-3°

Il piatto forte

Il pesce azzurro in barile che viene dall'Adriatico

Il pesce azzurro in barile che viene dall'Adriatico
0

di Andrea Grignaffini

Nel mare del «pesce azzurro», con i loro tipici colori argento e blu-verdastro e con i loro dieci-quindici centimetri di lunghezza, rischiano di confondersi coi branchi di acciughe e sardine. Ma nell’Adriatico, su cui si affacciano Romagna e Marche, sanno distinguere bene i piccoli «spratti» (Clupea Papalina Bonaparte, dove Bonaparte è a memoria dell’eclettico ricercatore, fratello dell’Imperatore, che individuò e catalogò il pesce). Lì, anzi, la conoscenza dello spratto è così diffusa da essere noto con nomi più confidenziali e familiari, come «saraghina» o «papalina». Quest’ultimo appellativo evidenzierebbe la storica abbondanza della pesca degli spratti nelle regioni un tempo annesse all’antico Stato Pontificio. Le sue carni, ottime e molto saporite, vanno consumate fresche perché il loro sapore peggiora già dopo poche ore dalla pesca. Anche per lo spratto, come per gli altri pesci grassi, in cucina, è indicata la cottura alla griglia, in Romagna «a scottadito», che permette di ridurre il tenore di grassi. Vista la facile deperibilità delle sue carni, si presta a essere acconciato come alimento a lunga conservazione, cioè, riposto in barilotti di legno di faggio, sistemato a mano in strati circolari e opportunamente pressato. Il nomignolo saraghina, oggi usato indiscriminatamente per il fresco e il conservato, in origine pare venisse dato proprio solo allo spratto sotto sale. Lungi dall’essere un banale «pesce da barile», la saraghina mantiene il suo aspetto argenteo e brillante e l’occhiolino vivace anche dopo il trattamento conservativo. Priva di squame, dalla polpa piacevolmente turgida e dalle lische tenere, ammorbidite dalla salamoia, ecco che la saraghina rappresenta la saracca italiana, quella per intenderci che in un passato non troppo lontano veniva consumata con la polenta, sfamando con la sua semplicità e ricchezza di sapore le classi più povere di gran parte d’Italia. Il pesce pescato, viene mantenuto sul peschereccio fresco e turgido. Infatti, i pescatori di Cesenatico svuotano le reti, in appositi mastelli ripieni di acqua marina e ghiaccio triturato, cercando di non uccidere il pesce; da lì in poi, la sopravvivenza della papalina è data dal rollio della barca che trasferisce all’acqua del contenitore il moto del mare, ingannando il pesce. Giunto freschissimo nello stabilimento, viene messo in salamoia per un tempo che dipende dalla dimensione dei soggetti: quando ce ne sono 60-70 per chilogrammo, ai pesci occorrono circa 15-20 giorni per maturare (perdere acqua e grassi per assorbire soluzione salina).  

Tolte dai mastelli, le saraghine vengono messe nei barilotti di faggio con una disposizione a «raggio di sole» e a strati, poi pressate per eliminare l’eccesso di liquido assorbito durante la salamoia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

concerti

musica

Caos biglietti U2: ira dei fan, seconda data e esposto Codacons

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

televisione

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Auto travolge persone alla fermata dell'autobus fra Cascinapiano e Torrechiara

cascinapiano

Travolto mentre va alla fermata del bus: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci

8commenti

Epidemia

Legionella: domani la svolta

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

furto

Via Dalmazia, i ladri se ne vanno con i coltelli

Il caso

Parrocchie in campo contro le povertà

3commenti

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

maltempo

Piano neve e ghiaccio, il Comune: "Ecco cosa devono fare i cittadini"

1commento

Fra Salimbene

Chi ha rotto la porta dei bagni dei maschi?

Basilicagoiano

Allarme droga tra i minorenni

via emilia

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini Video

tg parma

Famiglia sfrattata a Collecchio: accolta in parrocchia a Parma Video

BORGOTARO

Addio al partigiano Ollio, commerciante pluridecorato

Lutto

Addio ad Angelo Ferri, il «fontaner»

Raid

Boschi di Carrega, auto forzate nel parcheggio

GIOVEDI' AL REGIO

Brunori Sas: «A casa tutto bene»

i nuovi acquisti

Munari e Edera: "Parma, un buon progetto" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

12commenti

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

terrorirismo

Istanbul, preso il terrorista della strage di Capodanno: "Ha confessato"

1commento

salute

Influenza: oltre 3 milioni a letto, il picco la prossima settimana

SOCIETA'

roma

Colosseo nel mirino dei vandali: scritte con lo spray su un pilastro

Tendenza

Anche a Parma è vinilmania

SPORT

Calcio

I 10 giocatori piu' cari al mondo

auto

L'auto protagonista alla Dakar? La Panda 4x4

CURIOSITA'

Correggio

“Mai più”: le opere di Bruno Canova per il Giorno della Memoria Foto

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video