Saperi e Sapori

La Torta di Maria Luigia per un dolce fine d'anno

La Torta di Maria Luigia per un dolce fine d'anno
Ricevi gratis le news
0

Conto alla rovescia iniziato per il passaggio dal 2011 al nuovo anno. Di solito succede che la maggior parte delle energie di molti finiscano tutte nel pensare a come organizzare il cenone, concentrandosi soprattutto nella scelta di antipasti, primi e secondi piatti e ripiegando per il dessert sui classici dolci natalizi, in primis pandoro e panettoni, magari «esagerando» con una farcitura degli stessi con creme o gelato. I sostenitori della «parmigianità» anche nel finale, di anno e di pasto, ma pure i semplici golosi, apprezzeranno i suggerimenti per preparare il «Dolce Maria Luigia», così che il «dulcis in fundo» del 31 dicembre sia un omaggio al passato ducale.

Dolcezza ducale
Si tratta di una vera tentazione che Mimmi Ugolotti, della pasticceria D’Azeglio, mise a punto quando ancora lavorava presso la pasticceria Castagneti, ispirandosi alla nostra duchessa.
Il dolce, ripescando dal gomitolo dei ricordi di una vita intera passata, e ancora oggi vissuta, con passione a confezionare paste e torte, secondo Mimmi fu presentato a Bordighera in un concorso culinario che aveva come madrina una Sandra Milo attrice sulla cresta dell’onda.
Col tempo, il dolce, alla stregua del dolce all’arancio che avrebbe «inventato» un decennio più avanti, divenne un classico della pasticceria cittadina.
Ancora oggi, viene realizzato a mano, rifinendo i bordi col coltello. Vediamo come procedere per farlo a casa nostra.
Prima di tutto si deve preparare un pandispagna per il quale occorrono: cinque uova intere; cinque tuorli; centocinquanta g di albumi; trecento g di zucchero; trecento g di farina.
Si montano le uova intere, i tuorli e gli albumi con lo zucchero, quindi si aggiunge la farina e si mescola bene sino ad ottenere un impasto omogeneo che andrà messo in una teglia rettangolare (28x22 cm), imburrata e infarinata e infornato a 200° C per dieci-quindici minuti.

Cioccolato e frutta secca
Serve quindi preparare una crema al cioccolato con frutta secca. Ecco gli ingredienti: 150 g di frutta secca; 250 g di cioccolato fondente 55-60% di cacao e 150 g di panna montata.
Si fa prima sciogliere il cioccolato, si aggiunge delicatamente la panna già montata e infine la frutta secca tritata grossolanamente. Per bagnare il pandispagna, il liquido da usare, neanche a dirlo, è il liquore Maria Luigia (fatto con l’erba luigia).
Chi volesse farlo in casa (mettendo in conto che servono due mesi di tempo, tra infusione e riposo), si procuri: 300 g di alcool 90°, 1 kg di zucchero e erba luigia q.b..  Si lascia in infusione per 30 giorni, lo si cola in bottiglia e si lascia a riposo per altri 30 giorni. Si allunga con acqua e zucchero portando il tutto a 25-30° C. La fase finale è quella del montaggio del dolce. Si taglia il pandispagna in cinque strati alti 5-6 millimetri.  Si inzuppa ogni strato col liquore Maria Luigia, precedentemente preparato. Si alternano strati di pandispagna inzuppato a strati di crema al cioccolato arricchita di frutta secca. Infine si spatola la superficie con la crema rimasta e la si decora con violette di Parma candite e ventagli di cioccolato. Per un San Silvestro «ducale».Errica Tamani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Poliziotti americani presi in un "fuoco incrociato"

usa

I bambini fanno a palle di neve coi poliziotti Video

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Colorno visto dall'elicottero dei vigili del fuoco

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

colorno

Tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini all'alba: "Chiederò stato d'emergenza" Foto

1commento

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

3commenti

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

4commenti

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

1commento

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

usa

Il democratico Jones sconfigge Moore, schiaffo per Trump

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

SOCIETA'

gusto light

La ricetta a tema - I biscottini di Santa Lucia

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS