24°

Il piatto forte

Angelo Gaja, il vignaiolo che ha «creato» il barbaresco

Angelo Gaja, il vignaiolo che ha «creato» il barbaresco
0

Angelo Gaja: una leggenda enoica. L’uomo che ha reso il Barbaresco qualcosa di più. La storia di una famiglia di origine spagnola che ha festeggiato centocinquant'anni di attività nel settore vitivinicolo con discrezione pari alla bravura, senza mai mettersi in prima fila, restando dietro le quinte e forse proprio in virtù di questo primeggiando su tutti gli altri. 

Insomma, volendolo compendiare con una frase potremmo parlare di uno «stile Piemonte».  Molto cortese e  nello stesso tempo caparbio.
 Pur producendo già dal 1859 vino  che vendevano nell’osteria di famiglia, la sua rinascita inizia nel 1961 da Angelo Gaja quando decise di trasformare l’azienda vinicola in azienda agricola, avendo così la possibilità unica di vinificare uve di proprietà, rinunciando a produrre vino di altre aziende fra cui quello che era assolutamente il «must» delle Langhe: il Barolo. 
Il rilancio delle Langhe
Inizia così l’ascesa del marchio Gaja che ben presto lo porterà a conquistare  riconoscimenti prestigiosi a livello planetario. Già il padre di Angelo, Giovanni, sindaco del paese  di Barbaresco, figlio di Angelo e di Clotilde Rey (la mitica «Tildin»), donna di grande ingegno e intelligenza, aveva tuttavia posto le fondamenta del futuro dell’azienda con l’acquisizione dei terreni vitati più felicemente esposti nelle Langhe detti Sorì (ovvero quelli dove la  neve si scioglie prima). 
Così negli anni Sessanta la famiglia decide di abbandonare la produzione di Barolo per dedicarsi al Barbaresco che in breve ne diventa l’emblema, il punto di riferimento. 
Inizia un periodo innovativo con la nascita dei cru, ossia i vini ottenuti da un unico vigneto: il «Sorì San Lorenzo», dal nome della parrocchia che per prima aveva posseduto le vigne, nel 1967; il «Sorì Tildin», un omaggio alla nonna, nel 1970, e il «Costa Russi» nel 1978. 
Novità in vigna e in cantina
Sono anni questi di grande fermento in vigna e in cantina con l’acquisizione di nuove tecnologie, con la sperimentazione di barrique, con nuove cantine. Pur rimanendo nei confini dell’artigianalità, i cru ben presto raggiungono vette di eccellenza tanto da essere contesi come capolavori d’arte, pur nell’inadeguato numero di bottiglie prodotte rispetto alla domanda, rimanendo così capolavori da tutti apprezzati e ricercati. Anche se a disposizione  di pochi eletti. 
Importante fu anche una nuova strategia di mercato, allora molto criticata dai concorrenti, essendo stato il primo a vendere il proprio vino «en primeur», ossia su prenotazione come già facevano a Bordeaux per i «premiers crus». 
Altro particolare importante che permette di riconoscere subito una bottiglia Gaja è il logo del cognome stampato in grande su tutta la larghezza dell’etichetta tanto da sembrare più importante del nome del vino stesso, operazione già intrapresa da nonno Angelo. Il mondo del vino, tramite Gaja ha dato un valore primario all’uomo: al di là di certificazioni, disciplinari e quant’altro. La fiducia va all’azienda. 
Ma come in questo caso a un uomo: unico.   Andrea Grignaffini 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Samsumg volta pagina, affida il rilancio al Galaxy S8

hi-tech

Samsung, esce il Galaxy S8: lo smartphone del rilancio

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

Bimbi

virale

Il padre che veste quattro baby in un sol colpo Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria degli Argini

Osteria degli Argini

CHICHIBIO

«Osteria degli Argini», tutto fatto in casa con cura

Lealtrenotizie

Arrestato studente con 60 grammi di «fumo»

VIA VERDI

Arrestato studente con 60 grammi di «fumo»

Medesano

Omicidio-suicidio a Felegara, il ricordo degli amici: "Due coniugi legatissimi"

SAN LAZZARO

Medico aggredito e rapinato nel suo studio

3commenti

TRAVERSETOLO

Il rock «di centrodestra» del Primo Maggio

Ozzano

Vandali al cimitero: auto danneggiate

Calcio

Parma, l'abbraccio dei tifosi

violenza sulle donne

Sviene al lavoro: era stata massacrata di botte dall'ex. Arrestato il 32enne

La donna ora versa in gravissime condizioni e si teme per la sua vita

4commenti

TORNOLO

Don Massimo lascia le sue cinque parrocchie

"Quarta Categoria"

Oggi un derby "Special": Reggiana-Parma

TERENZO

L'Asiletto, i bimbi a scuola dalla natura

Incidente

Via Montanara, scontro tra quattro auto

Un ferito non grave trasportato al Maggiore. La strada chiusa per un'ora

Molinetto

Supermercato: mette in vendita salumi inserendo nel prezzo la tara. Denunciato

4commenti

lutto

E' morta Alice Borbone-Parma, la nipote dell'ultimo duca di Parma Foto

1commento

intervento

Pellacini: "Comune e Provincia svendono quote delle Fiere di Parma"

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

dramma

Felegara, con un coltello uccide la moglie malata e si suicida Foto Video

I corpi di Wilma Paletti e Gianfranco Carpana ritrovati dai figli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Dal cinema italiano segnali di primavera

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

BARI

Neonata abbandonata in spiaggia e morta: fermata una 23enne

Terrorismo

Sgominata una cellula di jihadisti in centro a Venezia

SOCIETA'

Chat

Dal velo islamico allo yoga: arrivano 69 nuove emoji

RICETTA

Come preparare i brownies al cioccolato bianco e fondente

SPORT

Sport

Tuffi: Tania Cagnotto verso l'addio

tg parma

D'Aversa: "Serie B ancora raggiungibile". Calaiò: "Serve miracolo"

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon