10°

22°

La parola al rettore

Borghi: «Più matricole e posti di lavoro»

Borghi: «Più matricole e posti di lavoro»
Ricevi gratis le news
0

«Aumentare gli iscritti, accrescendo l'offerta formativa, senza perdere mai di vista la qualità: è questo che voglio fare e ho iniziato a fare». E' questo il motto del rettore Loris Borghi. La sua parola d'ordine è rinnovamento. Borghi ha attuato un cambiamento di rotta fin dal primo giorno del suo insediamento. «Ho voluto modificare l'Ateneo - spiega - e credo di poter dire che ho raggiunto l'obiettivo. Il primo cambiamento attuato riguarda il metodo di gestione che ho voluto basare sulla partecipazione, il coinvolgimento del personale a tutti i livelli, la riattivazione delle energie e, non da ultimo, la trasparenza. L'ingrediente più importante su questo argomento riguarda le decisioni. Non c'è un rettore che decide in solitudine, ma ogni scelta viene messa in discussione e valutata da tutti gli organi preposti. Ogni settimana si riunisce il mio staff, 8 pro rettori, 40 delegati più i dirigenti dell'Ateneo. Proposte, idee e progetti vengono presi in considerazione ed esaminati. Poi le proposte passano il vaglio del pre-Senato accademico e del pre-Cda. Solo in seguito si va in Senato accademico e Cda per il via libera definitivo e ufficiale. Ogni decisione quindi è condivisa e consapevole. Tutto si basa sull'interazione e la discussione. Abbiamo inoltre attivato una rete di relazioni con il territorio decisamente importante per il rilancio dell'Ateneo e della città. Il cambiamento che abbiamo messo in atto riguarda anche infrastrutture, attività di ricerca, attività didattica. Voglio portare l'Ateneo di Parma tra i migliori d'Italia e per farlo sono numerose le componenti che vanno considerate».

Qual è l'obiettivo per il nuovo anno accademico?

«Innanzi tutto abbiamo fermato l'emorragia di iscrizioni. Ora dobbiamo, tutti insieme, mettere in pratica il progetto di favorire l'accesso all'Università a più studenti possibile. L'obiettivo è dare la possibilità a un più alto numero di persone, meritevoli, ancorché prive di mezzi, di iscriversi. Dobbiamo quindi accrescere il numero delle matricole, non tanto per una questione economica, ma soprattutto per tenere fede a un dettame della Costituzione».

Quali provvedimenti avete messo in campo a sostegno dei meno abbienti?

«Innanzi tutto le tasse non sono state toccate. Prevediamo inoltre l'esonero totale, tranne quelle regionali che non dipendono da noi, delle tasse per i redditi bassi. Garantiamo anche l'alloggio, tramite Ergo. Riusciamo a dare risposta positiva al 100% delle domande degli studenti meritevoli e più deboli sul piano economico».

E per aumentare il numero delle matricole?

«Innanzi tutto abbiamo eliminato i test d'ingresso, dove era possibile, ossia nei corsi di laurea a programmazione locale. Abbiamo aumentato la disponibilità dei posti, elevando il limite alle iscrizioni compatibilmente con i requisiti di qualità e di accreditamento. Con questa azione, peraltro condivisa dal Ministero, siamo riusciti a mettere a disposizione circa 600 posti in più rispetto all’anno scorso. Abbiamo inoltre istituito la figura dello studente part-time, per andare incontro alle esigenze di chi lavora. Stiamo progettando un nuovo corso di laurea triennale costruito sulle esigenze del territorio».

Aumentare i posti significa sovraccaricare i docenti e riempire aule e laboratori. Questa scelta può danneggiare l'efficacia dei corsi?

«I limiti alle iscrizioni, potremmo dire i paletti, li stabilisce il ministero dell'Istruzione che fornisce ad ogni Ateneo un “range” di disponibilità. E' Roma che prescrive il numero massimo possibile per classe in base al numero dei docenti, alla capienza delle aule, sia normali che informatiche, e ai laboratori. Noi abbiamo ampliato l'offerta, restando rigorosamente all'interno dei parametri indicati per legge. Mi consenta un sentito ringraziamento pubblico ai docenti che si sono resi disponibili ad uno sforzo maggiore a favore degli studenti».

Ma puntare così tanto sulla quantità non rischia di penalizzare la qualità?

«La qualità è il primo ingrediente, è l'obiettivo principale, ossia fare dell'Ateneo di Parma uno dei migliori, tra i più attrattivi d'Italia. La priorità è garantire l'alta qualità dei corsi e della didattica. Abbiamo già istituito il Presidio di assicurazione della qualità, organo composto da una decina di docenti e rappresentanti degli studenti, con l'incarico di valutare ogni singolo corso di laurea, sulla base dei criteri imposti dall'Anvur (Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca), tenendo conto sia della produzione didattica sia della produzione scientifica. Lo scopo è proprio quello di garantire il massimo della qualità in ogni corso. A seguito di questa autovalutazione, i corsi che non raggiungeranno i risultati richiesti saranno chiamati, pena la chiusura, ad un adeguato aggiornamento. Questa complessa operazione di autovalutazione è già partita e darà a tutti la possibilità di colmare le mancanze e risolvere i problemi prima dell’arrivo dell’Anvur».

Avete fatto in questo anno e mezzo molti investimenti e sostenuto ingenti spese. Restano fondi per finanziare ricerca e borse di studio? Qual è lo stato di salute delle casse?

«Il bilancio è in equilibrio. Lo stato di salute dei nostri conti ci permette di garantire ai nostri dipendenti passaggi di carriera e di aprire a nuovi giovani. A un anno e mezzo dal mio insediamento i ricercatori che sono diventati professori sono oltre 150 e 50 sono i nuovi ricercatori a tempo determinato. Entro il 2015 saranno indetti 20 concorsi per professore ordinario. L'Ateneo ha recentemente stanziato oltre 3 milioni di euro per le risorse umane, suddivisi, grosso modo, in 2 milioni e mezzo per il personale docente, mezzo milione per il personale tecnico amministrativo. Presto usciranno anche almeno altri 20 bandi di concorso per ricercatore a tempo determinato. In questa maniera potenzieremo ulteriormente il corpo docente, sia per la didattica che per la ricerca. Tutto questo è stato possibile anche grazie alla “spending review” messa in atto dall'inizio del mio mandato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Calcio

Parma, cambia il modulo?

BEDONIA

Telecamera a caccia di meteoriti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

SCUOLA

Più di 1.100 supplenti in cattedra

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

23commenti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

ANTEPRIMA GAZZETTA

Busseto, un altro odioso caso di stalking

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

tg parma

Via Lagoscuro: arrestato in Romania la mente del racket della prostituzione Video

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

Calcio

L'exploit di Federico: esordio in Azzurro con gol

SOCIETA'

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto