-3°

Il piatto forte

E' grazie a Maria Luigia se abbiamo il pomodoro

E' grazie a Maria Luigia se abbiamo il pomodoro
0

Andrea Grignaffini
Il colore più spinto e sfacciato della nostra bandiera: il rosso. Che diventa bandiera gastronomica quando si appalesa il pomodoro. Un simbolo pregnante ancorché acquisito. La sua storia risale attorno ai primi anni del Cinquecento quando fu importato dall’America Centrale, dove era conosciuto già dai Maya e più tardi dagli Aztechi, nella parte meridionale del Messico, portato prima in Spagna e da qui in altre nazioni fra cui l’Italia.
Uno dei primi a conoscerlo fu Cosimo de' Medici avuto in dono tramite la moglie Eleonora di origine spagnola.  Quei «pomi d’oro» lo incuriosivano molto come pianta esotica tanto che fece allestire un giardino con diverse varietà botaniche provenienti dal Nuovo Mondo. Iniziò così la coltivazione del pomodoro considerato più per le sue virtù terapeutiche che culinarie.
 Furono gli spagnoli i primi ad aver ricevuto i semi della pianta e gli antesignani nella sua coltivazione e nella preparazione di piatti in cui compariva il pomodoro, da loro chiamato «tomate», derivante dall’originale parola azteca «tomatl».
Nel XVIII secolo in alcune regioni in particolare nel Sud d’Italia, dove più massiccia era la presenza dominatrice spagnola, cominciò a diffondersi la coltivazione e di conseguenza il suo utilizzo in cucina. Un caso a parte è Parma dove Maria Luigia d’Austria si insediò portandosi al seguito il suo cuoco personale, Jean-Gabriel Leblanc, sostituito alla sua morte dal famoso Vincenzo Agnoletti, entrambi grandi estimatori di pomodoro conservato sotto forma di passata da utilizzare nelle varie preparazioni.
Nasce così la necessità di estendere la sua coltivazione nel territorio parmense molto adatto a questo frutto così versatile sperimentando nel corso degli anni nuove varietà secondo il suo utilizzo adatte alla sua trasformazione e conservazione, incrementando fortemente l’industria conserviera, esportata in tutto il mondo.
 Fra le tante tipologie più conosciute ricordiamo il San Marzano coltivato tra Napoli, Salerno e Avellino dove ha trovato un microclima (risentendo dell’influsso dell'aria marina) e un terreno di origine vulcanica che gli conferiscono un colore rosso brillante, una polpa carnosa, un sapore dolce con cenni delicatamente aspri, ideale per la preparazione di salse e pelati.
Dal 1996 i pomodori San Marzano coltivati in quelle zone hanno ottenuto il marchio DOP (con albo regionale delle aziende che lo lavorano) ma già da prima sono stati i pomodori della celebre «pummarola». Una qualità che si esalta nelle cotture brevi per sfruttare al meglio la personalità spiccata ma elegante che li rende straordinari in zuppe fredde indimenticabili.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

televisione

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Auto travolge persone alla fermata dell'autobus fra Cascinapiano e Torrechiara

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci

14commenti

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

consiglio comunale

Polemica D'Alessandro-Vescovi sui vaccini La diretta

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

11commenti

lega pro

Febbre Venezia-Parma: iniziata la prevendita

furti

Quartiere Lubiana, la razzia dei fanali delle Audi

furto

Via Dalmazia, i ladri se ne vanno con i coltelli

Epidemia

Legionella: domani la verità

2commenti

manifestazione

"Natale in vetrina crociata", grande entusiasmo per le premiazioni Video Gallery

Inizia il coro, poi segue tutta la sala: oltre cento bimbi cantano l'inno del Parma - Video

Il caso

Parrocchie in campo contro le povertà

4commenti

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

maltempo

Piano neve e ghiaccio, il Comune: "Ecco cosa devono fare i cittadini"

2commenti

Basilicagoiano

Allarme droga tra i minorenni

1commento

COMMEMORAZIONE

Quelle pietre davanti alle case chi fu deportato

via emilia

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini Video

Lutto

Addio ad Angelo Ferri, il «fontaner»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

13commenti

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

di Francesco Monaco

1commento

ITALIA/MONDO

scuola

Nuova maturità: non ci sarà più bisogno di avere tutte le sufficienze

1commento

il caso

Cucchi: omicidio preterintenzionale per 3 carabinieri

2commenti

SOCIETA'

Fra Salimbene

Chi ha rotto la porta dei bagni dei maschi?

3commenti

roma

Colosseo nel mirino dei vandali: scritte con lo spray su un pilastro

SPORT

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

PUGILATO

Fragomeni è tornato: l'ungherese Polster finisce al tappeto

CURIOSITA'

Correggio

“Mai più”: le opere di Bruno Canova per il Giorno della Memoria Foto

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video