Il piatto forte

La serenità si conquista con un piatto di lenticchie

La serenità si conquista con un piatto di lenticchie
0


Erano l’alternativa, appena tollerata, agli odiati spinaci, quelli che bisognava mangiare perché «li mangia anche Braccio di ferro...» Ma lui era un venduto alla cucina delle cose che fanno bene e quasi mai piacciono ai bambini. Allora, viva le lenticchie che sono anch’esse «piene di ferro e fanno diventar forte» -il gioco, poi, era cercare nel piatto i pezzetti di pancetta abbrustolita o qualche briciola di salsiccia che, col pomodoro, davano gusto a quei piccoli grani appiattiti e bruni dal sapore minerale. La storia della Genesi, dove Esaù cede per un piatto di lenticchie i suoi diritti di primogenitura al fratello Giacobbe, sembrò subito, anche ai bambini del Catechismo, l’imbroglio astuto fatto ad un tonto goloso e il piatto di lenticchie una cosa disprezzabile, da evitare. Ma i Romani dicevano che mangiarle dava «euthumia», una filosofica serenità d’animo, e la fioritura della pianta pareva coincidesse, e forse favorisse, il tempo degli amori. Così, e per la loro conveniente economicità, quei granelli piatti, dalle diverse sfumature di bruno, presero posto, ma non certo predominio, negli usi di cucina, specie tra le classi più umili e contadine nel centro sud d’Italia, dove terreni poveri, meglio se d’origine vulcanica, ne esaltano le qualità organolettiche. Quel posto sulle mense le lenticchie lo hanno occupato da sempre, se è vero che esse sono i legumi più antichi, conosciuti e coltivati già nel 7000 avanti Cristo dagli uomini che abitavano l’odierna Siria. Rapidamente divennero cibo delle popolazioni mediterranee, di Grecia e di Roma: essiccate, si conservano bene, si trasportano agevolmente e basta un po' d’acqua e olio per saziare robusti appetiti. Così, per molti secoli, sfamarono i più umili, finché in tempi moderni, forse per un recupero di quell'«euthumia», furono associate all’idea di ricchezza: tanti soldi quante le lenticchie mangiate. In questo modo, si rovescia l’idea di povertà, divenuta ormai proverbile, legata a quel piatto e una nuova luce illumina anche l’ottusa grulleria di Esaù che si tinge, chissà, d’involontaria preveggenza: chi ne mangerà sarà ricco e nulla sarà più benaugurante che iniziare con esse l’anno nuovo. Con esse e con cotechino o zampone però, ché il piatto dev'esser ricco e saporoso per poter trasmettere quelle caratteristiche a chi se ne ciba. Ma non basta, perché c'è lenticchia e lenticchia: le migliori hanno buccia sottile così che non sia necessario, in commercio le migliori sono secche, metterle in ammollo preventivo. Quelle di colore rosso sono decorticate e perdono un po' del loro sapore; quelle di Castelluccio sono famose, delicate, con buccia sottile; quelle d’Ustica nascono su un terreno fatto di lava sminuzzata e hanno il sapore della terra da cui tutti siamo generati.  Chichibìo

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Ucciso da forma di parmigiano: condannato produttore "spazzolatrice"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

5commenti

Parma

Calci e pugni alla moglie per anni: condannato

paura

La bimba resta a terra, il treno parte con la mamma

La "bimba" è stata accudita da un'agente della Polfer

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

giudice sportivo

Due giornate a Lucarelli, ci sarà per il derby

Tifosi, lancio di bottiglie: 2.500 euro di multa

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

feste

Prove di illuminazione dell'albero di Natale in piazza Gallery

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

2commenti

16 dicembre

Valter Mainetti professore ad honorem dell'Università di Parma

Il conferimento alle ore 11 nell’Aula Magna dell’Ateneo

Curiosità

Al seggio col colbacco del «no»

tg parma

Ventenne travolto a Lemignano: è in Rianimazione Video

QUESTURA

Bici rubate trovate al parco Falcone e Borsellino: qualcuno le riconosce? Foto

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Cambridge

Trovata morta ricercatrice italiana: cause naturali

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

pazzo mondo

Venezia: si lancia con il surf da Ponte degli Scalzi

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

SPORT

calcio e tragedia

L'omaggio agli "angeli-campioni": Coppa sudamericana alla Chapecoense

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)