Il piatto forte

Angelo Gaja, il vignaiolo che ha «creato» il barbaresco

Angelo Gaja, il vignaiolo che ha «creato» il barbaresco
0

Angelo Gaja: una leggenda enoica. L’uomo che ha reso il Barbaresco qualcosa di più. La storia di una famiglia di origine spagnola che ha festeggiato centocinquant'anni di attività nel settore vitivinicolo con discrezione pari alla bravura, senza mai mettersi in prima fila, restando dietro le quinte e forse proprio in virtù di questo primeggiando su tutti gli altri. 

Insomma, volendolo compendiare con una frase potremmo parlare di uno «stile Piemonte».  Molto cortese e  nello stesso tempo caparbio.
 Pur producendo già dal 1859 vino  che vendevano nell’osteria di famiglia, la sua rinascita inizia nel 1961 da Angelo Gaja quando decise di trasformare l’azienda vinicola in azienda agricola, avendo così la possibilità unica di vinificare uve di proprietà, rinunciando a produrre vino di altre aziende fra cui quello che era assolutamente il «must» delle Langhe: il Barolo. 
Il rilancio delle Langhe
Inizia così l’ascesa del marchio Gaja che ben presto lo porterà a conquistare  riconoscimenti prestigiosi a livello planetario. Già il padre di Angelo, Giovanni, sindaco del paese  di Barbaresco, figlio di Angelo e di Clotilde Rey (la mitica «Tildin»), donna di grande ingegno e intelligenza, aveva tuttavia posto le fondamenta del futuro dell’azienda con l’acquisizione dei terreni vitati più felicemente esposti nelle Langhe detti Sorì (ovvero quelli dove la  neve si scioglie prima). 
Così negli anni Sessanta la famiglia decide di abbandonare la produzione di Barolo per dedicarsi al Barbaresco che in breve ne diventa l’emblema, il punto di riferimento. 
Inizia un periodo innovativo con la nascita dei cru, ossia i vini ottenuti da un unico vigneto: il «Sorì San Lorenzo», dal nome della parrocchia che per prima aveva posseduto le vigne, nel 1967; il «Sorì Tildin», un omaggio alla nonna, nel 1970, e il «Costa Russi» nel 1978. 
Novità in vigna e in cantina
Sono anni questi di grande fermento in vigna e in cantina con l’acquisizione di nuove tecnologie, con la sperimentazione di barrique, con nuove cantine. Pur rimanendo nei confini dell’artigianalità, i cru ben presto raggiungono vette di eccellenza tanto da essere contesi come capolavori d’arte, pur nell’inadeguato numero di bottiglie prodotte rispetto alla domanda, rimanendo così capolavori da tutti apprezzati e ricercati. Anche se a disposizione  di pochi eletti. 
Importante fu anche una nuova strategia di mercato, allora molto criticata dai concorrenti, essendo stato il primo a vendere il proprio vino «en primeur», ossia su prenotazione come già facevano a Bordeaux per i «premiers crus». 
Altro particolare importante che permette di riconoscere subito una bottiglia Gaja è il logo del cognome stampato in grande su tutta la larghezza dell’etichetta tanto da sembrare più importante del nome del vino stesso, operazione già intrapresa da nonno Angelo. Il mondo del vino, tramite Gaja ha dato un valore primario all’uomo: al di là di certificazioni, disciplinari e quant’altro. La fiducia va all’azienda. 
Ma come in questo caso a un uomo: unico.   Andrea Grignaffini 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

rogo

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: pari del Pordenone, Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

1commento

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

8commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Alta Velocità

Italo aumenta i collegamenti di Parma con la stazione Mediopadana

3commenti

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

TRASPORTI

Nuovi autobus sulla linea 7. Più grandi e con il wi-fi

I dodici mezzi sono autosnodati, lunghi 18 metri e sono costati circa 3.5 milioni

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video