18°

32°

Il piatto forte

Angelo Gaja, il vignaiolo che ha «creato» il barbaresco

Angelo Gaja, il vignaiolo che ha «creato» il barbaresco
Ricevi gratis le news
0

Angelo Gaja: una leggenda enoica. L’uomo che ha reso il Barbaresco qualcosa di più. La storia di una famiglia di origine spagnola che ha festeggiato centocinquant'anni di attività nel settore vitivinicolo con discrezione pari alla bravura, senza mai mettersi in prima fila, restando dietro le quinte e forse proprio in virtù di questo primeggiando su tutti gli altri. 

Insomma, volendolo compendiare con una frase potremmo parlare di uno «stile Piemonte».  Molto cortese e  nello stesso tempo caparbio.
 Pur producendo già dal 1859 vino  che vendevano nell’osteria di famiglia, la sua rinascita inizia nel 1961 da Angelo Gaja quando decise di trasformare l’azienda vinicola in azienda agricola, avendo così la possibilità unica di vinificare uve di proprietà, rinunciando a produrre vino di altre aziende fra cui quello che era assolutamente il «must» delle Langhe: il Barolo. 
Il rilancio delle Langhe
Inizia così l’ascesa del marchio Gaja che ben presto lo porterà a conquistare  riconoscimenti prestigiosi a livello planetario. Già il padre di Angelo, Giovanni, sindaco del paese  di Barbaresco, figlio di Angelo e di Clotilde Rey (la mitica «Tildin»), donna di grande ingegno e intelligenza, aveva tuttavia posto le fondamenta del futuro dell’azienda con l’acquisizione dei terreni vitati più felicemente esposti nelle Langhe detti Sorì (ovvero quelli dove la  neve si scioglie prima). 
Così negli anni Sessanta la famiglia decide di abbandonare la produzione di Barolo per dedicarsi al Barbaresco che in breve ne diventa l’emblema, il punto di riferimento. 
Inizia un periodo innovativo con la nascita dei cru, ossia i vini ottenuti da un unico vigneto: il «Sorì San Lorenzo», dal nome della parrocchia che per prima aveva posseduto le vigne, nel 1967; il «Sorì Tildin», un omaggio alla nonna, nel 1970, e il «Costa Russi» nel 1978. 
Novità in vigna e in cantina
Sono anni questi di grande fermento in vigna e in cantina con l’acquisizione di nuove tecnologie, con la sperimentazione di barrique, con nuove cantine. Pur rimanendo nei confini dell’artigianalità, i cru ben presto raggiungono vette di eccellenza tanto da essere contesi come capolavori d’arte, pur nell’inadeguato numero di bottiglie prodotte rispetto alla domanda, rimanendo così capolavori da tutti apprezzati e ricercati. Anche se a disposizione  di pochi eletti. 
Importante fu anche una nuova strategia di mercato, allora molto criticata dai concorrenti, essendo stato il primo a vendere il proprio vino «en primeur», ossia su prenotazione come già facevano a Bordeaux per i «premiers crus». 
Altro particolare importante che permette di riconoscere subito una bottiglia Gaja è il logo del cognome stampato in grande su tutta la larghezza dell’etichetta tanto da sembrare più importante del nome del vino stesso, operazione già intrapresa da nonno Angelo. Il mondo del vino, tramite Gaja ha dato un valore primario all’uomo: al di là di certificazioni, disciplinari e quant’altro. La fiducia va all’azienda. 
Ma come in questo caso a un uomo: unico.   Andrea Grignaffini 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rinoceronte ancora in finale al Talent Show "Eccezionale veramente"

tg parma

Rino Ceronte ancora in finale al talent show "Eccezionale veramente" Video

"Dai un bacio a Chiara"  Fedez e Chiara Ferragni approdano a Capri

gossip

Fedez e Chiara Ferragni (e Rovazzi) a Capri: folla in delirio Video

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Notiziepiùlette

Samuele Turco suicida in carcere
delitto san prospero

Samuele Turco suicida in carcere

Ultime notizie

Le parole del giovane parmigiano

SONDAGGIO

Da bagolón a bagolone: come cambia il dialetto dei giovani

di Mara Varoli

1commento

Lealtrenotizie

Per la perizia Turco non si voleva suicidare

La relazione

Per la perizia Turco non si voleva suicidare

Lutto

La morte di Igino Lemoigne, una vita nelle assicurazioni

Il caso Turco

«Il suicidio? Impossibile prevederlo»

L'intervista

Insinna: «Vi racconto la verità sui fuori-onda»

IL PERSONAGGIO

Torrechiara, Alberto Angela «gira» nel castello

BORGOTARO

La medicina del Santa Maria, untutti i dati del 2016

IL CASO

Colorno, «portoghesi» del bagno in piscina. Ora le denunce

Fidenza

Roslyn, campionessa di nuoto a 74 anni

delitto s.prospero

Omicidio all' "Angelica club": Samuele Turco suicida in carcere Video

1commento

seconda amichevole

Calaiò inarrestabile, 5 gol; tripletta Iacoponi: Parma-Settaurense 12-0

via Anselmi

Fiamme in una palazzina: grave una 60enne - Video: dentro l'appartamento distrutto

gazzareporter

Parma, 2017: dormire sotto il ponte

4commenti

via capelluti

Teneva la pianta di marijuana sul balcone. Ma sono passati i vigili....

1commento

droga

Arrestata l'insospettabile studentessa-pusher

22commenti

economia

Pomodoro, oltre 1000 assunti per la campagna Mutti

Nei 3 stabilimenti di Parma, Collecchio e Salerno, oltre ai fissi

incidente

Cade dalla bici in via Repubblica: grave 74enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

Samuele Turco, la tragedia e la pietà Video-editoriale

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga

di Francesco Bandini

22commenti

ITALIA/MONDO

operazione

Milano, stazione Centrale invasa dai migranti: nuovo blitz della polizia

Francia

Incendi in Costa Azzurra, evacuate 10.000 persone Foto

SPORT

mondiali nuoto

Pazzesca Pellegrini, impresa in rimonta: è oro. "Vorrei fare la velocista" Foto

nuoto

Italia show ai mondiali: Detti oro e Paltrinieri bronzo negli 800 sl

SOCIETA'

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery

gazzareporter

Quando l'imbianchino non c'è... il gatto balla Video

MOTORI

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video

anniversario

Pajero One/Hundred, Mitsubishi festeggia il secolo di vita