-2°

Saperi e Sapori

Bonet: il dolce «cappello» di cacao, amaretti e rum

Bonet: il dolce «cappello» di cacao, amaretti e rum
Ricevi gratis le news
0

Errica Tamani

Tanto di cappello! Apprezzamento quanto mai indicato se lo si riferisce a uno dei dolci più tipici e conosciuti del Piemonte. 
Il «bonet» infatti pare rimandare all’idea di berretto. In circolazione ci sono due ipotesi sull’origine del nome di questo dolce. Una vuole che «bonet» si riferisca alla forma dello stampo nel quale viene cotto chiamato «bonet d’ cusina», ossia «cappello da cucina» e a conforto di ciò si cita il Gran Dizionario Piemontese-Italiano del 1859 compilato dal cavaliere Vittorio Sant'Albino che alla voce «bonet» riporta «Berretto. Berretta. Assolutam. preso dicesi di quella da notte» e che spiega «bonet d’ cusina» come «Forma. Vaso di rame stagnato, imitante alla grossa un berretto, nel quale si fanno cuocere i pasticci e altro». E già quasi un secolo prima, nel 1783, il Vocabolario Piemontese-Italiano scritto dal medico Maurizio Pipino affidava a «bonët» sia la valenza di «berretta» sia quella di «vaso di rame a foggia di berretta a uso di pasticcieria». 
La seconda ipotesi invece sostiene che il dolce sia stato così chiamato perché veniva servito alla fine del pasto, come cappello a tutto ciò che si era mangiato prima collegandosi all’abitudine di indossare come ultimo indumento il «bonet» prima di uscire di casa. Fatto originariamente di pochi ingredienti (la versione del Monferrato prevede solo uova, zucchero, latte e amaretti) ai quali si sono aggiunti nel tempo, in seguito alla scoperta dell’America, «chicche» esotiche come cioccolato e rum, il «bonet» al di là dell’apparente semplicità nasconde varie insidie nell’esecuzione che riescono in modi diversi a comprometterne il successo (non di rado, figura tra i dolci che gli studenti del Corso Superiore di Pasticceria di Alma devono affrontare all’esame finale). Talora capita di trovarlo troppo rigido, oppure assai poroso e molliccio, quasi minato da mille bollicine d’aria, per non parlare del caramello che talora riesce eccessivamente duro e rappreso o, al contrario, «acquoso» e oltremodo liquido. 
Tra le varianti più ricorrenti si ricorda l’uso del Cognac al posto del Rhum, la presenza di biscotti alle nocciole anziché degli amaretti, l’aggiunta di un quid di caffè o, al momento di scaldare il latte, l’inserimento di una bacca di vaniglia. Vediamo la ricetta del «Bonet» di Enrico Crippa chef recentemente tristellato del «Duomo» di Alba (Cn). 
Ingredienti: 2 l di latte; 10 uova intere; 200 g di cacao; 350 g di zucchero; 300 g di amaretti; 50 g di liquore di Amaretto di Saronno; 40 g di caramello cotto a 165°C. Si sbriciolano gli amaretti e si fa bollire il latte. In una casseruola si mettono uova, zucchero, cacao, amaretti e liquore e si versa il latte caldo a filo. Quindi si versa il caramello negli stampi individuali che andranno posti a raffreddare fino al suo indurimento. Si versa negli stampi colmandoli per 3/4 il composto di latte. Si cuociono gli stampi a bagnomaria a 140°C per 35-40 minuti. 
Basta lasciare raffreddare completamente prima di servire capovolgendo gli stampi. Chapeau!
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biancanve

fiabe

Biancaneve, gli 80 anni della prima principessa Disney

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

13commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

7commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

2commenti

calcio

Il Parma s'accontenta

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

correggio

Intervenne per sedare una lite e venne "pestato": 6 denunciati

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III è arrivata a Vicoforte Foto

SPORT

sci

Sofia Goggia e' tornata, Hirscher gigante in Badia

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande