e Rula Jebreal) a fare da collettori tra i vari racconti dai campi profughi di mezzo mondo, e il tentativo più audace di presentare qualcosa di innovativo e "sociale", a scopo umanitario (durante le due puntate saranno attivate anche due raccolte fondi). La prima puntata vedrà Al Bano insieme alle figlie Cristel e Romina Jr impegnato nei campi profughi siriani in Giordania e l’attore Francesco Pannofino con la giornalista Candida Morvillo nel Mali devastato dalla guerra civile. Nella seconda puntata, il 12 dicembre, Emanuele Filiberto e Paola Barale saranno in Congo, Cesare Bocci e Lorena Bianchetti in Ecuador, Michele Cucuzza e Barbara De Rossi in Sud Sudan.
L'obiettivo dichiarato della Rai, che ha realizzato il programma insieme all’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr) e a Intersos, è far conoscere il mondo dei rifugiati e dei profughi al grande pubblico, di porre l'attenzione su realtà distanti e tragedie dimenticate. E di farlo attraverso gli occhi di personaggi famosi, una scelta che ha scatenato le critiche più feroci, per i nomi scelti e per i compensi che avrebbero ricevuto per la loro partecipazione "umanitaria" (anche se, secondo uno studio Doxa diffuso a Viale Mazzini, il 76% degli italiani sarebbe a favore della trasmissione). «La loro presenza – continua Leone – è essenziale per rivolgerci al grande pubblico. L’auspicio è che ci siano almeno 2-3 milioni di spettatori a seguirci. Ma non si tratta nè di un reality, nè di uno show con effetti speciali. È un format nuovo italiano (per il quale ci sarebbe interesse da parte di altri servizi pubblici tv europei, ndr) che non si può incasellare. Senza i vip saremmo entrati in una dimensione del reportage che però non appartiene a RaiUno. I loro occhi dovrebbero essere i nostri occhi». Sui compensi il direttore di RaiUno non ha voluto dare indicazioni: «La Rai – ha spiegato – per consuetudine non rende noti i compensi ai propri artisti. Anche per Mission vale lo stesso. I personaggi che hanno partecipato al programma hanno preso solo un rimborso spese. Starà a loro decidere se darli in beneficenza o meno».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

fori imperiali

degrado

Sesso (degrado) ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Ferrara rovente: temperatura percepita 48 gradi

Non s'attenua l'allerta caldo

Meteo

Ferrara rovente: temperatura percepita 49°. Parma (da podio) non scherza, 41°

La città emiliana è la più calda d'Italia

METEO

La Protezione civile E-R: "Allerta temporali per domenica"

Previsti forti precipitazioni su pianura, fascia collinare, e rilievi occidentali

ballottaggio

Parma al voto per decidere il nuovo sindaco Video: le info

corniglio

Signatico: si ribalta con la Jeep, grave un ottantenne

calcio

Il Parma si tuffa nel mercato: Faggiano punta Bianco e Piccolo. Cassano spera Video

arresto

Taccheggiatore picchia l'addetto alla sicurezza dell'Ovs per scappare

2commenti

FURTI

Ladri in azione in un'azienda di via Borsari: rubati 400kg di barre d'acciaio

fidenza

Catena di soccorsi e affetto salva un capriolo investito

traffico intenso

Autocisa: dopo una mattinata difficile, coda esaurita

Al Campus

Ladri in azione a Biologia e Fisica

3commenti

L'AGENDA

Il primo sabato d'estate da vivere nel Parmense

DUE FOSCARI

Busseto piange il ristoratore Roberto Morsia

Langhirano

I 5 stelle contro il fuoriuscito: proteste in consiglio

Fidenza

Ballotta, un restyling da 200mila euro

Suore

Due vietnamite diventano Orsoline

Lutto

Colorno piange Cadmo Padovani

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Accoglienza senza limiti. Un rischio per tutti

di Francesco Bandini

1commento

ITALIA/MONDO

Ramiseto

Ciclista muore dopo una caduta nel Reggiano

Pil

Cgia: cresce il divario Nord-Sud. Nel Meridione, uno su due a rischio povertà

2commenti

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

paura

Spaventoso incidente per Baldassari in Moto2: il pilota è cosciente Video

FORMULA 1

A Baku la Mercedes torna super. Le Ferrari inseguono

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: C3 Aircross in tre mosse