-2°

Il piatto forte

L'Italia unita? Facciamola a colpi di forchetta

L'Italia unita? Facciamola a colpi di forchetta
0

L’idea che va per la maggiore è che una cucina nazionale italiana non esista, ma che essa sia un insieme molto ricco e variegato di cucine regionali, quando non provinciali, strettamente legate al territorio, ai suoi prodotti spesso eccellenti e sempre di personalità spiccata e con caratteristiche peculiari.
Su quest’orizzonte s’innesta il fascino del ricordo, le lusinghe della memoria: è l’imbattibile cucina della mamma, della nonna, della zia, sono le interminabili discussioni sulla vera ricetta, sul come dev’essere fatta una minestra o una pietanza. La tradizione non si tocca o, al massimo, solo per quel poco che il tempo rende obbligatorio. Per molti il futuro passa da questa strada. Non per Allan Bay e Paola Salvatori che nel loro libro, «La cucina nazionale italiana» (Ponte alle Grazie, pag 759, 39 euro) sostengono che finalmente oggi esiste un «nucleo della cucina italiana» rappresentato dalle 1135 ricette raccolte nel volume. Il percorso comincia in parallelo a quello dell’Unità d’Italia (1861) e alla successiva necessità di «fare gli Italiani» e, più modestamente, la cucina italiana. Non la fece però il «sommo» Artusi, perché la sua Scienza in cucina e l’arte di mangiar bene fu piuttosto una fotografia, la registrazione di realtà regionali in prospettiva tosco-emiliana che, secondo Bay-Salvatori, «fossilizzò la cucina italiana…incapace di una sintesi nazionale più alta».
Per circa un secolo, fino al 1960, la situazione rimase sostanzialmente la stessa, col dominio assoluto delle cucine regionali. Il cambiamento arriva con la modernizzazione dei trasporti e la riduzione dei costi che resero possibile acquistare prodotti una volta lontani. Poi i primi supermercati, gli immigrati «con al seguito i loro prodotti e loro tradizioni», il turismo nazionale, internazionale e i relativi scambi, i libri, le riviste, il boom economico che sconfigge la fame e consente di vedere la cucina in prospettiva d’esplorazione e di ricerca. Quando in Francia, nel 1973, Gault e Millau codificano la Nouvelle cuisine e grandi cuochi (Paul Bocuse su tutti) la realizzano, si vede che molti di quei princìpi (usare prodotti freschi e di stagione, cotture ridotte, poche salse, semplicità di base) erano propri della cucina italiana. I nostri migliori cuochi, a partire da quella base, si confrontarono con la nuova cucina francese, fecero «evolvere la loro cucina in mille rivoli, qualcuno fruttifero, molti sterili, ma intanto ci si muoveva». La cucina italiana si metteva in gioco e oggi «i nostri piatti, interagendo, si sono modificati sempre di più per adattarsi ai nuovi stili di vita». E’ così, secondo Bay-Salvatori, che hanno perso «l’originale connotazione regionale, diventando piatti di tutti, quindi nazionali».Chichibìo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Piazzale S. Lorenzo:  festa al «Piano A»

Pgn

Piazzale S. Lorenzo: festa al «Piano A» Foto

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Evasore fiscale "seriale": sequestro di beni a Parma

Guardia di Finanza

Evasore fiscale "seriale": sequestro di beni a Parma

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie

Parma

Tangenziale: code per lavori fra la Crocetta e via Baganzola

Viale Mentana

Un'altra rapina in farmacia: è sempre lo stesso bandito

Appennino

Schia: al via la stagione con una «valanga» di novità

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

lega pro

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma Video

8commenti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

Criminalità

Felino, il bar Jolly senza pace: quarto furto in dieci mesi

Salso

Dotti, una vita sulle navi da crociera

IL CASO

Tangenziale di Collecchio: ora la gente chiede la rotatoria

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

10commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

roma

Oggi fiducia sulla manovra e la direzione del Pd

Ventimiglia

Brucia la villa dei cognati e muore asfissiato

SOCIETA'

SOCIAL NETWORK

Fb e YouTube creano database antiterrorismo Video

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

SPORT

Nuoto

Federica Pellegrini d'oro: vince i 200 sl

Sport

Basket, conto alla rovescia per la Supercoppa

FOTOGRAFIA

Parma

Acqua, luce, metamorfosi: le foto di Nencini in San Rocco

Fotofestival

Fra metafisica e Storia: un mese di mostre fotografiche a Montecchio