19°

29°

Saperi e Sapori

L'uomo che sussurrava alle lumache

L'uomo che sussurrava alle lumache
Ricevi gratis le news
0

Chichibìo

La strada da prendere fa una curva a gomito e imboccarla non sarà proprio agevole: il cartello vi dice che questo è un allevamento elicicolo, che vuol dire di lumache, e che troverete anche polli, anatre e miele. Tre bei meticci abbaiano e, inoffensivi, fanno confusione, come nella migliore tradizione dei cani da pagliaio. La casa (appena fuori Berceto, scendendo verso Ghiare) è in pietra austera, tipica dei paesi di montagna: su più piani, sistemata da esperti muratori del posto: si riconosce la struttura della stalla, il portico.
Bruno Bolda, da Bagnolo Mella provincia di Brescia, faceva l’auto trasportatore quando il caso lo ha portato, nel 1996, a Berceto, a trovare questo rustico con otto ettari di terra, a innamorarsene, ad acquistarlo, ristrutturarlo, venirci a vivere con la famiglia. A cambiare vita, insomma, e a non dormendoci di notte, nei primi tempi, poi ritrovando pace e serenità.
 «Non sapevo cosa avrei fatto - racconta - e ancora il caso mi portò a leggere su un giornale che a Cherasco s'organizzavano corsi per insegnare ad allevare le lumache. Ero abituato a mangiarle, ma non pensavo proprio di poterle anche allevare: il corso mi piacque e nel 2002 cominciai a mettere in piedi l’impianto. Essenziale è avere l’acqua, perché irrigando le lumache sono spinte a mangiare: qui per fortuna c'era un piccolo stagno. Il terreno è povero di rame, le lumache non lo amano, e così ho costruito nove recinti di circa 150 metri quadri ciascuno, dove ho introdotto le fattrici di pomatia (la chiocciola borgognona o vignaiola). Nei recinti ho seminato un miscuglio di radicchio da campo, cicoria spadona, cavolo cavaliere, ravizzone, bietole da taglio che sono il cibo perfetto per le lumache; poi, quando le erbe cominciano a esaurirsi, integro con piante intere di girasole, che coltivo qui vicino, e che le lumache mangiano interamente. A fine luglio nascono le prime lumache, si possono togliere le fattrici e si vendono. Nel frattempo bisogna preparare altri recinti che vengono lavorati a fine estate e, all’inizio della primavera successiva, vengono seminati col solito misto: quando la vegetazione ha raggiunto 10-15 cm d’altezza, si trasferiscono le lumache dai vecchi ai nuovi recinti e si mettono all’ingrasso. Nel frattempo si lavorano i recinti svuotati e si preparano per un nuovo ciclo. La lumaca è pronta per essere raccolta quando all’estremità del guscio si forma un piccolo ricciolo: è la “bordatura” e vuol dire che la lumaca non crescerà più. La pomatia si raccoglie fino a metà agosto, mentre l’altra lumaca che allevo, l'aspersa (la maruzza, “petit gris” per i francesi), si raccoglie più avanti, perché non fa opercolo e dunque si può aspettare fino a novembre».
Che differenza c'è tra l’aspersa e la pomatia?
«Sono le due specie più allevabili: la pomatia è abbastanza grossa, cresce lentamente in un anno e mezzo, è meno riproduttiva rispetto all’aspersa, ha aspetto più elegante, è la lumaca più bella. La qualità della carne è molto simile, forse la pomatia è più dura: essendo l’aspersa più piccola, e con crescita più rapida, è anche più tenera. Poi il sapore è sempre dato dall’alimentazione: la pomatia ha carne e guscio più chiaro, l’aspersa più scura e guscio verdino. Ormai quasi tutti allevano l’aspersa, più riproduttiva e più veloce nel crescere».
Che lumache si mangiano in Italia?
«Molte di importazione: dai paesi dell’ex Jugoslavia, dall’Ucraina, Bielorussia, Romania, Turchia. Sono quasi sempre raccolte tutto l’anno in natura e dunque hanno carne più dura. In Meridione si importano da Grecia e Marocco molte “rigatelle”, lumache piccole, da cucinarsi nel guscio».
A chi vende le lumache allevate qui?
«A pochi ristoranti della nostra provincia, del Bresciano e ai privati: ho una piccola produzione, al massimo 5 quintali, e dunque finisco le scorte alla svelta. Poi vendo polli, capponi, anatre, faraone, qualche maiale e miele. Gli animali - dice, mentre affetta un salame - sono liberi e allevati naturalmente, ma niente certificazioni biologiche: sono troppi gli intoppi burocratici».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

1commento

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Protesta

«Cittadella abbandonata»

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

7commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

NAPOLI

In codice rosso aspetta 4 ore: muore 23enne

3commenti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

1commento

SPORT

il personaggio

«Chicco» Taverna l'ex rugbista che doma le onde

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

SOCIETA'

IL DISCO

Elton John e quell'omaggio a John Lennon

SOS ANIMALI

Ritrovati a Bargone due cuccioli abbandonati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti