10°

Il vino

Fonterutoli, antico cuore del Chianti

Fonterutoli, antico cuore del Chianti
0

La zona è fra le più vocate d’Italia. Siamo in Toscana, nel cuore del Chianti Classico, tra Siena e Castellina, poco distanti da Firenze. Il paesaggio, tipicamente toscano, è un susseguirsi di oliveti e vigneti degradanti sui crinali delle dolci colline, sulle cui cime spiccano le case di antica memoria.

Siamo al Castello di Fonterutoli, luogo in cui la leggenda vuole arrivasse da Firenze un cavaliere partito al canto di un galletto per risolvere un contrasto fra senesi e fiorentini. Da allora il simbolo del galletto spicca sul collo delle bottiglie del Chianti Classico. Da questo luogo, nel Quattordicesimo secolo, ma forse anche prima, è iniziata l’avventura vitivinicola della famiglia Mazzei a tutt’oggi arrivata alla ventitreesima generazione con gli ultimi discendenti, Francesco, Filippo e Agnese, figli di Lapo Mazzei, gran maestro dell’azienda.

 Parliamo di Sangiovese vino simbolo di questo territorio che è assurto agli onori della cronaca dagli anni ’80 con il forte contributo di Lapo Mazzei che aveva compreso le forti potenzialità del vitigno sfruttato fino allora soprattutto per la quantità a scapito della qualità. Cambia così il modo di fare vino, si parte con il diradamento delle vigne, per poi seguire tutto l’iter dalla vendemmia all’arrivo in cantina per proseguire via via fino all’affinamento, all’imbottigliamento e alla commercializzazione. Iniziano dal lavoro certosino in vigna suddivisa in appezzamenti da un ettaro ciascuno gestiti autonomamente dalla vendemmia fino alla vinificazione in tini specifici per poi decidere il miglior assemblaggio del vino per ogni annata per arrivare all’affinamento in piccole barriques (francesi, in primis) per una quindicina di mesi per proseguire ancora in bottiglia.

Questo procedimento non è scandito da regole fisse ma viene concordato ogni anno secondo l’evolversi degli assaggi periodici. Così la natura e il lavoro del vignaiolo e di un enologo molto esperto come Carlo Ferrini, che con i Marchesi Mazzei è diventato una star della regione, permettono di fare grandi vini diversi per ogni annata. Passione, amore, impegno e dedizione sono i dettami fondamentali di questa famiglia che ha come emblema il vitigno sangiovese ma che non disdegna l’aiuto di altri vitigni come merlot, cabernet sauvignon, colorino, malvasia nera pur di raggiungere picchi di qualità senza l’aiuto di alchimie o tecniche estreme.
Così nascono i grandi vini dell’azienda Mazzei.

Il Chianti Classico Docg: quando il sangiovese arriva al vertice

 Partiamo dal vino top il Castello Fonterutoli Chianti Classico Docg da un uvaggio di 80/90% di sangiovese e rimanenza di vitigni complementari che inizia la sua scalata verso la vetta della qualità nel 1995 e che nel corso delle annate successive ha mostrato grandi potenzialità. Un vino dal colore rubino luminoso, dai sentori fruttati, in primis frutta rossa, cenni floreali, note tabaccose. Al gusto è pieno, rotondo con tannini in evidenza seducenti e fitti.
Ma l’azienda produce anche altri vini come Siepi, grande etichetta che ha regalato premi prestigiosi alla famiglia Mazzei, voluto da Ferrini al suo arrivo in azienda e che sostituisce un altro storico vino, Concerto. Nato da una vigna omonima, è il risultato di un uvaggio di sangiovese e merlot, un vino rotondo, morbido, accattivante.
A seguire Fonterutoli che si può definire il vino base, è un Chianti Classico quasi esclusivamente da sangiovese e da un 10% di cabernet sauvignon, malvasia nera, colorino. Fresco, vivace, profumato dalla beva piacevole e dinamica. Intanto, dopo più di un decennio di stop, torna sugli scaffali un altro Chianti che ha fatto la storia della zona: il Ser Lapo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Josè Carrerascompie 70 anni

IL GRANDE TENORE

Josè Carreras compie 70 anni

 Musica sotto l'albero: arrivano Ferro, Liga, Vasco, Biondi e Pausini

NATALE

Musica sotto l'albero: arrivano Ferro, Liga, Vasco, Biondi e Pausini Foto

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

Questa sera dalle 23 sul sito exit poll, spoglio e proiezioni

polfer

Nel reggiseno 17 dosi di cocaina: arrestata

2commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

Carabinieri

Quando la vendita dell'iPhone è una truffa

3commenti

Salsomaggiore

"Lorenzo, un ragazzo speciale"

Domani alle 15 il funerale

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

via chiavari

Santa Barbara: i vigili del fuoco festeggiano con i bambini Foto

3737 interventi in un anno

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

12commenti

di corsa

I protagonisti del 2°Cross Country Montanari & Gruzza Foto

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

5commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

2commenti

gran bretagna

Gli automobilisti killer al telefonino rischieranno l'ergastolo

WEEKEND

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

Calciomercato

Cinque curiosità su Roberto D'Aversa

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

SOCIETA'

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

9commenti