11°

Il piatto forte

E dal Messico arriva il frutto che sa di burro

E dal Messico arriva il frutto che sa di burro
Ricevi gratis le news
0

di Andrea Grignaffini

Presenza ormai fissa di ogni banco, neanche tanto esotico, del supermercato, l’avocado in Italia è tanto conosciuto, almeno dagli anni Sessanta, quanto poco utilizzato con proprietà. La sua storia ha un percorso molto lungo iniziando ben oltre 7000 anni fa nell’America Centrale e Meridionale, dove era conosciuto e apprezzato dalle popolazioni per essere molto nutriente. Nel tempo ha trovato terreno fertile soprattutto in Messico, dove gli Aztechi lo consumavano come una sorta di intruglio dal nome ancor oggi conosciutissimo, il celebre guacamole. La sua coltivazione si è poi estesa anche negli Stati Uniti e nel bacino del Mediterraneo. L’avocado, detto anche «pera del burro», appartiene a una pianta decidua delle Lauracee, il frutto è una drupa, dalla buccia coriacea, con un grande nocciolo e una polpa tenera, burrosa, cremosa, ricca di oli, di colore giallino. Le sue foglie sono allungate, dure e vengono impiegate in cucina in quanto le più adulte conservano le caratteristiche gustative proprie del frutto. Molte sono le varietà di avocado: dai piccoli allungati che si mangiano con la buccia, a quelli molto grossi (arrivano a pesare anche due chili) dalla pelle rossiccia e forma di pera. Fra le più conosciute spicca la varietà di Hass, un ibrido d’origine messicana e guatemalteca, che prende il nome da Rudolfh Hass che nel 1935 ha brevettato con il suo nome tutti i discendenti da un’unica pianta madre la cui vita è terminata nel 2002. L’Hass è piccolo, con la buccia bitorzoluta verde che durante la maturazione diventa molto scura quasi nera, si sbuccia facilmente, molto ricco di oli, e dal sapore di noce e di burro. Fuori dal Messico troviamo l’ibrido Fuerte, coltivato nell’area Mediterranea, dalla forma a pera, molto noto, piuttosto grosso, verde con buccia liscia e gusto dolce e delicato. Il Nabal, invece, è grosso, arrotondato, con buccia verde, liscia e meno saporito. Determinante per la preparazione di piatti con avocado è la sua capacità di ossidarsi rapidamente all’aria che gli conferisce un aspetto scarsamente appetibile, pertanto è consigliabile utilizzarlo sempre all’ultimo momento. Indicazione importante è la giusta maturazione per cui è d’uopo metterlo in un sacchetto di carta, chiuderlo e conservarlo a temperatura ambiente, quando avrà raggiunto il giusto grado di maturazione, si conserva benissimo in frigorifero. L’avocado è un frutto con un’alta percentuale di grasso, dal sapore accentuato di noce, ma molto delicato, da gustare soprattutto crudo. E’ molto versatile e si coniuga bene nella preparazione di antipasti, insalate, salse, abbinato a pesce, gamberi in primis, o insalate miste, ridotto in purea o semplicemente mangiato al naturale, affettato e condito con olio e limone.

-La ricetta
Facciamo come gli aztechi: ed ecco il guacamole
La salsa guacamole, il cui nome deriva dall’unione di due parole azteche che corrispondono ad «avocado» e «miscela», è molto conosciuta e utilizzata già dagli aztechi per accompagnare le famose tortillas oppure tacos o botans (stuzzichini). In Messico il guacamole è un miscuglio preparato come un tempo con l’utilizzo del pestello e del mortaio (tejolote e molcajete), oppure schiacciato con una forchetta, sconsigliabile i nuovi strumenti tecnologici come i frullatori in quanto diventerebbe troppo cremoso. Occorre schiacciare con una forchetta un avocado dopo averlo tagliato a metà, tolta la buccia e la polpa, mescolarlo con circa mezzo cucchiaio di cipolline fresche tritate finemente, un pomodoro pelato, tolti i semi e tagliato a tocchetti, alcune foglioline di coriandolo tritate, mescolare bene aggiungendo un poco di succo di lime e una presa di sale. Servire subito, a piacere con l’aggiunta di tabasco o pepe.

-Idee 
Con i  gamberi è ormai un classico delle cene estive
Famoso e molto appetibile, soprattutto nel periodo caldo, il cocktail di gamberi in salsa di avocado da servire in coppe o bicchieri capienti. Lessare i gamberi per brevissimo tempo, sgusciarli e riporli in frigorifero. Per la salsa: tagliare a metà l’avocado, togliere il nocciolo spolparlo e affettarlo, metterlo nel mixer con cipolla e aglio tritati, unire panna da cucina fresca, poco succo di lime e olio extravergine d’oliva. Frullare fino a diventare cremosa. In un bicchiere, sistemare a strati alterni i gamberi, ricoprire di salsa all’avocado fino al termine degli ingredienti. Conservare in frigorifero fino al momento di servire, decorando con sottili fette di lime. Ma l’avocado si abbina molto bene anche a insalate fredde di pollo, agli agrumi pelati a vivo e conditi una vinaigrette leggera, a insalate verdi, peperoni, formaggi, prosciutto per quel suo gusto contrastante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Striscioni per ricordare Giulia davanti al liceo Marconi: foto

PARMA

Striscioni per ricordare Giulia davanti al liceo Marconi Foto

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

VIA GORIZIA

Apre la portiera dell'auto e un uomo lo minaccia con un coltello: un arresto per rapina

Il giovane minacciato è fuggito e ha chiamato i carabinieri. In manette un tossicodipendente

tg parma

Fango, acqua, lavoro e tanta amarezza: parlano gli sfollati di Colorno Video

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

ENZA

Si lavora per il ripristino delle sponde di Enza e Parma Video

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

1commento

GAZZAREPORTER

Problemi alle luminarie: vigili del fuoco in via D'Azeglio Foto

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

INFOMOBILITY

Sosta e transito nelle Ztl: ecco come rinnovare il permesso per il 2018 

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

6commenti

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

PARMA

I torrini del Battistero danneggiati: arrivano le impalcature Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

PARLAMENTO

Approvata la legge sul biotestamento. Le novità punto per punto Video

BOLOGNA

Peculato: condannato l'ex capogruppo Pd in Regione Marco Monari

SPORT

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

RUGBY

Carlo Orlandi (Zebre): "Cerchiamo di migliorare il possesso palla" Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS