Saperi e Sapori

Viaggio in Sicilia, tra sapori antichi e tavole moderne

Viaggio in Sicilia, tra sapori antichi e tavole moderne
Ricevi gratis le news
0

La Sicilia della ristorazione ha due baricentri, due punti d’accumulo: Ragusa e Taormina.
Il secondo è forse più scontato  e la sorpresa, ma non per gli esperti, è Ragusa che concentra il meglio della ristorazione isolana. Merito dei grandi prodotti disponibili di questa campagna iblea, (olio, caciocavallo, cioccolato, i grandi prodotti ortofrutticoli) ma forse anche di alcune fortunate coincidenze. Certo è che qui è sorta una generazione di chef da far invidia a chiunque: Peppino Barone della Fattoria Le Torri, (www.fattoriadelletorri.it -  chiuso il lunedì circa 45 euro), il primo chef di valore veramente innovativo rispetto al territorio, che noi non dimenticheremo mai, e poi Carmelo Chiaramonte che da qui è partito per le sue avventure e tanti altri ancora.
 Ma è stato l’arrivo di Ciccio Sultano (www.ristoranteduomo.it chiuso domenica e lunedì circa 85 euro), personaggio carismatico come pochi, che ha definitivamente fatto di Ragusa il capoluogo della cucina siciliana.
A soli cento metri di distanza troverete subito un altro luogo gradevolissimo: la Locanda di Don Serafino  (www.locandadonserafino.it chiusa martedì circa 80 euro). Qualche camera più che confortevole, e una cucina di assoluto livello. Vincenzo Candiano è chef capace e attento, premio miglior chef emergente del Sud nel 2007, incantò tutta la giuria con la sua «colazione ragusana» e a fine di quell’anno arrivò la meritata stella.
 Un’alternativa fuori centro storico, dove anche qui si dorme e si mangia assai bene è Villa Carlotta con il suo ristorante La Fenice (www.villacarlottahotel.com circa 60 euro). Ristorante luminosissimo offre una cucina di valore, sia nella carne sia nel pesce, che trova particolare risalto nei dessert. E’ la volta di un altro astro della cucina, non solo isolana ma italiana: Pino Cuttaja del ristorante La Madia (www.ristorantelamadia.it, chiusa domenica sera e tutto martedì circa 70 euro), spirito, calore e cultura del Sud coniugata alla tecnica del Nord.

Modica, capitale del cioccolato
Usciamo da Ragusa per andare alla vicina Modica, capitale della cioccolata grazie anche all’impegno ormai decennale di Franco Ruta della pasticceria Bonaiuto. E, da poco, la Gazza Ladra (www.ristorantelagazzaladra.it chiuso domenica sera e lunedì circa 60 euro) dove opera un altro giovane assai valente: Accurzio (il nome) Craparo (il cognome) con la sua cucina formale, barocca, molto siciliana. E non sarebbe finita qui, perché altri ristoranti si fanno apprezzare nell’intorno: la Sirenetta a Marina di Modica, il Pomodoro a Scicli, la Locanda del Borgo a Rosolini.

Taormina e i ristoranti storici

La seconda area di riferimento è Taormina. Il ristorante ormai storico è Casa Grugno, (www.casagrugno.it solo di sera salvo la domenica circa 80 euro) aperto nel 2001 dove uno chef, austriaco di origine ma da tantissimi anni naturalizzato, presenta una delle migliori cucine dell’isola, lavorando con grande rigore e continuità. E a poca distanza c’è anche l’albergo di riferimento dei tantissimi ospiti importanti della famosa località: il San Domenico. Un albergo di grande prestigio con saloni e arredi di valore. Una di queste sale è stata convertita in ristorante gourmet, il Principe Cerami, (www.sandomenico.thi.it solo di sera salvo il lunedì e da aprile a ottobre, circa 100 euro) e qui lo chef Massimo Mantarro dopo una lunga esperienza formativa al nord, torna a riproporci con classe i sapori della sua terra.
 Il terzo validissimo motivo per una sosta golosa lo ritroviamo più giù verso il mare, vicino al casello autostradale: la Capinera (via Nazionale 177, 0942626247 chiuso il lunedì e in estate sempre aperto solo di sera, circa 60 euro). Un locale nato semplicissimo, che si sta evolvendo, grazie all’impegno di Pietro D’ Agostino, anche lui ritornato dal nord a casa, e all’aiuto delle sorelle in sala. La sua è una cucina fresca e scintillante, capace dell’affondo memorabile, come ad esempio con il guanciale di razza modicana alla birra artigianale con patata affumicata rosolata al caffè. Il resto della Sicilia è rimasto un po’ indietro, ma comincia pian piano a muoversi.
A Palermo, in attesa del probabile sbarco di Carmelo Chiaramonte, c’è chi da anni, ormai quasi 20, opera correttamente: il Bye bye blues di Mondello (www.byebyeblues.it solo di sera salvo martedì, circa 50 euro) che ti conquista con i suoi ottimi spaghetti fave e ricci di mare.
Tanti altri locali sono degni di nota sulle isole, ne citiamo almeno due recentissimi, il Disio a Sciacca, e Le Mura a Trapani. Ci piace però chiudere con uno dei più solidi, affidabili e tradizionali. L’Antica Filanda (www.anticafilanda.it chiuso gennaio febbraio e il lunedì, circa 45 euro). Posta ai confini del Parco Nazionale di Nebrodi, del quale interpreta alla grande il celebre suino nero, e non solo. Andrea Grignaffini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

Tom Schumacher è il produttore della versione musical di "Frozen"

Stati Uniti

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Allerta meteo livello giallo

meteo

Parma, allerta a livello giallo

1commento

tg parma

Le ex Luigine continueranno a esistere. La gestione passa a Proges Video

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

5commenti

Castell'arquato

Aggredisce moglie e figlio con chiave inglese: trasportati in fin di vita al Maggiore

viale bottego

Fiamme in studio dentistico: evacuato tutto il palazzo. Due intossicati Foto

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

16commenti

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

TRAFFICO

Tamponamento nel pomeriggio sulla tangenziale nord

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

tg parma

Parmigiano 60enne prestanome per una banda di ladri dell'Est Video

Bonifica Parmense

Parte il progetto che metterà in sicurezza Bocca d'Enza

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

CURIOSITA'

Il colore del cartello è sbagliato: Langhirano diventa... provincia (o regione) Foto

EDUCAZIONE

Femmine, maschi e gli stereotipi che ingabbiano

Differenze di genere, Torti: «Diamo la libertà di scegliere qualsiasi strada»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

3commenti

GAZZAFUN

Ex rimpianti e non: riconosci questi giocatori del Parma?

ITALIA/MONDO

Genova

Mamma salva il figlio di un mese e mezzo seguendo le istruzioni telefoniche del 118

SAN POLO D'ENZA

Operazione Copper Field: sgominata la banda del rame

SPORT

CHAMPIONS

Roma battuta di misura: 2-1 per lo Shakhtar

sport

La discesa d'Oro di una favolosa Sofia Goggia Foto

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

UNESCO

Città Creative per la Gastronomia: il progetto entra nel vivo

MOTORI

ANTEPRIMA

Volvo, ecco la nuova V60 Fotogallery

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra