17°

30°

Il piatto forte

L'Italia unita? Facciamola a colpi di forchetta

L'Italia unita? Facciamola a colpi di forchetta
0

L’idea che va per la maggiore è che una cucina nazionale italiana non esista, ma che essa sia un insieme molto ricco e variegato di cucine regionali, quando non provinciali, strettamente legate al territorio, ai suoi prodotti spesso eccellenti e sempre di personalità spiccata e con caratteristiche peculiari.
Su quest’orizzonte s’innesta il fascino del ricordo, le lusinghe della memoria: è l’imbattibile cucina della mamma, della nonna, della zia, sono le interminabili discussioni sulla vera ricetta, sul come dev’essere fatta una minestra o una pietanza. La tradizione non si tocca o, al massimo, solo per quel poco che il tempo rende obbligatorio. Per molti il futuro passa da questa strada. Non per Allan Bay e Paola Salvatori che nel loro libro, «La cucina nazionale italiana» (Ponte alle Grazie, pag 759, 39 euro) sostengono che finalmente oggi esiste un «nucleo della cucina italiana» rappresentato dalle 1135 ricette raccolte nel volume. Il percorso comincia in parallelo a quello dell’Unità d’Italia (1861) e alla successiva necessità di «fare gli Italiani» e, più modestamente, la cucina italiana. Non la fece però il «sommo» Artusi, perché la sua Scienza in cucina e l’arte di mangiar bene fu piuttosto una fotografia, la registrazione di realtà regionali in prospettiva tosco-emiliana che, secondo Bay-Salvatori, «fossilizzò la cucina italiana…incapace di una sintesi nazionale più alta».
Per circa un secolo, fino al 1960, la situazione rimase sostanzialmente la stessa, col dominio assoluto delle cucine regionali. Il cambiamento arriva con la modernizzazione dei trasporti e la riduzione dei costi che resero possibile acquistare prodotti una volta lontani. Poi i primi supermercati, gli immigrati «con al seguito i loro prodotti e loro tradizioni», il turismo nazionale, internazionale e i relativi scambi, i libri, le riviste, il boom economico che sconfigge la fame e consente di vedere la cucina in prospettiva d’esplorazione e di ricerca. Quando in Francia, nel 1973, Gault e Millau codificano la Nouvelle cuisine e grandi cuochi (Paul Bocuse su tutti) la realizzano, si vede che molti di quei princìpi (usare prodotti freschi e di stagione, cotture ridotte, poche salse, semplicità di base) erano propri della cucina italiana. I nostri migliori cuochi, a partire da quella base, si confrontarono con la nuova cucina francese, fecero «evolvere la loro cucina in mille rivoli, qualcuno fruttifero, molti sterili, ma intanto ci si muoveva». La cucina italiana si metteva in gioco e oggi «i nostri piatti, interagendo, si sono modificati sempre di più per adattarsi ai nuovi stili di vita». E’ così, secondo Bay-Salvatori, che hanno perso «l’originale connotazione regionale, diventando piatti di tutti, quindi nazionali».Chichibìo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cannes, tris di bionde per la Coppola

cinefilo

Cannes, tris di bionde per la Coppola Video

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester

MUSICA

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester Video

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

Notiziepiùlette

Ultime notizie

A Parigi, per dodici mesi tra paesaggi e ritratti

VIAGGI

Parigi val bene un weekend. Ecco i nostri consigli

di Luca Pelagatti

Lealtrenotizie

Parma-Piacenza 0-0

PLAY-OFF

Parma-Piacenza 0-0 all'intervallo. Crociati avanti ma senza occasioni  (La formazione crociata). Traffico in tilt, code in biglietteria (la viabilità)

Il programma dei quarti: tutte giocano alle 20.30. Solo il Pordenone sta ribaltando il risultato

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

3commenti

tg parma

Ladri e vandali al Palaciti Video

Incursione nella notte al palazzetto. I malviventi mettono tutto a soqquadro , danneggiano uffici e spogliatoi poi fuggono con scarpette da ginnastica e tute

anteprima gazzetta

Il voto a Parma, un "laboratorio" per tutta l'Italia

Nell'edizione di domani: bocconi avvelenati, scherzi pericolosi di ragazzini a Sorbolo e Traversetolo

gazzareporter

Scherzi a parte? No, via Montebello, strada dei parcheggi assurdi Foto

LA STORIA

Radio Deejay: love story autista bus - passeggera, impazza il gossip parmigiano

allarme

Sorbolo, "quei ragazzini che fingono di finire sotto le auto"

5commenti

tg parma

Ex scuola di Baganzola, rogo distrugge l'archivio "Magnanini". E' doloso? Video

Traversetolo

E sotto il futuro Conad spunta un villaggio neolitico

Lo scavo sotto il Torrazzo porta alla luce 32 strutture e 4 tombe risalenti al V millennio avanti Cristo

stradone

L'associazione dei writers: "Il Comune ci affidi il sottopasso: sarà spazio culturale"

2commenti

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

1commento

furto

Se i ladri rubano le magliette dedicate a un amico scomparso....

LA POLEMICA

Avversari all'attacco di Pizzarotti

13commenti

motori

Abarth Day, a Varano oltre 5 mila fan dello Scorpione

PROGETTI

Pilotta, l'alba di una nuova era. Già rinvenuti tre busti

1commento

sos animali

Via Aleotti, avvelenato un cane. Sospetto bocconi nell'area verde

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Manchester, la famiglia di Abedi avvertì della sua pericolosità. Identificate le 22 vittime

1commento

visita

Trump dal Papa. Per Melania e Ivanka non solo Dolce Vita Gallery

SOCIETA'

cinema

A Cannes il ritorno di Irina (splendida e sexy) a due mesi dal parto

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

SPORT

formula 1

Gp di Monaco, è già sfida Vettel-Hamilton. E torna Jenson Button

CICLISMO

Giro, tappa a Rolland. Dumoulin sempre in rosa

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancora più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare