12°

22°

Il vino

Con Gaja il Piemonte diventa una bandiera

Con Gaja il Piemonte diventa una bandiera
Ricevi gratis le news
1

Ha festeggiato, proprio al Vinitaly, 150 anni l’azienda Gaja: quattro generazioni di grande produzione di vino. Lo ha fatto in una sorta di degustazione-evento che è davvero un inno all’Italia del vino quando avrebbe potuto essere l’autocelebrazione, sacrosanta, di se stesso.
Una lezione di stile e di classe quella di Angelo Gaja che ha contribuito a far conoscere i suoi grandi vitigni del Piemonte in tutto il mondo tenendo alta la bandiera italiana. Uno dei meriti di questo grande vignaiolo, unitamente alla moglie Lucia, si deve alla reinterpretazione del Barbaresco che ha raggiunto con lui i vertici barolistici. La storia più recente inizia nel 1961 quando decide di non comprare più uve da altri produttori ma di acquistare i terreni nei comprensori più vocati alla viticoltura del Piemonte e più avanti in Toscana.
Ma il terroir da solo non è sufficiente a raggiungere risultati così eclatanti, occorre anche uno staff professionale affiatato, competente, tecnologicamente aggiornato in tutto l’iter della produzione, dal vigneto alla cantina, al marketing. Un diktat che ha accompagnato l’azienda nel corso degli anni con l’acquisizione di terreni vitati e non seguendo la strada più semplice dell’acquisto delle uve da altri produttori. Il risultato è la proprietà di 28 vigneti diversi su cento ettari scelti e selezionati attentamente nel corso degli anni per valutarne l’effettiva potenzialità. Altro elemento importante è l’attenzione alle caratteristiche che ogni annata deve raggiungere per ottenere costantemente un risultato di alta qualità. Nasce così la necessità di produrre vino all’altezza del nome dell’azienda solo nelle annate più importanti, declassando a vino sfuso da vendersi sul mercato tutte le altre.
Com’è avvenuto negli anni, 1980, 1984, 1992 per Barbaresco e Barolo, 1994 per i crus di Barbaresco, mentre è calata del 50/60% la produzione del 1981 e 1987. Così i più prestigiosi rossi dopo aver fermentato per tre settimane, restano un anno in barriques per passare altri dodici mesi in grandi botti di Slavonia.
Questo è il frutto di un lavoro trentennale dell’enologo Guido Rivella che nel tempo ha conseguito risultati di elevata qualità riconosciuta in tutto il mondo divenendo il nome Gaja sinonimo di vino unico e irripetibile.
UNA PANORAMICA TRA ETICHETTE MITICHEI
Vini entrati nella storia
Ora un piccolo scorcio al top delle sue etichette. Partiamo dal Sorì San Lorenzo, un Langhe Nebbiolo con un 5% di barbera, assurto dall’azienda Gaja al prestigio del più blasonato Barolo. Sorì è il nome dell’appezzamento di terreno da cui proviene, mentre San Lorenzo si rifà al nome della parrocchia un tempo appartenuta alla famiglia. Un rosso granata dagli intensi profumi di frutta rossa, in primis ciliegia, amarena, ribes nero, mora, e toni speziati e minerali. In bocca da sempre evidenzia corpo e potenza, che si coniugano perfettamente con equilibrio ed eleganza.
Passiamo a un altro mitico cru il Sorì Tildin, un Langhe Nebbiolo con piccolissima parte di barbera. Un vino rosso potente, complesso, opulento, che rilascia sentori di piccoli frutti di bosco, note speziate, torrefatte e un fondo di liquirizia. Al palato è di grande impatto, potenza e personalità. Lo si può definire il vino cult dell’azienda.
Altra grande etichetta, Sperss, sempre un Langhe Nebbiolo Doc proveniente dai vigneti di Serralunga, da uve nebbiolo e un 6% di barbera, un vino di grande stoffa, austero, vigoroso, ampio. Al naso presenta sentori fruttati di more, tabacco, spezie e cenni di liquirizia. In bocca è ricco, caldo, opulento con tannini in perfetto equilibrio. Una dimostrazione che anche quando si cimenta con la zona del barolo, lo fa da par suo. Da fuoriclasse.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Michele

    30 Maggio @ 19.09

    Un grande Gaja Langhe Nebbiolo Sorì San Lorenzo 2004 degustato dalla dott.ssa Amanda Nebiolo, direttrice di Italian Wine Magazine e sommelier A.I.S. "Vino ineccepibile fin dall’esame visivo, che ne rileva la perfetta limpidezza da cui emerge un rosso granato straordinariamente intenso e un’ottima consistenza, sostenuta dai 14 gradi di titolo alcolometrico. Al naso è superbo, molto intenso e complesso, con sentori di confettura di amarena, mora, cassis, susina, erbe aromatiche, menta, spezie, un lieve accento minerale e un piacevole tono di tabacco dolce e liquirizia. Qualità eccellente. La bocca è di entusiasmante ricchezza. Secco, caldo, morbido, misuratamente fresco, avvolge grazie alla trama tannica sottile e setosa, in equilibrio assoluto con una componente minerale discreta e ben definita. Di grande equilibrio e stupefacente intensità, si rende indimenticabile per il lunghissimo finale, la notevole struttura e la splendida armonia. Abbinamento ideale con tagliolini al tartufo bianco d’Alba, agnolotti con sugo d’arrosto, secondi piatti a base di carne d’agnello o di cacciagione, stracotti, selvaggina da piuma, toma di Murazzano e formaggi stagionati.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

1commento

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

1commento

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Smog: polveri sottili alle stelle, da oggi blocco diesel euro 4

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

6commenti

Anteprima Gazzetta

Caso Florentina: la procura chiede l'archiviazione per Devincenzi

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

5commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

2commenti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Continuano le iniziative degli abitanti dell'Oltretorrente per "riappropriarsi" del quartiere

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

2commenti

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

gazzareporter

Via Cavour: sul marciapiede compare Giuseppe Verdi

Foto di Alberto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

CARABINIERI

Insegnante scompare a Reggio: trovata a Guastalla dopo due giorni

LECCE

Bimbo di due anni muore schiacciato dal televisore

SPORT

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

F1 GP USA

Libere: domina Hamilton. Vettel (terzo) gira poco

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro