10°

22°

Saperi e Sapori

«Sergio libre»: ora al Forte si mangia anche low cost

«Sergio libre»: ora al Forte si mangia anche low cost
Ricevi gratis le news
0

di Maura Franchi

I Bagni di Forte dei Marmi in questo scorcio di fine estate sono quasi deserti. Conservano l’affascinante ordine monocromatico: sdraio e ombrelloni della stessa tinta, come gli ampi teli di spugna diligentemente stesi su lettini destinati a restare vuoti. Gli abituali frequentatori hanno ripreso il lavoro, ma la stagione non è ufficialmente chiusa.

Il baretto di Sergio, all’interno della spiaggia gestita dal Comune, vicino al celebre Bagno Piero e di fronte al prestigioso hotel Augustus, è diventato un punto di riferimento della buona cucina in spiaggia. Punto di ristoro trasformato in vero ristorante, occupa uno spazio insolito da diversi punti di vista. Straordinaria sorpresa di questa stagione, in cui è approdato alle pagine dei quotidiani nazionali sull’onda del nuovo apprezzamento per il low cost, necessità imposta dai venti di crisi economica e che ora tende a trasformarsi in scelta culturale. Proprio qui, a Forte dei Marmi, dove i prezzi sono tradizionalmente alti per una clientela che sembra non soffrire dei vincoli di spesa, il low cost è una scelta di cultura e che può associarsi ad una buona qualità, anche nella ristorazione. 

Sergio offre, insieme alle tradizionali foccaccine e bruschette, eccellenti primi piatti. Cucina d’autore, esito di sperimentazioni che mescolano memorie personali, incontri, suggestioni creative, interpretazioni. Piatti che sembrano «dedicati», tanto sono nati da incontri, persino da bisogni specifici : «l’ho fatto per la signora che non vuole il sale», «fagioli e calamari, è un piatto napoletano, me l’ha insegnato un amico, quello là, lo vedi?».

Linguine e calamari, con rucola e ricotta stagionata; una zuppa di patate con calamari, linguine all’astice, gnocchetti di zucca con pesce e altro che esce dagli incontri e dall’ispirazione del giorno. Il segreto del suo successo? Sergio si schernisce, non si rende nemmeno conto perchè da quest’anno arrivino persone che scrivono di cucina e lo interrogano.  Ma dice: «Una signora viene qui con il cane, le preparo una ciotolina d’acqua» (in un angolo c’è una cuccia). Poi «vengono i ragazzini, vogliono le focaccine, ma anche una parola… Mi piace parlare, mettermi in relazione con i clienti; perché, vedi, ognuno riceve dallo Spirito Santo una dote: è così per un medico, un insegnante, un calciatore, per esempio, qualcosa che lo rende importante per gli altri».  Al centro dello spazio campeggia un grande striscione con su scritto «Sergio Libre», che interpreta e sintetizza la filosofia del luogo e del personaggio che lo anima. 

Ogni piatto è preparato al momento, quasi su misura per il gruppo di visitatori che arriva e che induce cambiamenti di programma, improvvisazioni, fuori orario. Nei piatti resta il sapore di qualcosa che nasce da una relazione, o dall’interpretazione di una ispirazione. «I colori, parto da li, un piatto comincia dai colori, provo, qualche volta non viene bene, qualche volta va».
Sergio racconta i piatti come se il pensiero li stesse ancora lavorando, per costruirli,  modificarli, ricrearli, in un processo di continue ibridazioni. Mescolanze di vita e di storie, di un percorso in cui il caso toglie spazio a qualunque calcolo. Il lavoro nelle cave con il padre, l’istituto per geometri interrotto, un viaggio in Giappone, con amici per cui giocava a fare l’architetto, autorevole esponente della creatività italiana.

Questo luogo offre anche sorprendenti emozioni estetiche che si dispiegano entro un disordine solo apparentemente casuale. Qui l’ordine monocromatico della spiaggia cede ad un cromatismo che accosta i rossi, i verdi, i lilla delle sedie, il marrone dei semplici tavoli di legno, i colori chiari delle tende aperte su una piccola  duna in cui si mangia  guardando il mare.

Un’oasi di colore frequentata anche da immigrati - i pochi venditori africani rimasti si danno appuntamento per un caffè mattutino – accanto i clienti abituali: vecchi amici con un passato ricco di storia, come il fotografo di Oriana Fallaci che stazione per l’intera giornata ricevendo le visite di chi propone interviste; signori che accompagnano annoiate adolescenti che arrivano in spiaggia con ballerine di pizzo ecru e abitini di voile rosa antico.

Il futuro non è ancora chiaro: in ottobre scade la convenzione con il Comune, è arrivata la proposta di un ristorante vero in un paese vicino «ma i ragazzini, come fanno i ragazzini che cercano le focaccine e una parola… » ripete Sergio con lo sguardo malinconico di chi non voleva fare affari («i conti li fa mia sorella»), ma trovare ciò che di specifico e di peculiare ha ricevuto dallo Spirito Santo: la capacità di costruire relazioni, inventando ricette.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

UNIVERSITA'

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

di Katia Golini

Lealtrenotizie

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

mafia

Riina non sta bene, non si può muovere dall'ospedale di Parma: slitta il processo

Carcere Parma, per motivi salute no trasferimento da ospedale

Trasporto pubblico

Autobus: accolto dal Tar il ricorso Tep

3commenti

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

4commenti

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

elezione del segretario

Pd , 19 congressi su 51: testa a testa Cesari (229 voti) Moroni (223)

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

1commento

Inchiesta

I ragazzi a scuola da soli? tutti d'accordo

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 il finalista del gruppo 8

Lutto

Neviano piange il sarto Daniele Mazza: vestì tutto il paese

Fidenza

I ladri si ripresentano alla Pinko

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

Dramma

Tragica maratona, muore 49enne di Polignano Video

L'esperto: "Non sottovalutare i campanelli di allarme" (Video)

Tg Parma

Via Langhirano: 16enne a piedi travolta da un'auto, è al Maggiore Video

Parco Bizzozero

Donna presa a pugni dai tifosi pescaresi

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

NOSTRE INIZIATIVE

Con la Gazzetta lo speciale Salute e benessere

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

2commenti

ITALIA/MONDO

giallo

Ritrovata Dafne Di Scipio, la ventenne scomparsa a Varese

iraq

Kirkuk, Trump: "Non ci schieriamo, non dovevamo stare lì"

SPORT

prossimo avversario

Posticipo del lunedì: Entella-Empoli 2-3

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel