-0°

12°

Saperi e Sapori

Ettore Bocchia

Ettore Bocchia
Ricevi gratis le news
0

Sandro Piovani
Ettore Bocchia avanza a passo svelto, tra le mura storiche di Villa serbelloni (Bellagio - Co). Dove si è sviluppata la sua cucina. Stanze immense dove il lusso è ovunque ma mai sfrontato. Executive chef, stella Michelin e soprattutto tanta ma tanta professionalità: ecco chi è Ettore Bocchia. Il suo «buongiorno, finalmente siete arrivati» ci riporta in un lampo a Soragna, dove Ettore Bocchia ha iniziato ad appassionarsi di cucina. Non solo la «erre» tipica della nostra Bassa, ma l'abbraccio sincero, i discorsi su Fortana e culatello. E torta fritta. «La faccio anche qui»: sorride. Da una parte il lago, dall'altra il suo regno. «Qui a Villa Serbelloni c'è stata la svolta della mia carriera, perché la proprietà mi ha dato la possibilità di fare stage e scuole in tutto il mondo, finanziandomi». Da Soragna a Bellagio, attraversando il mondo del Gusto. «Sono un cittadino del mondo legato tantissimo alle mie radici. A mio figlio parlo in dialetto. E sapere da dove si viene è importantissimo e io non me lo dimentico». Partendo dai prodotti e dalla cucina. «La mia cucina parla parmigiano quando deve parlare parmigiano. Ovviamente uno chef che lavora in un ambiente come Villa Serbelloni (frequentato da clienti in arrivo da tutto il mondo ndr) deve essere duttile ed elastico. Spesso i nostri clienti vogliono mangiare piatti che abbiano anche un senso storico. Anche la cucina di Parma ha un senso se collocata in un contesto logico. Ad esempio De Niro, che ha mangiato per un anno da Cantarelli (quando girava Novecento ndr), quando viene da noi mi chiede piatti parmigiani. E quindi cerco di fargli rivivere le serate in cui, con Depardieu, era da Cantarelli a mangiare i cappelletti, il culatello o il savarin di riso. E così per i clienti che sono stati in Sicilia o in Trentino e così via. Devo essere duttile». Quando si parla di Ettore Bocchia si parla di cucina molecolare. «Il momento non permette più di fare del “cinema” in cucina, lo dico senza paura. E a tavola sono finiti anche gli spettacoli o quei discorsi senza un filo logico. La cucina molecolare, nel 2002 ha segnato un'epoca di consapevolezza degli chef, nel senso che da allora si entra in cucina con la possibilità di pensare in modo differente alla cucina stessa. La cucina molecolare mira al miglioramento, sotto il profilo tecnico, dello chef e soprattutto ad esaltare le materie prime che noi proponiamo. Sulla mia tavola ci sono prodotti eccelsi ed il primo vero obiettivo è quello di non rovinarli». Insomma lo chef si inchina alla magia della materia prima, prodotti unici scelti con cura: da queste prime selezioni inizia il lavoro in cucina. «Ho imparato ad esaltare tutti questi prodotti. E oggi il prodotto sta alla base di tutto. In Italia dietro al prodotto c'è sempre un uomo. Per prima cosa bisogna saper scegliere le persone. Ognuno rispecchia il prodotto che mi offre. Se la materia prima arriva da un produttore onesto e con un'etica corretta, ecco che i risultati nel piatto sono sempre ottimi, figli anche del suo lavoro». Insomma idee chiare e tanto studio, iniziato con Davide Cassi (docente della nostra Università) e poi proseguito a Villa Serbelloni. Ormai, dopo questo lungo percorso, il traguardo sembra raggiunto. «Non mi sento assolutamente al top. Frequento solo le persone che mi piacciono, non sono legato a nessuna casta e di conseguenza oggi ho ancora lo stesso entusiasmo di quando ho iniziato. L'unico obiettivo che vorrei raggiungere è di superare questo momento e non parlo di ristorazione, ma proprio a livello nazionale e vedere negli occhi degli italiani la stessa luce che vedo in Asia e in altri paesi. Viaggiando mi sono reso conto che tutte le cucine che sono andate di moda, che erano di alto livello, erano cucine di una nazione che avevano un'economia importante. Se no c'è il rischio che, per abbassare i costi, tutto ricada sulla qualità dei prodotti. Ecco perché non mi sento arrivato: ogni giorno si rinnova il mio impegno, per prima cosa a controllare i prodotti che arrivano». Il sole cala sul Lago di Como, è tempo di far ritorno a Parma, magari passando da Soragna. Ettore Bocchia sorride. «Soragna è un paese di provincia che però è tra i più eleganti di Parma. Ma c'è un grande amore per la persona che si riflette nello stile di vita. Quando eravamo giovani, tutti noi di Soragna avevamo una grande curiosità. Se faccio un viaggio a ritroso e ripenso ai miei amici di allora, mi accorgo che bene o male tutti hanno avuto un certo successo. Perché erano persone curiose e volevano fare. Se penso a Parma ricordo una delle città dove si viveva meglio. Vorrei che queste cose tornassero. Negli anni '80 avevamo tanti locali stellati. C'era tanta curiosità anche in cucina». Il legame è forte. Arriva la torta fritta: anche sul Lago di Como ha il suo fascino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La musica non c'è in 23 versioni - I Masa

musica

"La musica non c'è" nelle 23 versioni dei Masa Video

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici

televisione

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici, espulso Nicolas

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Nigeriano arrestato per detenzione materiale pedopornografico

(foto d'archivio)

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

Criminalità

Borseggi, la paura viaggia sull'autobus

4commenti

FIDENZA

Voleva suicidarsi con una bombola di gas in auto: i carabinieri arrivano in tempo

IL CASO

Omicidio di Michelle, l'ex fidanzato «totalmente capace di intendere e volere»

2commenti

WEEKEND

Bancarelle, musica e benedizioni degli animali: l'agenda della domenica

VIABILITA' E BUROCRAZIA

Strade pronte, ma restano chiuse

2commenti

LA STORIA

Aurora, 18enne con disabilità: «Nessun sogno è precluso»

TORRILE

Fine dell'incubo per i vicini del piromane

SALUTE

Un test del sangue per otto tipi di tumore

Ko a Cremona

Anno nuovo, Parma vecchio

2commenti

Animali

«Delon sbaglia: non si uccide il proprio cane»

2commenti

PARMA

Oltretorrente: cori gospel in strada per contrastare lo spaccio Video

Iniziativa di "Oltretutto Oltretorrente" con il coro gospel Zoe Peculiar

10commenti

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

9commenti

DIARIO DELLA TRASFERTA

"Tutti a Cremona!": quasi 2mila tifosi da Parma Foto Video

Uno dei pullman ha qualche problema al motore in autostrada ma riesce a raggiungere lo stadio di Cremona. Molti tifosi in auto

APPENNINO

Escursionisti in difficoltà per il ghiaccio: due interventi del Soccorso Alpino sul Marmagna

In salvo due 29enni toscane e due uomini del Parmense. Appello del Saer: "Usate l'attrezzatura adatta"

PARMA

Scontro fra due auto in via Venezia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

INCIDENTI

Auto finisce contro un muro, morto 35enne nel Reggiano

SPORT

SCI

Schnarf, il podio che non t'aspetti

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: gli highlights della partita Video

SOCIETA'

Turismo

Venezia, 1.100 euro di conto per 4 bistecche e una frittura di pesce

1commento

LA PEPPA

La ricetta della domenica - Quiche di carciofi

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"