11°

17°

Il vino

Cantine Florio, centottant'anni e non sentirli

Ricevi gratis le news
0

 

Andrea Grignaffini
Un compleanno storico i suoi centottanta anni portati ancora splendidamente quello della Cantina Florio. Un nome che evoca un tempo forse non troppo lontano di quel Marsala che in tante famiglie italiane campeggiava nella credenza della casa vuoi da offrire agli ospiti, ed era sempre molto gradito, vuoi da utilizzare nelle preparazioni dolci (imperdibile lo zabaione al Marsala) o salate. 
Una dinastia la famiglia Florio che ha segnato un’epoca in Sicilia e non solo, come produttori del mitico vino, ma anche come imprenditori navali, proprietari di tonnare, di saline, di fonderie, di industrie, di banche, di alberghi, appassionati mecenati d’arte e patrocinatori di eventi sportivi, chi non ricorda la corsa automobilistica Targa Florio? Ma fra tutti i componenti la famiglia Florio, la figura di spicco è stata rappresentata da Donna Franca (1873 – 1950), moglie di Ignazio Florio, un’icona di charme, di classe, di bellezza e di profonda cultura, una nobildonna che ha segnato un’epoca, immortalata anche nei dipinti del ritrattista Giovanni Boldini.
Così in omaggio a questa grande Dama è stato dedicato un Marsala Superiore Riserva Donna Franca, creato nel ricordo di una personalità senza tempo. Tornando a oggi e al genetliaco di quasi due secoli della Cantina, è stata realizzata un’edizione limitata di Centottanta, vino dolce, affascinante, glamour e suadente presentato in una bottiglia gioiello creata appositamente da un’antica vetreria in soli 180 pezzi. Un’uva frutto del vitigno Zibibbo dell’isola di Pantelleria che dopo un lungo affinamento in piccoli caratelli dove albergava, guarda un po’ il Marsala, ha dato vita a vino potente, piacevolmente dolce, ricco di profumi e legato alla più classica tradizione vinicola della Casa (G). 
Come la storica cantina datata 1833, costruita da Vincenzo Florio che racconta tutto il suo lungo cammino nel tempo attraverso gli ampissimi spazi che custodiscono questo nettare figlio di una terra ricca di sensazioni, colori e profumi custoditi gelosamente nelle sue botti, degustati ogni anno da 30.000 curiosi e appassionati. Florio per il suo Marsala utilizza la varietà di uva Grillo, raccolta surmatura per arrivare ad un maggiore tenore alcolico e a una più profonda ricchezza di polifenoli, dalla quale si producono quattro tipologie di Marsala: vergine, semisecco, secco e dolce. Ora un breve excursus fra le migliori annate di Marsala Florio iniziando dal top, il Marsala Riserva Storica 1939 appartenente alla tipologia dolce. Un appeal incredibile per finezza e profondità con sensazioni di profumi mentolati e speziati. In bocca è di una dolcezza stemperata da una vena sapida e acida che lo rende fresco ed equilibrato, accompagnato da note cioccolatose e di sottobosco (G). 
Altra etichetta pregiata il Baglio Florio 1998 Vergine, colore oro scuro, all’olfatto spezie, fiori, mineralità e sapidità. Al palato è morbido, suadente con un quid di freschezza (D). Chiudiamo con il Targa 1999 Semisecco, un vino potente e complesso. Al naso profumi di liquirizia mentolata, erbe balsamiche e officinali. In bocca un surplus di frutti, spezie con un finale di indicibile finezza (C).
Andrea Grignaffini

 

Un compleanno storico i suoi centottanta anni portati ancora splendidamente quello della Cantina Florio. Un nome che evoca un tempo forse non troppo lontano di quel Marsala che in tante famiglie italiane campeggiava nella credenza della casa vuoi da offrire agli ospiti, ed era sempre molto gradito, vuoi da utilizzare nelle preparazioni dolci (imperdibile lo zabaione al Marsala) o salate. Una dinastia la famiglia Florio che ha segnato un’epoca in Sicilia e non solo, come produttori del mitico vino, ma anche come imprenditori navali, proprietari di tonnare, di saline, di fonderie, di industrie, di banche, di alberghi, appassionati mecenati d’arte e patrocinatori di eventi sportivi, chi non ricorda la corsa automobilistica Targa Florio? Ma fra tutti i componenti la famiglia Florio, la figura di spicco è stata rappresentata da Donna Franca (1873 – 1950), moglie di Ignazio Florio, un’icona di charme, di classe, di bellezza e di profonda cultura, una nobildonna che ha segnato un’epoca, immortalata anche nei dipinti del ritrattista Giovanni Boldini.
Così in omaggio a questa grande Dama è stato dedicato un Marsala Superiore Riserva Donna Franca, creato nel ricordo di una personalità senza tempo. Tornando a oggi e al genetliaco di quasi due secoli della Cantina, è stata realizzata un’edizione limitata di Centottanta, vino dolce, affascinante, glamour e suadente presentato in una bottiglia gioiello creata appositamente da un’antica vetreria in soli 180 pezzi. Un’uva frutto del vitigno Zibibbo dell’isola di Pantelleria che dopo un lungo affinamento in piccoli caratelli dove albergava, guarda un po’ il Marsala, ha dato vita a vino potente, piacevolmente dolce, ricco di profumi e legato alla più classica tradizione vinicola della Casa (G). 
Come la storica cantina datata 1833, costruita da Vincenzo Florio che racconta tutto il suo lungo cammino nel tempo attraverso gli ampissimi spazi che custodiscono questo nettare figlio di una terra ricca di sensazioni, colori e profumi custoditi gelosamente nelle sue botti, degustati ogni anno da 30.000 curiosi e appassionati. Florio per il suo Marsala utilizza la varietà di uva Grillo, raccolta surmatura per arrivare ad un maggiore tenore alcolico e a una più profonda ricchezza di polifenoli, dalla quale si producono quattro tipologie di Marsala: vergine, semisecco, secco e dolce. Ora un breve excursus fra le migliori annate di Marsala Florio iniziando dal top, il Marsala Riserva Storica 1939 appartenente alla tipologia dolce. Un appeal incredibile per finezza e profondità con sensazioni di profumi mentolati e speziati. In bocca è di una dolcezza stemperata da una vena sapida e acida che lo rende fresco ed equilibrato, accompagnato da note cioccolatose e di sottobosco (G). 
Altra etichetta pregiata il Baglio Florio 1998 Vergine, colore oro scuro, all’olfatto spezie, fiori, mineralità e sapidità. Al palato è morbido, suadente con un quid di freschezza (D). Chiudiamo con il Targa 1999 Semisecco, un vino potente e complesso. Al naso profumi di liquirizia mentolata, erbe balsamiche e officinali. In bocca un surplus di frutti, spezie con un finale di indicibile finezza (C).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Danneggia un'auto e fugge: preso

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

1commento

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Calcio

Parma, tre punti d'oro

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

Rubiera

Rubava le bici agli anziani: denunciato pensionato 80enne

SPORT

Moto

Marquez a un passo dal Mondiale, Rossi secondo

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va