-1°

14°

Il vino

Baldo Cappellano il Barolo nel cuore

Baldo Cappellano il Barolo nel cuore
0

Ci sono uomini predestinati già nel nome: è il caso di Teobaldo Cappellano, Baldo per gli amici, anzi per tutti, e un cognome che sa tanto di clero o giù di lì. Anche se poi non c’entra nulla se non nel fatto che speriamo che tutto ciò sia un viatico ultraterreno per un uno dalla schiena dritta e dal cuore pulito.
Baldo, infatti, ci ha lasciato e con lui se ne va davvero un altro pezzo di quella Langa che con personaggi come Baldo è diventata un mito. Una storia che parte ancor prima di lui a Serralunga: qui nacque Giuseppe Cappellano farmacista e storico inventore della formula del Barolo Chinato e dove Piazza Maria Cappellano ricorda la giovane figlia del farmacista deceduta per la febbre spagnola.
Ma Baldo sebbene langhese, nasce in Eritrea dove il bisnonno si era recato alla ricerca di un vitigno resistente alla filossera e dove il papà Augusto con spirito imprenditoriale era riuscito a produrre vino con datteri, karkadé, fichi d’india e fondando una sua azienda vitivinicola: la UVE, Unione Vitivinicola Eritrea.
Il procedimento per ottenere il vino, consisteva nella reidratazione e fermentazione dell’uva passita proveniente da Candia, Cipro e Yemen recuperando anche l’acqua proveniente da un lago, permettendo così di rifornirsi in proprio di energia elettrica. Ma il giovane Baldo, vuoi per le lotte intestine che insanguinarono negli anni Sessanta quella terra, vuoi per il forte richiamo della terra avita paterna, nonostante il legame ancestrale con l’Eritrea, patria d’origine materna, torna a Serralunga d’Alba.
Il sogno di Baldo è la produzione di Barolo, ma non un Barolo qualsiasi, il migliore da riservare a pochi eletti che veramente possono stimare e apprezzarne la qualità.
Carattere forte e volitivo, pensatore libero e curioso polemista, battagliero e anticonformista diventa imprenditore vinicolo insieme al fratello Giovanni cercando nel progresso e nel futuro la matrice delle più consolidate tradizioni e le radici di un passato ancorato a un vino unico nel suo genere, il Barolo Cappellano.
 

UNA FILOSOFIA «BIO» IN ANTICIPO SUI TEMPI
La grande cura dei dettagli
Così in questo suo percorso assolutamente artigianale si dà delle regole, un codice interno, una filosofia «bio» che parte dalla vigna non diserbando gli interfilari con disseccanti, a fare trattamenti sui filari solo con verderame e zolfo, a concimare la vigna con le vinacce esauste, a non usare lieviti selezionati, a non filtrare i vini. Tutto ciò in controtendenza alle nuove tecniche sia in vigna sia in cantina dove il fare quantità spesso, anche se magari non volentieri, è a discapito della qualità.
Così il suo Barolo Otin Fiorin Pié franco, ricavato da una vigna allevata a Guyot sulla collina di Gabutti, lunga fermentazione, affinamento in botti di Slavonia per tre-quattro anni, è una sorta di paradigma del Barolo di carattere e di personalità, sostenuto da una ampia struttura tannica e da una trama fitta ma inaspettatamente serica, che lo rende morbido, vellutato, come pochi altri.
Ma non si può non ricordare ancora una volta il suo Barolo Chinato, la cui ricetta segreta fu inventata dal sullodato trisavolo, ancor oggi il migliore in assoluto sul mercato. Nella tradizione piemontese si affranca successivamente, all’originaria connotazione medicamentosa, quella più squisitamente conviviale, che vede sempre più protagonisti i produttori di Barolo in luogo dei farmacisti.
Un personaggio sui generis Baldo Cappellano capace di dichiarare apertamente di non voler essere punteggiato nelle guide eppure di essere idolatrato da tanti scrittori di vino. Un uomo che dichiarava orgogliosamente che «a tempo perso faceva anche il vignaiolo».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La La Land annunciato per errore miglior film, ma vince Moonlight

Hollywood

Gaffe agli Oscar: aperta un'inchiesta Tutti i premiati Foto

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Scippo in via Farini

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

1commento

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

Degrado

«Strada del Traglione? Uno schifo»

3commenti

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

2commenti

VERDI MARATHON

Maratona: ancora (tanti) scatti dalla Bassa Gallery 1 - 2

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

PONTETARO

Nuovo blitz alla Valtaro Formaggi, ma il colpo fallisce

1commento

Protesta

Strade pericolose e degrado: Gaione alza la voce

3commenti

CHIRURGO

Lasagni, in oltre 20 anni mai un'assenza dal lavoro

evento

Volti, colori e...oggetti da Mercanteinfiera Gallery

pallavolo

Finisce l'era Magri: Cattaneo nuovo presidente Fipav

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

11commenti

ITALIA/MONDO

FISCO

Nel 2016 oltre 450mila liti pendenti per 32 miliardi

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

4commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia