22°

Il piatto forte

Vini e guide

Vini e guide
0
di Andrea Grignaffini 
Nessuno ormai si sorprende più per gli exploit del vino parmense. Quello che sino a qualche tempo fa era il fanalino di coda di un sistema alimentare monumentale, sia nei dati quantitativi che in quelli qualitativi, si è ritagliato in poco più di un lustro una dignità di assoluto rispetto. 
Un punto saliente visto che non c’è nulla di meglio di accompagnare al bengodi alimentare di una zona come la nostra un abbinamento con il vino. Tanto per essere completi e vendere, ma sarebbe meglio dire, tentare di vendere, un prodotto nella sua complessità. 
Le guide enologiche hanno compreso, anche prima dei parmigiani, le potenzialità di un luogo che non sarà certo vocato come quelli più blasonati ma che non è certo da meno rispetto ai nostri confinanti. Se, però, il luogo ha il suo significato non occorre dimenticare i produttori, in primis quelli che fanno da traino per massa produttiva: è soprattutto merito loro che i vini siano entrati in modo così veemente nel mercato nazionale. Questo è stato effettuato con due operazioni di marketing: una di lancio e un’altra di rilancio. 
La prima ha riguardato il lambrusco. Che sia diretta conseguenza a un’operazione di mercato o meno va detto che è stato «inventato» uno stile. 
Fino a qualche anno fa questo universo era rappresentato dal comprensorio modenese che coniugava questo vitigno nelle sue declinazioni più classiche: la freschezza acida del Sorbara, la corposità fruttata del Grasparossa, la vena più selvatica del Salamino di Santa Croce. Non dimenticando certo le belle espressioni reggiane, e quelle più rare mantovane, va detto che dopo l’ingresso prepotente dei produttori parmensi, il mondo del lambrusco ha dovuto tener conto di un nuovo stile che avanzava massivo. In barba ai detrattori e agli scettici un lambrusco tutto frutto, piacione e scurissimo è un cavallo vincente per pubblico e guide. 
Non si può negare i «cinque grappoli» del Lambrusco Otello di Ceci (per il secondo anno consecutivo) o lo straordinario punteggio del Lambrusco Marcello di Ariola (97/100, a un centesimo dal gruppuscolo dei migliori vini d’Italia) per l’«Annuario» di Luca Maroni siano un evento su cui nessuno, compreso lo scrivente, avrebbe mai pensato si potesse avverare. 
Se il lambrusco è la novità, la malvasia è il ritorno di fiamma. Considerata sempre tipica sì, ma un po’ datata e, forse, di gusto arcaico, ora ha il plauso della stampa di settore. 
D’altra parte i vitigni aromatici non godono (Riesling e Traminer aromatico, esclusi) di particolare considerazione da parte degli addetti ai lavori per quella che si può definire una forma di snobismo nei confronti di una tipologia che risulta spesso amata dal pubblico meno «tecnico» per via della immediatezza di impatto, della gradevolezza e, soprattutto, della facile riconoscibilità. 
Con «Callas» Monte delle Vigne ha cambiato le carte in tavola: oltre dieci anni fa con un esperimento in legno che se subito ha lasciato perplessi, oggi al riassaggio dà risultati davvero sorprendenti; poi con l’attuale versione in acciaio che, con una costanza encomiabile, rappresenta il vino di punta dei nostri colli. 
Se questi sono i tre produttori più noti non vanno dimenticati quelli meno affermati. In prima battuta lo storico Lamoretti, un tempo notissimo per bianchi fini e puliti, ora agli onori della cronaca con dei rossi potenti ed espressivi. 
Poi Carra che anno dopo anno fa un passo in avanti con una gamma vasta ma sempre precisa e con interpretazioni moderne ma mai banali. 
Questo non dimenticando di exploit come quello del «Veleno di Donna» di Dall’Asta o la gamma estrema ma intrigante di Camillo Donati.
 Sulla sua onda un altro piccolissimo produttore si affaccia alla ribalta dalla collina di Pastorello: Crocizia. 
La conferma che Parma cresce anche come numero di produttori.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Toscanini, la vita del Maestro nella prosa di Segreto Foto

GAZZETTA LIBRI

Toscanini, la vita del Maestro nella prosa di Segreto Foto

Lealtrenotizie

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

TESTIMONIANZA

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

Il caso

Telecamere in tilt non «vedono» le auto rubate

Salso

Auto a fuoco: movente passionale?

PARMA CALCIO

Faggiano e la B: «Ci proviamo»

CALCIO

80 anni fa nasceva Bruno Mora

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Pronto soccorso

Cervellin: «Mancano medici per l'emergenza»

gastronomia etnica

La start-up che mette in tavola il talento delle donne

INTERVISTA

Musica Nuda e «Leggera»

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

10commenti

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

xxx

notizia 4

polizia municipale

Incidente tra tre auto a Chiozzola: due feriti

anteprima gazzetta

Arsenale in casa per la banda che voleva rubare la salma di Ferrari

assemblea

Zebre rugby: Pagliarini si dimette, la Falavigna presidente

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Brexit, ci siamo. E non sarà indolore

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

Bode

Furto del secolo a Berlino? Rubata moneta d'oro da guinness dei primati

1commento

SOCIETA'

studio

Cucina: i libri di ricette sono pieni di errori sulla temperatura di cottura

manchester

"Ingombri la strada", il ciclista s'infuria e reagisce Video

SPORT

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

MOTORI

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon

Motori

Il lusso? Oggi veste il made in Italy di Alcantara