22°

Saperi e Sapori

Crisi e pasto fuori casa: gli italiani rinunciano al ristorante ma non al bar

Crisi e pasto fuori casa: gli italiani rinunciano al ristorante ma non al bar
Ricevi gratis le news
0

RIMINI - (Andrea Violi) La crisi si ripercuote sui pasti fuori casa, con molti consumatori decisi a tirare la cinghia su pause-pranzo e cene conviviali. Tiene invece la colazione al bar.
I «tagli» principali sono previsti dai consumatori del centro-sud. Nel Nord-Est (Emilia compresa) è possibile una sostanziale tenuta. In particolare, la fascia di consumatori fra i 18 e i 35 anni dice che in questi tempi di crisi non vuole rinunciare a nulla, ma spenderà meno su tutte le voci del proprio bilancio personale.
È questo il quadro dei consumi fuori casa che emerge da una ricerca di Fipe-Confcommercio, di cui si è discusso sabato nella giornata inaugurale del Mia, il Salone dell'alimentazione di Rimini. Una fiera incentrata in particolare sul settore della grande distribuzione e dei locali.

ITALIANI POCO OTTIMISTI. Nel 2009, in Italia 6 famiglie su 10 si aspettano un peggioramento della propria condizione economica, a causa della crisi che stiamo attraversando. Sopra alla media ci sono Sicilia e Sardegna (dove il 63% degli intervistati prevede un peggioramento) e al Centro (62%), mentre al Sud si raggiunge il 59,5%. Per poco più di un terzo degli itailani invece non sono previste particolari ripercussioni.
Il 57% di chi prevede un peggioramento della propria situazione economica nel 2009 si aspetta un'incidenza sul tenore di vita. Il 41% delle famiglie intervistate prevede «difficoltà a rispetare le scadenze», mentre il 34% degli interpellati teme fortemente «rischi sul posto di lavoro».

GLI ITALIANI SI RIMETTONO AI FORNELLI. Le reazioni a queste «minacce» della crisi? Su 10 italiani intervistati, 7 eviteranno i consumi superflui, che comprendono il settore benessere/divertimento ma anche i pasti e le consumazioni fuori casa. Queste ultime caleranno, nelle intenzioni soprattutto degli ultra 55enni ma anche di chi non teme conseguenze per la crisi. I quali pensano che in ogni caso è sempre meglio risparmiare su qualcosa, evidentemente.
Il 39% degli intervistati si aspetta di dover «risparmiare sui consumi fondamentali» (mezzi di trasporto, istruzione, prodotti alimentari). Gli italiani si stanno rimettendo ai fornelli: cucinano di più in casa, per risparmiare.

LE RIPERCUSSIONI SUL PASTO FUORI CASA. Tiene la colazione al bar, perde qualche colpo il pranzo “di necessità”, cala la scelta a favore delle cene in compagnia. Oltre la metà di chi finora va in pizzerie e ristoranti dichiara che quest'anno... ci andrà di meno. Alle imprese della ristorazione fuori casa, i consumatori chiedono più promozioni e «prezzi più giusti», cioè un migliore rapporto qualità/prezzo.
Quando avranno occasione di fare un pasto fuori casa, gli italiani intervistati da Fipe-Confcommercio continueranno a scegliere la pizza (specie giovani e donne), i primi piatti e il pesce. Sono “a rischio” invece salumi, formaggi, antipasti e vino.

LA CRISI VIENE DA LONTANO. Secondo Fipe, la crescita del pasto fuori casa in Italia è cresciuta solo del 5% dal 2000 ad oggi. Una performance che Fipe definisce in realtà come un sintomo di stagnazione, considerando la “forte crescita” degli anni '70 (+51%) e la “buona crescita” degli anni '80 e '90 (+23%). Se tempo fa la Fipe-Confcommercio ipotizzava che nel 2030 i consumi alimentari in fuori casa avrebbero raggiunto quelli domestici, ora la previsione non è più valida. «Il pubblico esercizio italiano è uno dei sistemi d'offerta a maggiore  diffusione territoriale, non solo in Italia ma anche in Europa - dice una nota di Fipe -. Ma in Italia, a differenza di altri Paesi, si è consolidato negli anni un sistema d'offerta parallelo di dimensioni imponenti. Circoli sportivi e culturali che spesso sono soltanto bar o ristoranti, agriturismo che fanno ristorazione senza alcun rapporto con la produzione agricola, esercizi commerciali che svolgono l'innovativa sommistrazione non alcune delle numerose varianti in cui si articola il consumo alimentare fuori casa. Da un calcolo, forse approssimativo per difetto, si stimano in 1,7 milioni i luoghi in cui si può mangaire o bere qualcosa (“eating places”)».
I pubblici esercizi vivono «una stagione di forte sofferenza - come dice Fipe -. In 7 anni hanno chiuso l'attività oltre 28mila imprese di ristorazione e 58mila bar. Nell'anno in corso sono a rischio chiusura 4mila aziende e 20mila posti di lavoro. La produttività continua a scendere. Nel 2000 il valore aggiunto per unità di lavoro superava i 29mila euro, 7 anni dopo non arriva a 26mila euro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

1commento

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

RUGBY

Rugbista colpito in faccia: sviene e va all'ospedale

Il terza linea Belli è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

16commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

43commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

1commento

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

Moto

Guido Meda svela un aneddoto su Simoncelli

SOCIETA'

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

1commento

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro