-2°

delizie e pregiudizi

Rognoni, dimenticati ma buoni

Rognoni, dimenticati ma buoni

Rognoni, dimenticati ma buoni

Ricevi gratis le news
0

 

Andrea Grignaffini
Si amano o si odiano per via di esalazioni ammoniacali che se lievi sono ricercate come ricercatezza aromatica, se forti come insopportabile afrore. Parliamo dei rognoni, i reni dell’animale dalla caratteristica forma a fagiolo. Naturalmente sussistono molti pregiudizi nei confronti dei rognoni, tanto che a molte persone risultano fortemente sgraditi pur non avendoli mai assaggiati mentre altri li gustano come una grande prelibatezza. Il rognone fa parte del quinto quarto ovvero delle famose frattaglie rosse ottenute dalla macellazione di un animale, in particolare dal bovino, dal suino, dall’ovino e si presenta con la superficie esterna solcata da scanalature e numerosi lobi. Da preferire sono i rognoncini del vitello, piccoli, di colore chiaro e dal sapore più delicato mentre quelli di bovino adulto, di colore molto scuro, hanno più concentrazione ma anche meno finezza aromatica, da qui la necessità di un prolungato lavaggio con acqua fredda acidulata con aceto di vino bianco o succo di limone. I rognoni freschissimi sono avvolti da uno strato di grasso bianco candido con sfumature rosate e la carne si presenta turgida e lucente (caratteristiche tutte queste che si perderanno con il passare del tempo). Se si acquista ricoperto ancora del suo grasso è bene lasciarne uno strato che servirà a proteggerlo durante la cottura, mentre la parte eccedente, fatta fondere e conservata, sarà indicata per eventuali fritture che risulteranno molto gustose. Da non dimenticare prima della cottura di liberare accuratamente il tessuto nervoso, ovvero la membrana che li ricopre. I rognoni hanno un alto contenuto di vitamine e di ferro, ma sono anche ricchi di grasso. La cottura deve essere fatta a fuoco alto, vivace, in modo rapido e all’ultimo momento prima di servirli. 
Pur essendoci svariati modi di cucinarli, i più conosciuti sono i classici rognoni trifolati, grigliati, saltati al burro, al Madera o al Cognac, alla francese detta alla coque e abbinati a verdure, funghi e riso. Se si cuociono alla griglia si posizionano aperti sulla brace incandescente; se si preferisce passarli in padella o in tegame occorre tagliarli in due parti nel senso della lunghezza, spellarli, togliere i dotti e tagliarli a fettine trasversalmente non troppo sottili, e saltarli velocemente a fuoco vivo in una padella molto calda.
Andrea Grignaffini

Si amano o si odiano per via di esalazioni ammoniacali che se lievi sono ricercate come ricercatezza aromatica, se forti come insopportabile afrore. Parliamo dei rognoni, i reni dell’animale dalla caratteristica forma a fagiolo. Naturalmente sussistono molti pregiudizi nei confronti dei rognoni, tanto che a molte persone risultano fortemente sgraditi pur non avendoli mai assaggiati mentre altri li gustano come una grande prelibatezza. Il rognone fa parte del quinto quarto ovvero delle famose frattaglie rosse ottenute dalla macellazione di un animale, in particolare dal bovino, dal suino, dall’ovino e si presenta con la superficie esterna solcata da scanalature e numerosi lobi. Da preferire sono i rognoncini del vitello, piccoli, di colore chiaro e dal sapore più delicato mentre quelli di bovino adulto, di colore molto scuro, hanno più concentrazione ma anche meno finezza aromatica, da qui la necessità di un prolungato lavaggio con acqua fredda acidulata con aceto di vino bianco o succo di limone. I rognoni freschissimi sono avvolti da uno strato di grasso bianco candido con sfumature rosate e la carne si presenta turgida e lucente (caratteristiche tutte queste che si perderanno con il passare del tempo). Se si acquista ricoperto ancora del suo grasso è bene lasciarne uno strato che servirà a proteggerlo durante la cottura, mentre la parte eccedente, fatta fondere e conservata, sarà indicata per eventuali fritture che risulteranno molto gustose. Da non dimenticare prima della cottura di liberare accuratamente il tessuto nervoso, ovvero la membrana che li ricopre. I rognoni hanno un alto contenuto di vitamine e di ferro, ma sono anche ricchi di grasso. La cottura deve essere fatta a fuoco alto, vivace, in modo rapido e all’ultimo momento prima di servirli. 
Pur essendoci svariati modi di cucinarli, i più conosciuti sono i classici rognoni trifolati, grigliati, saltati al burro, al Madera o al Cognac, alla francese detta alla coque e abbinati a verdure, funghi e riso. Se si cuociono alla griglia si posizionano aperti sulla brace incandescente; se si preferisce passarli in padella o in tegame occorre tagliarli in due parti nel senso della lunghezza, spellarli, togliere i dotti e tagliarli a fettine trasversalmente non troppo sottili, e saltarli velocemente a fuoco vivo in una padella molto calda.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lo chef Cracco apre un nuovo ristorante a Milano e rivuole la stella Michelin

cucina

Lo chef Cracco apre un nuovo ristorante a Milano e rivuole la stella Michelin

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Biotestamento

L'ESPERTO

Biotestamento: come si fa a depositare le disposizioni

di Arturo Dalla Tana, notaio

Lealtrenotizie

Notturni in Musica. I successi del jazz e del musical

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per 10 interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

1commento

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

2commenti

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "La flat tax per rimettere soldi nelle tasche degli italiani"

1commento

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Richieste di rimborso entro il 28 febbraio

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

elezioni

Scuole seggio, chiuse dal 3 al 6 marzo. Per universitari fuorisede trasporti con tariffe agevolate

Lutto

Addio a padre Simoncini, ultimo gesuita di Parma

incidente

Pedone investito a Ramiola

TERREMOTO

Una struttura polivalente per Accumoli con l'aiuto di Cariparma 

BEDONIA

Furto all'agriturismo La Tempestosa

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

1commento

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

LIGURIA

Terremoto di magnitudo 2.2 a Genova: evacuate alcune scuole

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

musica

Dopo quasi 30 anni tornano i primi dischi in vinile della Sony

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat