20°

36°

Il vino

Un progetto legato alla terra tra Toscana e Piemonte

Un progetto legato alla terra tra Toscana e Piemonte
Ricevi gratis le news
0

di Andrea Grignaffini

I rumors si facevano sempre più insistenti diventando il sottofondo di un boato che colpisce nel segno dell’intraprendenza e della comunicazione: parmigiani alla conquista delle zone enoiche più vocate d’Italia (e forse non solo). Stiamo scrivendo niente di meno che della Toscana e di quella sorta di oasi autoctona enoica che è il Piemonte langarolo. 
Stiamo scrivendo di Andrea e Luca Costa, padre e figlio, con un passato da imprenditori che si declinano in un presente da imprenditori… agricoli. E a Parma, senza enfasi, è stato presentato il loro progetto che sotto il nome «Tenute Costa», riunisce i due territori a maggiore vocazione vitivinicola per tradizione ed eccellenza del vino italiano. 

Un progetto che nasce dalla terra
«Un progetto che nasce dalla terra e dalla voglia di veder crescere qualcosa di nostro, - spiega il giovane Luca Costa – ma anche un progetto che attraversa la cultura contemporanea di cui il vino, secondo noi, è parte integrante». 
E i numeri lo dimostrano. Venti milioni di euro vengono impiegati per realizzare questa affascinante realtà: «DueCorti» in Piemonte e «TerrediFiori» in Toscana. 
Due cantine in fase di costruzione, ecologicamente all’avanguardia saranno il fiore all’occhiello per i trenta ettari vitati, ottenendo primi la certificazione dell’Agenzia Casa Clima di Bolzano in classe A Nature, come edifici ecocompatibili. 
Nasce così un’impresa sostenibile. Per tenute Costa la priorità assoluta è l’autosufficienza energetica, mediante innovative tegole con sistema solare integrato, in Piemonte, mentre in Maremma utilizzando mini pale eoliche all’insegna anche del risparmio energetico. 
Inoltre si costruisce a secco e si utilizzano pannellature in legno.  «Un progetto legato alla terra e perché la terra è il futuro di tutti - conclude Luca Costa -. Come è il futuro anche la grande tradizione vitivinicola italiana che è un patrimonio culturale immenso che lega le generazioni di ieri a quelle di domani». 
E domani assaggeremo anche vini che di certo faranno parlare. E non potrebbe essere altrimenti visto che sulla tolda del comando «tecnico» è arrivato quel Carlo Ferrini, che, se in Toscana è un nome fin troppo noto, in Langa si cimenta per la prima volta. 
E un toscano buono in Piemonte è quello che si fuma… una sfida che ha già i tratti iniziali di un Dolcetto, primo vino assoluto, anche inserendo le tenute toscane, tutto made in Ferrini. 
L’inizio è buono. Un vitigno difficile che non va troppo ammorbidito se non di quel tanto, sostengono in molti, che appaghi qualche palato in più oltre ai piemontesi. 

Nuova sfida in Alto Adige
Missione compiuta: frutto in bello spolvero e grip tannico che ci vuole. Il resto sono prove tecniche di trasmissione, più che corrette, che tra un paio d’anni avranno sviluppato la personalità di questo enologo cult. Nel frattempo un’altra sfida è intrapresa. 
Il vino bianco. Il territorio non poteva che essere quello, elettivamente perfetto, dell’Alto Adige e anche qui una sfida per Ferrini assolutamente affascinante. 
Ai Costa il tran tran non si addice. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

4commenti

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

tg parma

Ricordato il sacrificio di Charlie Alfa Video

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

MONCHIO

«Mi vuoi sposare»? Sorpresa alla sagra

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

tg parma

Parma, Germoni: "Ottimo ritiro, devo conquistarmi il posto" Video

Lavori in corso

Tutti i cantieri nelle strade della città

2commenti

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

gazzareporter

"Via Liani, cartoline da un giorno normale (tra i rifiuti)"

EMERGENZA

Numerosi incendi lungo la ferrovia fra Sanguinaro e Parma: chieste squadre da Reggio e Modena Foto

La circolazione dei treni è ripresa alle 17,45

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Turku

Attacco in Finlandia, in tre accoltellano diverse persone

barcellona

Nuovo attacco con un'auto a Cambrils: uccisi cinque kamikaze. "Tre italiani feriti"

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

CANADA

Perde l’anello nell’orto: lo ritrova 13 anni dopo... intorno a una carota

1commento

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti